Connect with us

Hi, what are you looking for?

Musica

ST. VINCENT in concerto il 16 Novembre a Roma e il 17 Novembre a Milano

St. Vincent, alias Annie Clark, arriva finalmente in Italia per presentare in due imperdibili concerti il suo quarto album “ST. VINCENT” uscito il 25 febbraio via Loma Vista/Caroline International (distribuzione Universal) ed acclamato dalla stampa di tutto il mondo come uno dei lavori più riusciti ed interessanti degli ultimi anni.

ST. VINCENT + opening act: The COVES

DOMENICA 16 NOVEMBRE 2014 – ROMA
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA
Inizio Live: ore 21,00

Biglietti in vendita su listicket.it
Biglietto: 25 / 35 euro

LUNEDI 17 NOVEMBRE 2014 – MILANO
ALCATRAZ
Inizio Live: ore 21,00

Biglietti in vendita su ticketone.it
Biglietto: 25 euro + d.p.

Gli 11 brani del nuovo album mostrano Annie Clark più sicura e avvincente che mai, con chitarre elettriche aggressive ed eterei arrangiamenti vocali che si uniscono ai sintetizzatori che dominano una sezione ritmica contagiosa e irrefrenabile.

[embedvideo id=”mVAxUMuhz98″ website=”youtube”]

“Sapevo che il groove era fondamentale per questo disco”, dice Annie Clark dell’album che ha composto e lungamente provato ad Austin prima di andare a registrarlo in studio a Dallas. Per seguire la parte ritmica ha arruolato il batterista dei The Dap-Kings, Homer Steinweiss, e l’assiduo collaboratore McKenzie Smith dei Midlake, mentre per la produzione è tornata a John Congleton, per portare il potenziale sonoro che avevano appena iniziato a sprigionare con ‘Strange Mercy’ in territorio inesplorato. “Volevo fare un party album che si potesse però suonare a un funerale.”

Il risultato è il più avvincente lavoro di Annie Clark fino ad ora. “Bring Me Your Loves” è una follia delirante, ma anche brani meno frenetici come “Severed Crossed Fingers” portano la sua inconfondibile firma, una miscela di bello e surreale. Al centro di tutta la sua musica, però, si trovano grandi domande su ciò che significa essere umani e il modo in cui cerchiamo di trovare un significato nelle nostre vite. “Regret” la cattura in un momento di grande vulnerabilità, mentre “I Prefer Your Love” potrebbe essere la più pura espressione di affetto che abbia mai scritto. “Digital Witness” affronta l’identità nell’era di Instagram, con Annie Clark che canta: “Se non posso mostrarlo / Se non riesci a vedermi / Qual è il punto di fare qualcosa?”

L’album segue l’ultima pubblicazione solista, ‘Strange Mercy’ del 2011, indicata come “uno degli album migliori dell’anno” dal New York Times e “un disco da ammirare” da Pitchfork. Il nuovo album “St. Vincent” consolida Annie Clark come una delle più creative e straordinarie chitarriste della sua generazione, dopo l’acclamata collaborazione del 2012 con David Byrne per il bellissimo album “Love This Giant”.

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Recensioni

La lista delle cose di cui un giornalista musicale (maschio, bianco, borghese, etero e cis) non sa assolutamente niente è abbastanza nutrita. Le tutine...

Dischi

“Daddy’s Home è una raccolta di storie sul sentirsi a terra in giro per le strade di New York City. I tacchi della notte scorsa sul...

Musica

Ecco tutti i candidati e i vincitori (in neretto) dei GRAMMY AWARDS 2017 (che prendono il nome dalla statuetta premio, che rappresenta appunto un grammofono), i...

Concerti

La polistrumentista, cantautrice e compositrice St. Vincent – aka Annie Clark – arriva in Italia per un’unica data per presentare il suo quinto album...