Connect with us

Hi, what are you looking for?

Musica

Intervista a COR VELENO e TRE ALLEGRI RAGAZZI MORTI

Dopo la data zero al Capitol di Pordenone continua il tour dei COR VELENO e TRE ALLEGRI RAGAZZI MORTI: le due band sono pronte a infiammare i palchi dei club e dei festival italiani per presentare l’album Meme K Ultra, pubblicato lo scorso 25 marzo per La Tempesta Dischi / distr. Artist First.

Rockon: Iniziamo da una domanda forse banale: come è nato questo supergruppo composto dall’unione di Tre Allegri Ragazzi Morti e Cor Veleno?
Davide Toffolo: È nato a Roma. Io ho abitato lì per un pò di tempo, quindi ho fatto amicizia con molti musicisti. Assieme ad Adriano Viterbini ci siamo dati un obiettivo che era quello di provare a suonare con dei rapper. E poi, alla fine ci siamo incontrati con Giorgio (Grandi Numeri) in una situazione invece più legata alla Cumbia e.. niente ci siam piaciuti! Prima abbiamo prodotto un pezzo di Metal Carter e poi abbiamo incominciato a fare delle canzoni. Alla fine abbiamo trovato questo sound nuovo che meritava un disco intero.

Ascoltando il disco si percepisce questo nuovo sound, quasi come fosse una nuova band e non l’unione di due gruppi: come è avvenuto il processo creativo? Immagino ci sia un approccio diverso per creare una canzone rap e una alternativa rock.
DT: E’ stato un processo abbastanza lungo, però molto naturale, nel senso che la musicalità dei Cor Veleno mi ha stimolato i testi in un modo molto facile. Ad un certo punto però è diventato più complesso, anche perché si è messa di mezzo la pandemia e ci siamo trovati divisi in posti molto, molto diversi e lontani tra di noi.

Non abbiamo però fatto un disco espresso, ci abbiamo messo più di due anni a realizzarlo, e alla fine è uscito un album molto profondo, con una stratificazione musicale molto particolare.

In queste canzoni la tua vocalità è diversa. Come è nato questo nuovo modo di cantare?
DT: E’ stata la musica ad avermi portato a questo risultato. Questo incontro musicale mi ha portato verso una vocalità più soul, in qualche modo. Forse anche le esperienze precedenti, come abbiamo fatto con il reggae e la mia passione per la cumbia, mi hanno portato in questa direzione. È stato il risultato dell’incontro con questa musica.

Cosa dobbiamo aspettarci dal tour in partenza il 16 aprile? Dove sarete una band unica, tutti insieme nello stesso palco a suonare il disco nuovo e… 
DT: Sarà un concerto al cubo, una sorta di supergruppo, come si diceva negli anni ’70, quindi ci saranno dentro cose diverse. Ci sarà il set del disco nuovo e ci saranno anche due set singoli, uno dei Cor Veleno e uno dei Tre Allegri Ragazzi Morti.

Quindi sarà una specie di festival, una festa della musica con tutta la storia che abbiamo percorso in questi anni, dal 1994. Una bomba in poche parole.

Qual è il significato del titolo del disco, di questo gioco di parole, Meme K Ultra?
Giorgio Grandi Numeri: Il significato è tutto da scoprire perché ognuno può trovarci il suo, di senso. Il titolo è un gioco di parole, citando un esperimento è stato fatto clandestinamente.

Proprio come noi che abbiamo realizzato questo disco clandestino. Clandestino perchè c’era la pandemia e quindi non è facile stare in posti diametralmente opposti a realizzare questo album. Però, ce l’abbiamo fatta lo stesso… io ero a Panama, Davide girava tra Roma e Pordenone. E’ stato quindi un’esperienza unica, ma io, come dico sempre, non so se riuscirò a essere più lo stesso dopo questo progetto, lavorare con lui, lavorare con i Tre Allegri Ragazzi Morti è stata un’esperienza che mi ha forgiato, mi ha cambiato dentro. E quindi magari il rap ne risentirà d’ora in poi.

La tigre è quello che ha caratterizzato l’immagine di copertina sia del disco che dei due singoli che lo hanno preceduto. Cosa rappresenta la tigre per voi Cor Veleno.
GGN: Sono i nostri fan. Li abbiamo sempre chiamati così dall’inizio, dalle prime date che facevamo. Per noi rappresenta anche una certa attitudine sul palco, una forma attiva di ricevere la musica. Non è prendere tutto come purtroppo avviene.

Nel disco ci sono diverse collaborazioni. Davide anticipava la partecipazione attiva di Adriano Viterbini, ma sono presenti anche Metal Carter, Mimosa, il jazzista Francesco Bearzatti, il fantasma di Remo Remotti… come mai la volontà di coinvolgere questi artisti?
GGN: Perchè i featuring vanno contestualizzati, devono per forza avere un senso. Non si può chiamare qualcuno soltanto perchè finalmente anche in Italia ci si è accorti che le collaborazioni sono interessanti per il pubblico. Noi abbiamo scelto di non fare solo una canzone, ma addirittura un album: nei featuring volevamo che gli ospiti lasciassero delle impronte indelebili perchè Metal Carter ha fatto la storia del rap romano, perchè Mimosa è una bomba atomica nel panorama cantautorale ed ha tantissimo da dare, con Viterbini poi avevamo già collaborato nel disco precedente dei Cor Veleno e poi Remotti è una collaborazione ante litteram.

Grazie per il vostro tempo, in bocca al lupo per il tour… ci vediamo sotto al palco!
C+T: Grazie a voi, vi aspettiamo!

Le date del tour
19/04 MILANO, Magazzini Generali
22/04 BOLOGNA, Estragon
23/04 ROMA, Monk
25/04 NAPOLI, Comicon
01/05 TARANTO, Uno Maggio Taranto
22/05 BAULADU (OR), Du Festival
14/07 FIRENZE, Ultravox
15/07 BERGAMO, NXT Station
16/07 PADOVA, Sherwood Festival
22/07 BIELLA, Reload Sound Festival

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Reportage Live

Foto di Lara Bordoni E’ iniziato il tour di Cor Veleno e Tre Allegri Ragazzi Morti, saliti sul palco dei Magazzini Generali per presentare...

Festival

Dopo due anni di pandemia, torna finalmente dal vivo l’Unomaggio Libero e Pensante di Taranto, manifestazione interamente autofinanziata, creata dal Comitato Cittadini e Lavoratori...

Concorsi

Parte il 16 aprile il tour dei COR VELENO e TRE ALLEGRI RAGAZZI MORTI. Le due band sono pronte a infiammare i palchi dei club e dei...

Concerti

Dopo “La gente libera”, primo brano del nuovo progetto musicale che anticipa il disco in uscita la prossima primavera per La Tempesta Dischi e Artist...