Connect with us

Hi, what are you looking for?

Recensioni

ANGUS MC OG – Arnaut

“E’l mals es saboros q’ieu sint, / e’il flama soaus on plus m’art”. Questo verso [traducibile a grandi linee con: “Ed è dolce il dolore che sento/e più brucia, più gradevole è la fiamma che arde dentro di me”] è estratto da un’opera di Arnaut Daniel, trovatore di Ribérac del XII/XIII secolo omaggiato da Dante, Petrarca, T.S. Eliot e, in tempi contemporanei, dal trio nostrano di Angus Mc Og. Il secondo disco del gruppo (completamente in inglese), Arnaut, è infatti battezzato in onore del poeta di lingua occitana e… sarà un caso, sarà il pathos del folksinger Tavoni, dai suoi testi emerge uno stretto legame con il ‘fuoco’ (fire/flame/sparks/smoke/burnt…) che, dati i trascorsi della band agli antipodi del globo, non possono che fare pensare al torrido e cangiante Bush australiano.
Proprio come nella lirica provenzale, in queste dieci tracce si ritrovano nuclei concettuali coerenti e concatenati; si parte con un brano, Siddharta, trascinato da chitarra acustica e aggraziato dal violoncello di Rossi, che intavola subito il primo tema, ovvero il senso di smarrimento sia interiore sia ‘logistico’: i demoni del tuo io non dormono mai e sei alla costante ricerca di un luogo a cui puoi dire di appartenere. In Fisher King (On the 7.40 Train) questa ricerca continua, sì, (we talk about/a place that remains to be found) ma a cuor più leggero, nell’immobilità e nel torpore di uno splendido mattino di sole: le spensierate arie folk si fanno via via più turbinose, prima con la ripetizione ossessiva di ‘It feels like I don’t care’, poi con un finale concitato di toni fragorosi, note alte e percussioni. Beyond Ancona Harbour introduce la seconda macrosfera semantica, quella della comunione con la natura e, in particolare, con l’ambiente marino (sea/shipwrecked/creek…). Lo stile potrebbe ricordare quello dei Mumford & Sons, ma risulta meno magniloquente, semmai con un tocco più naïf alla Nick Drake. Si parla esplicitamente di amore e di scompigli interiori nella bellissima Chaos is Busy, che esplode nello sgolato ‘It’s real’ finale. Altre due ballad molto sentite sono Wasted, dove ancora una volta la riva è luogo di raccolta e riflessione, e la più ottimista Jonah: secondo l’ormai collaudato ed efficace schema ritmico, gli sbuffi di batteria di Pedrazzi diventano raffiche accompagnate da urla liberatorie. Sicuramente uno dei pezzi più sperimentali è The Fire Sermon, con organo e harmonium a creare un incipit medievaleggiante che si evolve poi in un labirinto folk pop. It’s lack or just an empty stomach: questo si chiede il protagonista di Never Again, in cui il senso di lontananza è accentuato da una delle più intense, articolate (e lunghe) trame sonore dell’album. Il disco si chiude sulle dolci melodie di The Coal Song e The Morning Tale, dove domina il banjo e riecheggia il flicorno, una rievocazione bucolica che apre sterminati orizzonti.

Senza troppi giri di parole, Arnaut è davvero un disco da possedere, fisicamente e interiormente, che disegna un immaginario colorato opposto a quello del suo artwork, peraltro molto accattivante, in bianco e nero. Passando in rassegna Dylan ed Iron & Wine, strizzando l’occhio a The Decemberists ed Okkervil River, il trio di Angus Mc Og ha realizzato una poesia lunga 40 minuti che, proprio come diceva Daniel tanti secoli fa, è un “prodotto artigianale ottenuto affinando la materia delle parole” e, in questo caso, della musica. Che aspettate… Accattatevill’!

Karen Gammarota

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Dischi

A 8 anni di distanza dal precedente lavoro, “ROUGH AND ROWDY WAYS” (Columbia Records) è il nuovo album di inediti di BOB DYLAN composto...

Musica

Venerdì 19 giugno uscirà “ROUGH AND ROWDY WAYS” (Columbia Records), il nuovo disco di inediti di BOB DYLAN che arriva a distanza di 8 anni...

Musica

Articolo di Serena Lotti Non è semplice trasformare un problema in un’opportunità. Figuriamoci una pandemia globale. Al tempo delle quarantene worldwide tutti non vedono...

Reportage Live

Articolo di Chiara Amendola | Foto di Oriana Spadaro Arrivo al concerto dei Lumineers un po’ scettica, sottovalutando il potenziale della band che ammetto,...