Connect with us

Hi, what are you looking for?

Reportage Live

ALTER BRIDGE in concerto a Bologna: fotogallery, scaletta e reportage live

Foto di Davide Merli | Articolo di Matteo Pirovano

Sono passati due anni dall’ultimo concerto degli Alter Bridge nel nostro paese. Li abbiamo lasciati una calda sera di Giugno con il neonato “Fortress” e li ritroviamo in questo 9 Dicembre a Bologna in un’unipol arena gremita all’inverosimile, forti della recente pubblicazione del nuovo full lenght “The last hero”, che segna il passaggio di etichetta tra Roadrunner e l’austriaca Napalm.

A scaldare il numeroso pubblico accorso sono stati chiamati i neo zelandesi Like a storm, e gli acclamatissimi francesi Gojira, freschi di nomination ai prossimi Grammy Awards nelle categorie miglior performance e miglior disco metal del 2016 . La band è reduce da anni densi di consensi “prestigiosi”, arrivati a più riprese da parte degli Alter Bridge stessi e numerosi altri personaggi di spicco del panorama metal quali, tra gli altri, Mr. Kirk Hammet in persona che li ha etichettati come “la cosa migliore sentita da molto tempo a questa parte”. La band non perde l’occasione di dimostrarlo rendendosi protagonista di uno show preciso e mostruosamente potente. Quando i quattro di Bayonne attaccano con la cavalcata “L’Enfant Sauvage” il pubblico dell’Unipol è già schierato in “assetto da headliner”, e i 40 minuti del loro convincente show sembrano davvero pochi per una band tanto talentuosa.
Frammenti dal nuovo “Magma” sono stati portati sul palco nelle rabbiose esecuzioni di “Silvera”,”Strand” e “The Cell”, per quello che è stato probabilmente solo un gradito antipasto di un tour che li riporterà, si auspica a breve, nel nostro paese.

Lo show muscolare dei Gojira ha così incendiato un pubblico impaziente di salutare con genuino trasporto il ritorno di Mark, Myles, Brian e Scott, che si presentano sul palco (in anticipo sull’orario previsto) sulle note della potentissima, nuova, “The Writing on the Wall” che non tradisce l’impressione avuta durante il primo ascolto di “The Last Hero”: energia allo stato puro. Il secondo pezzo in scaletta segna il primo ritorno di serata in territori “Blackbird” con una celebrata versione dell’ormai classica “Come to life” accolta dal sonoro boato del fantastico pubblico di Bologna, vero protagonista della serata insieme alle chitarre di Mark e Myles. Chitarre che si intrecciano meravigliosamente nella successiva “Addicted to Pain”, uno dei pezzi più riusciti del precedente “Fortress”. Con “Ghost of days gone by” lo show rallenta leggermente nei ritmi per ripartire impetuosamente sulle granitiche note della successiva “Cry of Achilles”. “Crows on a wire” mi lascia parzialmente indifferente, sensazione che svanisce sull’incedere di una strepitosa “Ties that bind”.

Il nuovo album ritorna sul palco nelle vesti della title track e con il secondo, gradevole, singolo “The Champion” (che per qualche oscuro motivo nel ritornello continua a riportarmi alla mente la sigla di “Genitori in blue Jeans”..). La bella “Waters Rising” ci consegna una gran prova di Mark Tremonti, perfettamente a suo agio dietro il microfono, prima di giungere ad un intermezzo acustico con Myles stagliato solo a centro palco.

La prevedibile “Watch Over you” è anticipata da una “chicca”: un’intensa versione acustica di “Wonderful Life”. Il main set si chiude con l’anthemica “Open your eyes”, preceduta da un trittico di pezzi che scatenano il pogo a centro parterre: “Slip to the void”, “Isolation” e una riuscitissima “Metalingus”. Il pubblico si diverte e la band ne risente positivamente sfornando uno dei migliori concerti in carriera (parole loro) che si chiude con un bis composto dal recente singolo “Show me a leader” e la prevedibile “Rise Today”.

A distanza di tre anni dal sorprendente sold out al Forum di Assago gli Alter Bridge si confermano band dal grande richiamo esaurendo i 15000 tagliandi del palazzetto emiliano, numeri da band di rango assoluto. Il tour a supporto di “The Last Hero” ripartirà a Gennaio con una leg nordamericana e un breve intermezzo primaverile in Australia e Nuova Zelanda, nell’attesa di rivederli in un quanto mai probabile ritorno in Europa (al momento non annunciato) nell’ambito dei festival estivi.

ALTER BRIDGE – scaletta concerto Bologna – 9 Dicembre 2016

The Writing on the Wall
Come to Life
Addicted to Pain
Ghost of Days Gone By
Cry of Achilles
Crows on a Wire
Ties That Bind
The Last Hero
Waters Rising
My Champion
Wonderful Life (acoustic)
Watch Over You (acoustic)
Slip to the Void
Isolation
Blackbird
Metalingus
Open Your Eyes
– – – – – – – – – –
Show Me a Leader
Rise Today

Davide Merli
Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Dischi

Essendo un musicista che non perde tempo prezioso, il cantante degli Alter Bridge e di Slash and the Conspirators MYLES KENNEDY ha impiegato i recenti tempi morti dettati...

Festival

La novità di oggi è che al secondo weekend di ROCK THE CASTLE abbiamo aggiunto il venerdì (3 luglio) e saranno ALTER BRIDGE gli...

Dischi

Slash feat Myles Kennedy and the Conspirators – Living the Dream Tour è la testimonianza dell’energica performance della band al leggendario Hammersmith Apollo di...

Concerti

Annunciato il tour del nuovo album e la data italiana. Unico show, unica occasione per vedere una delle rock band più attese ed amate...