Connect with us

Hi, what are you looking for?

Reportage Live

Reportage: BRUCE SPRINGSTEEN in concerto a Napoli (foto e scaletta)

Grandi sorprese per la prima data italiana del tour 2013 del Boss. Se infatti ormai la pioggia accompagna spesso le date italiane (vedi Firenze 2012), non capita spesso di vedere Springsteen che intorno alle 18, con una Piazza Plebiscito ancora semi vuota, esce sul palco con chitarra e armonica per intonare “This hard land” e “Growin up”. A dire il vero il concerto non sarà da tutto esaurito, i presenti saranno sotto i 20.000, nonostante la location e le origini campane del Boss (Vico Equense, vicino Napoli).

L’inizio è intorno alle 20.00, quando escono Nils Lofgren, Charlie Giordano e Roy Bittan che, successivamente raggiunti dal resto della band, intonano le note di “‘O Sole Mio”. Subito si comincia con una parte tirata del concerto: “Long walk home”, “My love will not let you down”, “Out in the street” e “Hungry heart”, pezzi inconsueti viste le recenti scalette, ma seguiti dall’immancabile “Wrecking ball”. Grande interazione come sempre con il pubblico con annessa raccolta dei cartelloni dei fan da parte del Boss; “My love Rosalita is here” recita uno di questi.

bruce-springsteen-napoli4

Ed è proprio “Rosalita” il brano dedicato ad una giovance coppia di ragazzi, seguito da “The River”, prolungata più del solito e cantata all’unisono da tutti. Uno dei punti più alti dello spettacolo è il lungo assolo di chitarra che introduce “Prove it all night”; il pezzo accompagna i presenti alla parte migliore e più bagnata dello show: “Who’ll stop the rain” dei Creedence Clearwater Revival e la E Street Band al completo sotto la pioggia per suonare a ritmo di marcia “Pay me my money down”.

“My hometown” è dedicata alle sue origini, la Vico Equense che Springsteen ricorda tenendo in mano un poster in bianco e nero del ristorante di famiglia Zerilli. Dopo l’immancabile duo “Born to run” e “Born in the U.S.A.”, il saluto della E Street Band sulle note di “Twist and shout”, è da solo che il Boss decide di chiudere le circa tre ore del concerto napoletano.

Imbraccia una chitarra acustica ed ammutolisce i presenti con una “Thunder road” da brividi. Il ricordo va all’ultimo concerto acustico di Napoli: “Quella sera ho chiuso il concerto con questa canzone e così farò stasera“.
Ora come allora tutti sono incantati. Il miglior finale che si potesse aspettare.

bruce-springsteen-napoli1

Scaletta Bruce Springsteen – Napoli – 23 Maggio 2013

O Sole Mio
Long Walk Home
My Love Will Not Let You Down
Out in the Street
Hungry Heart
We Take Care of Our Own
Wrecking Ball
Death to My Hometown
Spirit in the Night
Rosalita (Come Out Tonight)
The River
Prove It All Night
Radio Nowhere
The Promised Land
Pay Me My Money Down
Shackled and Drawn
Waitin’ on a Sunny Day
Who’ll Stop the Rain?
The Rising
Badlands
Land of Hope and Dreams
– – – – – – – – – –
My Hometown
Born in the U.S.A.
Born to Run
Dancing in the Dark
Tenth Avenue Freeze-Out
Twist and Shout
Thunder Road

bruce-springsteen-napoli2

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Cinema

Sony Music Entertainment annuncia l’imminente uscita di un nuovo film di Bruce Springsteen & The E Street Band: “The Legendary 1979 No Nukes Concerts“....

Video

I Killers e Bruce Springsteen si sono scambiati reciproci apprezzamenti per diversi anni, ma non hanno mai, fino ad ora, registrato insieme. Oggi, la band e...

Film

Un omaggio alla Napoli bella, rivolta all’avanguardia, sempre più distaccata dalla tradizione melodica e alla ricerca di nuovi mondi sonori: a fine degli anni...

Recensioni

Dug deep in my soul And signed my name true And sent it in my letter to you Diversi anni fa (era il 1996, al Teatro...