Connect with us

Hi, what are you looking for?

Recensioni

VERACRASH – My Brother the Godhead

Go Down Records
Secondo full length per i Veracrash, che per l’occasione hanno preferito produrre i loro suoni bollenti nella fredda Svezia da Niklas Kallgren (Truckfighters). Da questo apparente ossimoro il quartetto milanese è stato in grado di realizzare un disco portentoso, aggressivo e per nulla scontato, nonostante il genere sia inflazionato.
Per “My brother the godhead” i Veracrash hanno preferito optare per uno stoner rock mischiato al doom e al punk, ma con anche spunti di grunge e si sono fatti aiutare da alcuni amici ospiti, si tratta di Niklas Kallgren (Truckfighters), Oscar Johansson (Witchcraft) e di Dave degli Zippo.
L’apertura del disco (Lucifer, Lucifer) ha proprio tutto il sapore del doom che si è fatto grunge, allo stesso modo di come hanno fatto i migliori Soundgarden, mentre con la successiva “Kali Maa” il ritmo si accelera e vira verso sonorità scheggiate e punk, che si miscelano con un grunge vorticoso, producendo un brano dai forti risvolti stoner.
Con la title-track i Veracrash si avvicinano alle sonorità dei Neurosis della fine degli anni ’90 e recuperano, a modo loro, un hardcore-metal con “A blowjob from yalbadaoth”. I riferimenti ai Neurosis tornano in “Obey the void” e “Remote killing” ha un respiro più largo, dunque metal. Il brano più completo è senza dubbio “We own you, bitches”, perché in questo i milanesi hanno convogliato tutti i loro riferimenti musicali, sapendoli amalgamare, senza risultare derivativi, ma originali e in grado di poter dire la loro nel genere metal-stoner e dintorni.

Vittorio Lannutti

[youtube id=”Qkgtgc5Lbok” width=”600″ height=”350″]

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Dischi

No One Sings Like You Anymore è una raccolta di 10 cover di Chris Cornell, che ha selezionato personalmente per celebrare gli artisti e le...

Musica

Articolo di Serena Lotti Al giorno di quaraantena numero 14 abbiamo un pò perso di vista il senso della realtà. Tra video chiamate con...

Musica

Articolo di Claudia Mazza Cosa c’è di più eterno e fermo di un’immagine? Questo momento storico si può descrivere così. Siamo rimasti nelle nostre...

Arte

AGGIORNAMENTO CORONA VIRUS ⚠️ COMUNICATO UFFICIALE DA PARTE DEGLI ORGANIZZATORI ⚠️ La mostra Come as you are: Kurt Cobain and the Grunge Revolution rimarrà...