Connect with us

Hi, what are you looking for?

Interviste

Intervista a Frank Carter: “Non vogliamo essere solo hardcore o punk”

Intervista e traduzione: Veronica Drago
Con la collaborazione di: Fabio Cangianiello
Fotogallery: Denis Ulliana
Thanks to: Nicola Lucchetta

Dopo aver aperto i concerti dei Biffy Clyro a inizio 2017, il gruppo hardcore punk inglese The Rattlesnakes è tornato in Italia lo scorso 31 agosto in occasione del Day 1 all’Home Festival di Treviso, sotto la guida dell’istrionico frontman Frank Carter (ex Gallows e Pure Love). Prima del live, abbiamo avuto l’occasione di scambiare qualche battuta proprio con Frank, parlando di “Modern Ruin”, il loro fortunato secondo album in studio, della sua vita privata e della situazione politica in UK.

Frank Carter & The Rattlesnakes sarebbero dovuti tornare in Italia domenica 24 settembre all’Alcatraz di Milano. Tuttavia, in una nota apparsa poche ore fa sulla pagina Facebook ufficiale del gruppo, si è appresa la decisione di cancellare tutte le date europee, che li avrebbero visti al fianco dei Papa Roach, a causa di problemi personali dello stesso Frank. Da circa due anni, come si legge nella nota, il frontman combatte contro periodi alternati di luce e buio, ed è ora giunto il momento per lui di fermarsi, per ritrovare un equilibrio mentale. Questo è il link alla nota > facebook.com/frankcarterandtherattlesnakes/

“Modern Ruin” è basato sulle relazioni umane, parla di quando velocemente si possa passare da un momento brillante a un momento di buio. Credi che il pubblico abbia capito il concetto? Sei soddisfatto di com’è andato l’album?
La pubblicazione dell’album è stata perfetta, è andata molto bene, ma non credo sia compito mio occuparmi di capire se è stato compreso dal pubblico. Una volta che l’album è uscito, non ha importanza ciò che stavo cercando di dire, perchè da quel momento in poi l’album appartiene a ogni singola persona che lo ascolta e avrà un significato diverso per ogni persona. Nel complesso la reazione del pubblico è stata decisamente positiva, credo sia stato un successo.

A tre anni dall’inizio del progetto, puoi dire che questo è stato il migliore che hai portato avanti finora?
Sicuramente, è fantastico, mi ha fatto rendere conto che sono davvero fortunato a poter suonare di nuovo, e suonare questo tipo di musica. Viaggio per il mondo, c’è così tanto per me da celebrare e mi sento davvero molto fortunato.

Clicca qui per vedere le foto di Frank Carter a Treviso (o sfoglia la gallery qui sotto).

“Modern Ruin” ha un suono e delle complessità completamente differenti rispetto al vostro album di debutto, “Blossom”. Che cos’ha influenzato questo cambiamento?
Volevamo essere sicuri che molto presto i nostri fan potessero capire che non vogliamo essere incastrati in un unico genere. Non vogliamo essere solo una band hardcore o punk, ma vogliamo suonare tutti i tipi di musica, aggrovigliandoli tra loro per creare un sound unico, ed è per questo che lo abbiamo scritto così. Inoltre, ciò che non molti sanno è che abbiamo scritto “Blossom” e “Modern Ruin” nello stesso anno. Tutte quelle canzoni sono state scritte nel 2015 e li abbiamo registrati a 6 mesi di distanza l’uno dall’altro, ma abbiamo atteso un altro anno per la pubblicazione di “Modern Ruin” perché era troppo presto. Quando la gente lo scopre dice che è ok, è eticamente giusto, perché c’è talmente tanta diversità nella musica, ed è esattamente ciò che abbiamo sempre voluto, solo essere liberi.

Hai una bimba di due anni e mezzo. La tua vita è cambiata dopo il suo arrivo, ti ha fatto cambiare punto di vista sul modo in cui leggi il mondo?
Ogni singola parte di me è cambiata quando sono diventato padre. Ovunque vada, qualsiasi cosa veda, il modo in cui interagisco con le persone, non posso fare a meno di pensare a lei e di pensare al modo in cui poterla rendere orgogliosa, con cui poter avere un impatto positivo nella sua vita. Quindi sì, tutto è cambiato quando è nata mia figlia, e sta ancora cambiando, continua a cambiare ogni giorno.

Pensi che avrai un altro figlio?
No, non credo proprio.

Oggi suonerete ad un festival. Qual è la differenza tra l’esibirsi in occasioni come questa e l’esibirsi nei club? Cosa preferisci?
Entrambe le situazioni hanno dei pro e dei contro. Amo l’energia dei piccoli club, è un’atmosfera autentica a cui non puoi sottrarti, ma poi amo anche l’energia e l’atmosfera delle folle giganti. Penso forse di aver sempre preferito i festival perchè c’è più spazio e hai l’opportunità di raggiungere l’attenzione di nuovi fan, è di sicuro più facile conquistare dei nuovi fan suonando nei festival che non in piccoli club. Credo che vincano i festival. Ma probabilmente, se me lo richiederai fra due mesi, avrò cambiato idea.

La Brexit avrà un impatto definitivo sulla vita dei cittadini entro un paio d’anni. Come cittadino inglese e come padre, sei preoccupato per il futuro del tuo Paese e per la tua vita?
Sì, sono fottutamente preoccupato. Sono impaurito, credo sia una delle scelte più deludenti e senza senso che il nostro Paese abbia mai preso negli ultimi quindici anni almeno. Però sai, se c’è una buona cosa emersa da tutta questa situazione, è che tra i giovani c’è stato un netto incremento di interesse per la politica, che ora prestano attenzione al voto. Quello che spero, è che il prossimo anno, o entro un paio di anni, potremo fare un altro referendum, e che la generazione più giovane parli a voce alta, facendo la differenza.

Il successo di Jeremy Corbyn alle ultime elezioni può essere considerato un piccolo segnale di questo interesse dei giovani verso la politica.
Sì, è esattamente così.

Marito, padre, frontman, tatuatore. Dove trovi e come gestisci l’energia per fare tutto questo? C’è un ruolo che preferisci ricoprire?
Mi piace essere un papà e mi piace essere un artista. Di solito dipende da ciò su cui sto lavorando al momento e che mi sta interessando di più. Sono molto fortunato ad avere una famiglia che mi supporta e che mi permette di essere libero di lavorare su qualsiasi progetto sia importante per me sul momento. Non so davvero dove trovo il tempo, ma continuo a cercare di raccogliere tutti i pezzi che mi compongono e mantenerli insieme.

[embedvideo id=”DDgekKQ8nLc” website=”youtube”]

Laureata in Scienze della Comunicazione e masterizzata in Comunicazione delle Scienze (no, non l'ho fatto apposta) con, nel mezzo, una magistrale in Editoria e Giornalismo. Mi porto appresso un soprannome brutale, ma nella realtà somiglio di più a un Kookaburra. Amo gli animali, un po' meno certi esseri umani. Sono cresciuta a ovetti Kinder, Nirvana, Distillers, Run Dmc, Beastie Boys, Spice Girls (ebbene sì) e Prodigy. Per essere felice oggi mi bastano del buon shopping online, un doppio pedale hc, Dave Grohl, un cd dei Rise Against e un concerto dei Ministri. E un altro ovetto Kinder, dai.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Concerti

Hellfire Booking Agency ed Erocks Production sono felici di annunciare l’arrivo di una bomba a mano: arrivano i Frank Carter & The Rattlesnakes! Se con...

Video

La rock band inglese Frank Carter & The Rattlesnakes ritorna con il nuovo singolo “My Town”, con la partecipazione di Joe Talbot degli IDLES. La traccia, che suona come una...

Festival

“Quest’anno sarebbe stata la nostra decima edizione, un anniversario importante che avremmo voluto festeggiare insieme al nostro pubblico per celebrare 10 anni di grande...

Festival

Quest’anno HOME FESTIVAL festeggia i suoi primi 10 anni e torna dal 10 al 12 luglio nella straordinaria cornice del Parco San Giuliano di...