Connect with us

Hi, what are you looking for?

Reportage Live

BAND OF HORSES: reportage, foto e scaletta del concerto di Milano

Articolo di Simona Ventrella | Foto di Roberto Finizio

Le nubi di tanto in tanto
ci danno riposo
mentre guardiamo la luna.
(Matsu Basho)

Probabilmente il maestro giapponese Matsuo Basho quando scrisse questi bellissimi versi non pensava che le nubi milanese non sempre sono propense a dare riposo alla città, per nostra fortuna, però, almeno per una sera, ci hanno pensato Ben Bridwell e soci.

Il live al Magnolia di Milano della band di Seattle è stato infatti una fresca sferzata di energia e una piacevolissima conferma per una formazione longeva, in continua mutazione e baciata tante volte dalla fortuna e dal successo, tanto da renderli una grande anomalia nel panorama della musica indie. Molti di noi, infatti, avranno sentito le loro canzoni usate come colonna sonora in svariate serie televisive e sitcom (Psych, Fringe, FlashForward, Numb3rs, Criminal Minds, One Tree Hill, Gossip Girl, How I Met Your Mother, The O.C. , Strappare lungo i bordi e La casa di carta) senza avere la minima consapevolezza della mente dietro a quelle bellissime liriche. 

Band Of Horses in concerto al Circolo Magnolia di Segrate MI foto di Roberto Finizio per www.rockon.it

E così quelle canzoni sono diventate parte del nostro sostrato culturale e quando le ascoltiamo, inevitabilmente, scatta qualcosa nella memoria, un’emozione, una sensazione, un ricordo… sarà per questo, per la bravura dei musicisti, per il suono compatto e preciso della band, per l’attenzione e la cura della perfomance, che non ci stancheremo mai di ascoltare questa grande band live.

Ci sono band che naturalmente perdono rilevanza nel tempo, e poi ci sono band che cadono con una tale velocità e determinazione che ti chiedi se hanno mai avuto una  vera comprensione del proprio fascino. Sulla scia dell’entusiasmante e del travolgente debutto nel 2006 con Everything All the Time, Ben Bridwell ha fatto tutto il possibile per assicurarsi che la sua magia non potesse essere replicata, prima spogliando il gruppo di tutti gli altri membri originali, poi cambiando diverse etichette discografiche, ma soprattutto allontanandosi dall’indie rock più pungente a favore di un dolce e colorato country rock. Questi immensi sforzi distruttivi e in parte evolutivi  non hanno, per fortuna, mai compromesso la consistenza e la profondità del suono, anzi si potrebbe quasi affermare che le tortuosità del percorso  sono servite solo a cristallizzare l’attenzione e la determinazione di Ben Bridwell, nel perseguire una precisa idea di canzone, focalizzata nella cura per gli arrangiamenti maniacale, che trovasse il perfetto equilibrio con la propria vocalità, e che potesse sempre trasmettere un senso di rassicurazione emotiva, consapevolezza, e grazie resiliente.

Band Of Horses in concerto al Circolo Magnolia di Segrate MI foto di Roberto Finizio per www.rockon.it

C’è un candore e un’umiltà intrinsechi da uomo qualunque nelle sue parole che ti attirano ad ascoltare in modo più attento ed empatico. Una familiarità che conoscono bene Ben e i suoi, che nella scelta della scaletta, cercadi di ripercorrere attraverso la loro produzione musicale, pescando a mani basse dai tutti e sei gli album, dando però grande spazio a quei brani del passato, così maledettamente capaci di trasformare lo sconforto in maestosità. Ne risulta uno show bilanciato tra intrecci melodici e ritmici capace di creare una grande partecipazione da parte del pubblico, senza mortificare la parte suonata.

Band Of Horses in concerto al Circolo Magnolia di Segrate MI foto di Roberto Finizio per www.rockon.it

Non ci sono tante parole condivise o spazio per lunghi discorsi, la musica prevale e rimane la protagonista assoluta, tenendo le persone costantemente ingaggiate per un’ora e mezza filata. Un climax che passa da cult come Is there A Ghost e No One’s Gonna Love You e che raggiunge l’apice emozionale grazie alle prime note della celeberrima Funeral.

Non sono mancati i momenti di divertimento con la tiratissima cover di Never Tear Us Apart degli INXS. Ineccepibile, niente da criticare o a modificare, solo la sensazione di aver dedicato del tempo ad una delle oe milgiori che si possa fare e nonostante la pioggia fuori dal tendone del Magnolia non si sia arresa, la magia dei Band of Horses è riuscita a prevalere e a lasciare a tutti un bellissimo ricordo di un altro live eccezionale.

Clicca qui per vedere le foto dei Band of Horses in concerto a Milano o sfoglia la gallery qui sotto

Band Of Horses

BAND OF HORSES: la scaletta del concerto al Circolo Magnolia di Milano

Monsters 
The First Song
NW Apt.
Casual Party 
Warning Signs  
No One’s Gonna Love You  
Island on the Coast
Factory 
Crutch 
Laredo
Lights 
Is There a Ghost
The Great Salt Lake 
Marry Song 
Older
Never Tear Us Apart (INXS cover)
Cigarettes, Wedding Bands
The Funeral 

Encore:
The General Specific

Written By

1 Comment

1 Comment

  1. giunia

    16/11/2022 at 13:52

    Comunque il Magnolia e’ un posto terribile dove ascoltare musica. L’acustica ieri era abbastanza orribile e mi sembra che se ne sia accorto anche Ben :/

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Reportage Live

Ieri 3 dicembre al Fabrique Bonobo, nome d'arte per il produttore Simon Green, insieme all'eterea voce di Nicole Miglis ci ha spiegato come il...

Reportage Live

Foto di Rossella Mele Si è conclusa sabato 3 dicembre SUONO DI SABATO AL MOSSO, la nuova rassegna live di FRANCESCA MICHIELIN che è tornata a Milano con 6 incontri musicali, diversi l’uno dall’altro iniziato lo scorso...

Reportage Live

Foto di Rossella Mele Nel decimo anno dall’uscita del clamoroso debutto di “AUFF!!”, i Management tornano sulle scene annunciando il loro ingresso nel roster di Garrincha...

Concerti

In concerto, Rosalía ci mostra come si vive nel futuro del pop, portando sul palco per la prima volta il suo straordinario album "Motomami"