Connect with us

Hi, what are you looking for?

Tour

MARLENE KUNTZ: dal 20 aprile in tour, guarda il video di Canzone per un Figlio

I MARLENE KUNTZ , al Festival di Sanremo con il brano “Canzone per un figlio”, saranno in tour da aprile con una serie di date che proseguiranno in estate.

Di seguito le prime date annunciate:
Venerdì 20 aprile – NEW AGE – RONCADE (TV)
Sabato 21 aprile – FUORI ORARIO – TANETO DI GATTATICO (Reggio Emilia)
Martedì 24 aprile – URBAN CLUB – PERUGIA
Sabato 12 maggio – ORION CLUB – ROMA
Lunedì 14 maggio – OBIHALL – FIRENZE
Mercoledì 16 maggio ALCATRAZ – MILANO
Giovedì 17 maggio – HIROSHIMA MON AMOUR – TORINO

“Canzoni per un figlio” è un disco che presenta due pezzi nuovi e un po’ di canzoni del nostro repertorio, risuonate per l’occasione con la volontà di lasciar vagare l’estro ovunque ci avrebbe voluto portare, senza troppa deferenza nei riguardi della versione originale. Quando il pezzo per Sanremo (“Canzone per un figlio”) ha preso forma, abbiamo avuto quasi istantaneamente l’idea di un concept a essa legato. Posto che avevamo deciso di non fare inutili corse per un disco di nuovi brani, il guizzo del concept ci ha immediatamente convinto che era la cosa giusta da fare. Ciascuna canzone, dunque, contiene, a nostro sentire, valori o immagini trasmissibili a un figlio, immaginato intorno alla sua fase di ingresso nell’adolescenza o poco dopo.
E’ stato davvero interessante e stimolante rendersi conto che molte nostre canzoni del lontano passato “marlenico”, quelle che per i non addentro a certe sonorità erano percepite come “temibili“… “ostiche“… “ostili“…, erano in realtà canzoni dense di contenuto tutt’altro che trasgressivo o incendiario.

Il libretto del cd espone, di conseguenza, un approccio conforme: un ipotetico padre introduce al proprio figlio, con uno scritto di suo pugno, ciò che si andrà a leggere e ascoltare. E ogni canzone viene illustrata da una breve serie di affermazioni a mo’ di suggestione-spiegazione, di modo che il figlio possa subliminalmente intuire un fascino da lasciarsi maturare dentro per la sua crescita.
Non ci dispiace immaginare che tale relazione padre-figlio abbia parziale valenza metaforica nei riguardi di molti che potranno avere per le mani tali libretto.

Desideriamo, infine, sottolineare la presenza di quattro musicisti che ci hanno donato un po’ della loro splendida creatività, aggiungendo sapori nuovi alle nostre atmosfere: la pianista Alessandra Celletti, l’amico Gianni Maroccolo, il trombettista Roy Paci, il violinista Davide Rossi. A loro il nostro bel “Grazie”!

[youtube id=”–LxmekC0Z8″ width=”600″ height=”350″]

Avatar
Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Interviste

Erano anni che volevo intervistare Wrongonyou, da quando nel 2016 ha fatto uscire “The Mountain Man”, EP che mi ha fatto scoprire quel ragazzone...

Focus

La settimana più chiacchierata della musica italiana è giunta al suo termine, le acque si sono calmate e le nostre vite sono necessariamente tornate...

Dischi

Si chiamerà Nostralgia ed uscirà il 16 aprile il nuovo album dei Coma_Cose che contiene Fiamme negli occhi, il brano in gara alla settantunesima edizione del Festival di Sanremo, scritto a quattro mani da Fausto...

Dischi

Esce venerdì 19 marzo “I Mortali²” (42 Records/Numero Uno), una nuova edizione, al quadrato, del primo album scritto interamente a quattro mani da Colapesce e Dimartino. Compra il disco in versione CD...