Connect with us

Hi, what are you looking for?

News

SZIGET Festival risponde agli organizzatori di HOME Festival


HOME FESTIVAL,  85.000 PRESENZE, E’ IL FESTIVAL GRATUITO PIU’ GRANDE DELL’EUROPA MERIDIONALE. LA LETTERA APERTA DELL’ORGANIZZAZIONE: “CREIAMO UN INDOTTO DA MILIONI DI EURO, CI VOGLIONO IN TUTTA ITALIA,  HA SENSO RIMANERE A TREVISO?

Entusiasmo e delirio per i Subsonica nella notte di chiusura dell’Home Festival. Una zona Dogana divenuta tappeto umano è stata la degna chiusura dell’Home Festival. Sul palco, “Samuel”, leader della band, ha ringraziato gli organizzatori dell’evento, facendo partire un immenso applauso che ha coinvolto i presenti. “E’ incredibile che riusciate a realizzare cose di questo genere gratuitamente, bravi”, ha urlato dal microfono la voce dei Subsonica. Anche per la band torinese è stata una data importante, che ha chiuso il tour italiano in attesa di volare in Nord America: presente tutto lo staff dei torinesi, una ottantina di persone. “Noi ci fermiamo per qualche mese o qualche anno”, ha rivelato Samuel. “O forse magari non torniamo più”, ha aggiunto (in tono ironico, sperano i fan).

LETTERA APERTA ALLA CITTA’ DI TREVISO DA PARTE DEGLI ORGANIZZATORI DELL’HOME FESTIVAL
La terza edizione dell’Home festival si è appena conclusa, con un successo di pubblico come previsto. Il giovedì sera, la notte del Veneto Attack, in Dogana a Treviso sono arrivate 18.000 persone. Il venerdì (con Africa Unite e Roy Paci) 12.000; il sabato 25.000 grazie a Teatro degli Orrori e Afterhours. La domenica record assoluto della manifestazione, oltre 30.000 persone. Capitano cose di questo genere solo quando l’Italia vince i mondiali di calcio: abbiamo stimato 85.000 presenti in tutto. Un successo per l’organizzazione: centinaia di persone e associazioni che hanno lavorato, creduto, operato gratuitamente e speso mesi di vita nel progetto Hf. Ma vogliamo ringraziare anche le aziende, i fornitori, i tecnici, gli artisti, le forze dell’ordine, la polizia locale e l’amministrazione per aver contribuito al nostro successo.
Va chiarito che siamo di fronte ad un evento totalmente realizzato da privati e reso possibile dal loro mecenatismo con il solo patrocinio di Comune, Provincia e Regione. Una iniziativa che ha destato un impressionante interesse popolare, a partire dalle decine di associazioni del territorio, che si sono messe in mostra con banchetti e show di ogni genere. Un evento reso possibile anche da una copertura mediatica eccezionale e da una sensibilità dei mass media locali sublime, persino nell’evidenziare le criticità anche se molte di queste fatte di sole insinuazioni e chiacchiere: abbiamo contato centinaia tra articoli giornalistici, servizi radio e televisivi. Ma anche recensioni su siti internet e blog, sollecitati dalla viralità diffusa sui social network.

Adesso è ora di pensare alla prossima edizione e di crescere ancora. Non possiamo più nascondere che in tanti ci hanno chiesto di cambiare città. L’Hf fa gola e non solo per la proposta artistica o d’intrattenimento (in tre manifestazioni abbiamo fatto suonare ed esibire centinaia di artisti italiani), ma per il fatto di aver coinvolto solo aziende e attività locali. Ci contattano di continuo amministrazioni disposte a finanziarci e a garantirci un totale supporto logistico oltre che promoter che vorrebbero realizzare con noi la manifestazione: abbiamo bisogno di ottimizzare i servizi a favore della manifestazione, servizi necessari per agevolare un pubblico che arriva da tutta Italia.
Dopo tre edizioni in continuo miglioramento, nel 2013 punteremo su ospiti stranieri, per portare la manifestazione a livelli ancor più internazionali. E dunque cresceremo ancora, e di molto. Ci domandiamo: ma Treviso che dice e che pensa? Il festival gratuito più grande dell’Europa meridionale è troppo per lei? Vuole nuovamente ospitare l’Home Festival ed il suo popolo, che ha dimostrato in tre anni, a parte qualche disagio ai residenti, un comportamento encomiabile? La nostra volontà e di rimanere. Ma per poter continuare a realizzare il festival, abbiamo bisogno dell’aiuto e la comprensione di tutti e se così non fosse Hf si trasferirà sicuramente.

Amedeo Lombardi – Titolare dell’Home Rock Bar e organizzatore dell’Home Festival


MR SZIGET RISPONDE ALLA LETTERA APERTA DELL’HOME FESTIVAL. “L’HF DIVENTI IL MIGLIOR FESTIVAL GRATUITO D’EUROPA: LA CITTA’ DI TREVISO, SE VUOLE, NE HA LE POSSIBILITA’”
A seguito della lettera aperta di Amedeo Lombardi, organizzatore dell’Home Festival, che ha chiesto ai trevigiani comprensione e aiuto nell’ottica di mantenere a Treviso il più grande festival italiano gratuito (e probabilmente quello più riuscito in questa stagione di crisi), riceviamo  e inoltriamo queste parole di Giulio D’Angelo, responsabile relazioni internazionali “L’Alternativa – Sziget Italia”, docente di Storia ed Estetica musicale Conservatorio “Tartini” Trieste, che quest’anno ha passato un paio di giorni a Treviso, ospite della manifestazione.

Ricordiamo che lo Sziget è il festival di Budapest, giunto alla ventesima edizione e premiato come miglior festival europeo. D’Angelo è l’anima della macchina organizzativa in Italia (sono seimila in media i giovani che ogni anno emigrano per seguire l’evento). Queste le dimensioni del Sziget 2012: 379.000 persone paganti (abbonamenti da 225 euro per la settimana, biglietto giornaliero 50 euro) e tra queste 30.000 che vivono in campeggio (1.500 bagni e 500 docce); 12.000 persone impegnate per la gestione dell’evento (tra gli altri, 1.200 per la sicurezza, 400 tra personale medico e sanitario, 600 addetti alla pulizia). Nell’area sono predisposti sessanta punti show e quindici palchi, dove si sono esibiti 500 artisti provenienti da 43 nazioni.

LA LETTERA APERTA DI GIULIO D’ANGELO, RESPONSABILE ITALIA DELLO SZIGET


Collaboro e lavoro da quasi un ventennio al Sziget Festival di Budapest, il più grande Festival di culture giovanili d’Europa, appena premiato con il prestigioso “Best european major festival award”. E’ stato per me un onore contribuire ed assistere alla crescita di un grande evento che negli anni è diventato la principale attrazione turistica della nazione, ha portato la città di Budapest a notorietà, coinvolgendo centinaia di migliaia di giovani da ogni parte d’Europa.
Uno dei nostri partner privilegiati in Italia è l’Home di Treviso, una scelta derivata dalla serietà e dalla professionalità che dal primo incontro abbiamo riscontrato negli organizzatori. Avendo letto la lettera di Amedeo Lombardi, mi piace inviare alcune mie considerazioni.
C’è una equazione più volte enunciata e mai smentita: per ogni euro investito da una comunità in fatti di cultura ne tornano quattro. La veridicità di questa affermazione a voi della Marca dovrebbe essere ben chiara viste le tante attività che han visto coinvolta la vostra città, dalle grandi mostre d’arte agli spettacoli di teatro, e ancor più vi è chiaro dopo il franco successo di pubblico dell’appena trascorso Home Festival; non solo un successo artistico ma un successo che ha coinvolto tutti i comparti economici trevigiani, dalla ricezione alberghiera, alle attività di ristorazione, dal  benzinaio all’edicolante. Per me, questi giorni a Treviso sono stati anche un esempio di quello che si può fare, e bene, in Italia. E quel che si potrebbe fare ancor meglio.


In Italia manca un vero festival, che sia happening e non un mero assieme di concerti. In Italia manca un “vero” grande festival musicale simile al nostro Sziget ma anche ai tanti festival che costellano tante realtà dell’Europa del Nord e delle isole britanniche; un festival dove gente da tutto il mondo possa creare per un periodo più o meno breve una comunità che vive insieme 24 ore al giorno, che si diverte ma anche impara, si apre a nuove esperienze, è parte attiva e non solo passiva di un evento, che contagia col suo entusiasmo e col suo vissuto anche i cittadini che ospitano l’evento.
Questa carenza fa sì che ogni estate si assista ad una pacifica migrazione di migliaia di giovani italiani che vengono al Sziget, vanno a Glastonbury, all’Exit di Novi Sad o ad uno i tanti festival tedeschi. E in Italia? Chiunque lavori in ambito musicale dice che “è impossibile, troppe spese, troppa burocrazia, troppa aleatorietà delle normative e degli obblighi e quindi troppi costi aggiuntivi rispetto ad altre nazioni”. In più, troppo poco coraggio di imprenditori e potenziali sponsor, impossibilità di far programmi a lunga o media scadenza, poca predisposizione delle comunità a sopportare qualche disagio logistico a fronte di indubbi ritorni economici e di immagine. Tutto vero, purtroppo: realtà vera, ma non immutabile.
Ecco, se penso all’Italia, se penso ad un posto dove quanto appena detto si possa smentire, quello è proprio Treviso, è proprio l’Home Festival. Cosa ci vuole per rendere l’Home Festival, la città di Treviso, la sede del vero e grande festival italiano? Siete avvantaggiati: i vostri luoghi son bei luoghi, con le necessarie infrastrutture: luoghi pieni di storia e di cultura che ancor più rendono attrattivo un qualsiasi evento si vada a proporre. Più spazi, un’area  attrezzata di campeggio, una maggior connessione con la città e il territorio, una partecipazione ancor più forte delle realtà imprenditoriali locali, un approccio “amichevole” con gli ospiti.
 Tutto questo più un ultimo elemento indispensabile: autorità amiche e coinvolte, autorità cui ormai non si debbano più chiedere contributi e “patrocini onerosi” ma disponibilità a rimuovere i tanti lacci e lacciuoli che obiettivamente ostacolano l’agire di chiunque in Italia voglia lavorare, non solo in campo d’arte e di cultura.
Troppo, poco, impossibile? Mi piacerà scoprirlo nei prossimi anni. Auspico che se qualcuno dovrà superare i numeri, i record e gli attestati del “mio” Sziget Festival, siate voi, sia il vostro festival, sia la vostra città.

Giulio D’Angelo
 – Responsabile relazioni internazionali L’Alternativa – Sziget Italia, docente di Storia ed Estetica musicale Conservatorio ‘Tartini’ Trieste

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Reportage Live

Max Casacci live al Winter Revolution di Bergamo. DJ Set presso il Piazzale degli Alpini luogo dove avviene il Bergamo1000

Concerti

Al via l’evento AMA Music Festival, 5 giorni di musica immersi nel verde di Villa Ca’ Cornaro a Romano d’Ezzelino (VI). Mentre il concerto...

Festival

Il Sziget festival si terrà tra il 10 e 15 Agosto 2022 sull’Isola di Obuda – Budapest, e la vendita dei ticket partirà con...

Festival

La XV Edizione dell’Etruria Eco Festival si svolgerà dall’1 al 31 Agosto 2021 presso il Lungomare dei Navigatori Etruschi di Campo di Mare in Cerveteri (Rm). In programma: Subsonica, Coma_Cose, Negrita, La Rappresentante di Lista, Melancholia, Piotta,...