Connect with us

Hi, what are you looking for?

Reportage Live

STU LARSEN + NATSUKI KURAI: Foto e reportage del concerto di Milano

Articolo e foto di Maria Laura Arturi

Esistono diversi tipi di live: quelli mastodontici, epici, che lasciano il segno per la loro energia, le scenografie e gli effetti speciali, e quelli che invece colpiscono in quanto capaci di creare un’atmosfera intima e magica tra l’artista e il suo pubblico, spesso grazie alla scelta di una location più easy. Il concerto di Stu Larsen e Natsuki Kurai è sicuramente uno di questi ultimi.

La storia di questo curioso duo ha inizio otto anni fa, quando in modo del tutto casuale un australiano e un giapponese si incontrano per le strade di Tokyo. Può sembrare l’inizio di una barzelletta, eppure non è che la genesi di una profonda amicizia e collaborazione artistica. Come spiega Kurai, i due fin dal primo istante hanno sentito una interconnessione che li ha spinti a conoscersi, senza sapere il perché: nonostante le barriere linguistiche che impedivano loro di comprendersi a vicenda, i due col tempo hanno scoperto di avere un altro, efficacissimo modo per comunicare: la musica.

E così il cantautore australiano, dopo i due precedenti album “Vagabond” (2014) e “Resolute” (2017), torna in Italia per presentarci un terzo lavoro discografico: l’EP “Stu Larsen & Natsuki Kurai II“, registrato insieme al suo caro amico, che affianca la voce di Larsen suonando l’armonica.
I temi rispecchiano in modo genuino la vita di Stu, che è ormai un modern hobo e gira il mondo da ormai una decina d’anni: un fattore sempre presente è infatti l’amore per il viaggio, che ogni tanto lascia spazio alle sue radici australiane e alla tematica della sua terra natia, o ad argomenti più personali come la scomparsa del padre.

Il pubblico, numeroso ed entusiasta, sembrava conoscere per filo e per segno la storia della loro amicizia, tant’è che il duo per tutta la durata del concerto si è divertito a interagire coi fan, raccontando aneddoti e battute come se fosse una chiacchierata tra amici.

Un’atmosfera decisamente piacevole, che Larsen stesso ha poi definito “Overwhelming” in un post di ringraziamento sul suo blog, e che per qualche ora mi ha distolta dal pensiero dell’incessante pioggia milanese.

Stu Larsen & Natsuki Kurai

Written By

Classe 1995, nata a Buenos Aires e cresciuta in provincia di Varese. Eredita dalla sua famiglia l'amore per la fotografia, una tradizione che la accompagna da sempre e che dal 2016 è diventata la sua professione a tempo pieno. Attualmente infatti si dedica al genere still life e alla fotografia di concerti, portando avanti anche dei progetti fotografici personali nel tempo libero. LINKS // Instagram: http://www.instagram.com/arturized // Flickr: http://www.flickr.com/photos/arturized

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Locali

Articolo e intervista di Stefania Clerici Settimana scorsa, attraverso la pagina Facebook di Ohibò abbiamo saputo con grande rammarico che il Circolo ha deciso...

Locali

Apprendiamo con tristezza che il Circolo Ohibò di Milano ha comunicato sulla propria pagina Facebook la chiusura del locale a titolo definitivo. Con Rockon...

Recensioni

Le circostanze mi hanno portato nel corso degli ultimi anni a vedere più volte Stu Larsen dal vivo, questo strano personaggio dalle gambe magroline,...

Reportage Live

Articolo di Chiara Amendola | Foto di Oriana Spadaro Milano è buia, fredda. Sono le 22 di un giorno feriale e per le strade...