Connect with us

Hi, what are you looking for?

Reportage Live

Senza catene: WILLIMA DUVALL in concerto a Milano

Foto di Andrea Ripamonti | Articolo di Matteo Pirovano

William Duvall è veramente un tipo simpatico. Il concerto è finito da pochi minuti e ci stiamo stringendo calorosamente la mano. Addirittura è lui a ringraziare me per la mia presenza e non viceversa. E non lo fa perché lo deve fare, lo fa con gli occhi sinceri di chi, guardandoti dritto in viso, è alla ricerca di una sorta di approvazione e, in tal senso, la risposta del pubblico di Milano è stata meravigliosa.

Dietro di me si è formata una fila nutrita di persone che lui saluterà, una ad una, dedicando a ognuna una foto, un autografo e qualche minuto del suo tempo. Sfilano, come ovvio che sia, le magliette degli Alice in chains, da quelle più recenti di “Rainier Fog”, a quelle più datate con i loghi di “Facelift”, “Dirt” o “Sap”.

Ma questa sera gli Alice in Chains sono rimasti solo sulle magliette e nei discorsi della gente in coda. Durante lo show la “presenza ingombrante” si è palesata solo nel secondo pezzo in scaletta, quella “Never Fade” che lui stesso ha scritto durante le sessions di “Rainier Fog” e che ci racconta essere dedicata a sua nonna.

A tal proposito, all’ingresso in Santeria, un membro dello staff comunica a chi entra che l’artista non gradisce richieste dal catalogo Alice in Chains, e tutti rispettosamente accolgono. Beh, quasi tutti.

Accogliamo comprendendo quanto dev’essere pesante sostenere  quel peso, quella per lui fruttuosa ma maledetta eredità. Nella data di Milano, unico show italiano, così come nel resto del tour più volte rimandato causa covid, trova quindi spazio solo il suo disco solista uscito nel 2019, un pezzo tratto dal bellissimo progetto Giraffe tongue Orchestra (“Blood moon”) e giusto qualche cover. Disco solista che in realtà non è del tutto inedito, ma composto in gran parte da una rilettura acustica dei pezzi che William scrisse con la sua band originaria, i Comes with the fall (ex Madfly) che accompagnarono in tour proprio Jerry Cantrell nel 2002 a supporto dell’uscita di “Degradation Trip”.

Nessun orpello stasera, solo una luce blu puntata fissa su una sedia e un ragazzone accovacciato su uno sgabello con una chitarra acustica in mano. Una Santeria seduta come a teatro in religioso silenzio e le vibrazioni di una voce calda, dalle tonalità fortemente bluesy, a riempire l’aria.

Un’ora e venti di show che fila via liscio, tra pezzi che quasi nessuno dei presenti conosceva a fondo, ma nonostante questo in grado di rapirci grazie a un’interpretazione vocale maiuscola e senza sbavature, condita da pochi discorsi ma pregna dell’unica cosa che davvero conta: la musica.

William DuVall

WILLIAM DUVALL – scopri la scaletta del concerto di Milano

  1. The 3 Wishes
  2. Never Fade (Alice in Chains)
  3. Strung Out on a Dream
  4. Smoke and Mirrors
  5. White Hot
  6. The Veil of All My Fears
  7. Chains Around My Heart
  8. So Cruel
  9. Seasons of Wither (Aerosmith)
  10. Blood Moon (Giraffe Tongue Orchestra)
  11. Keep Driving Me Away
  12. The Ballad of Dorothy Parker (Prince)
  13. No Need to Wonder
  14. ‘Til the Light Guides Me Home
Written By

Nasco il giorno di San Valentino del 1978, e forse proprio per questo sono, da sempre, un nostalgico romantico. Apro per la prima volta gli occhi a Genova, ma non riesco a definirmi Genovese a tutti gli effetti pur essendole visceralmente legato. La mia vita è stata vissuta al confine tra la provincia ligure e quella Alessandrina, mi piace considerarmi un apolide della collina. Appassionato di musica sin dalla giovanissima età, cresciuto tra i dischi dei miei, diviso tra Black Sabbath e Led Zeppelin, seguo la musica da sempre. Sono ormai più di vent'anni che coltivo la passione dei concerti, una delle poche a non essere mai calata nel tempo. Sono un Vespista e un Jammer, chi ha una di queste due passioni sa cosa esse significhino. Nella vita lavorativa mi occupo di tutt'altro, le mie passioni sono la mia linfa e la mia energia, sono ciò che riempiono quel bicchiere che, per mia fortuna, riesco sempre a vedere mezzo pieno.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social Network

facebook logo
instagram logo
twitter logo
flickr logo
youtube logo

Prossimi Concerti

Pistoia blues 2022

Instagram

Scopri anche...

Reportage Live

Foto di Andrea Ripamonti L’unica data italiana del nuovo tour europeo dei Reignwolf, blues-rock band di Seattle, si è svolta ieri sera alla Santeria Toscana 31...

Reportage Live

Foto di Giulia Manfieri Snail Mail, la cantautrice e musicista ventiduenne americana Lindsey Jordan, ritorna sul palco con un tour mondiale e un unica...

Reportage Live

Unica e prima volta in Italia per il fenomeno norvegese che ha riscritto le regole del pop.

Reportage Live

Foto di Andrea Ripamonti Nel 2021 la formazione canadese compie 25 anni di attività e li festeggia con un nuovo album in uscita il...