Connect with us

Hi, what are you looking for?

Reportage Live

Reportage Live: MARTA SUI TUBI in concerto a Milano

Articolo di Stefania Clerici

Marta Sui Tubi – Alcatraz 4 Aprile 2013
Primo concerto a Milano (dopo la data zero a Genova al Teatro dell’Archivolto lo scorso 29 marzo) del tour “Cinque, la luna e le spine”. Il nome è lo stesso del nuovo album della band che racchiude –tra gli altri- i successi “Vorrei” e “Dispari”, resi noti al pubblico più mainstream grazie al Festival di Sanremo, al quale hanno partecipato in gara (arrivando penultimi nella categoria big).
Ed era proprio a Sanremo che li ho sentiti cantare l’ultima volta, in acustico, non all’Ariston, ma all’angolo tra Corso Matteotti e Via Escoffier, accanto alla nuova eretta statua di Mike Bongiorno. Attorno, una piccola folla di passanti, che probabilmente li aveva adocchiati su Rai 1 la sera prima e che, alla fine della performance, ha sentito forte il richiamo di chiedere un autografo anche a Giovanni Gulino e a Carmelo Pipitone, gli storici fondatori della band.

Tutt’altro pubblico invece quello presente all’Alcatraz ieri sera, calorosamente empatico con i Marta che, saliti sul palco alle 21.45, dopo un aperitivo con i fan al Vinile di Via Tadino, ci regalano una raffinata serata di rock intenso di quasi due ore. Dimenticate l’atmosfera delle feste ARCI al Carroponte e al Magnolia, siamo sul palco dell’Alcatraz (ok, quello laterale) ma il clima è quello di un concerto denso di contenuti, ottima musica e melodie, dove i protagonisti sono professionisti virtuosi dei loro strumenti. Gulino è in piena forma, il suo timbro vocale e lo stile inconfondibile catalizzano l’attenzione del pubblico su di lui, che lo segue cantando dall’inizio alla fine le note delle prime canzoni: “Il Primo Volo” e“Dispari”. È poi la volta di “I nostri segreti”, canzone del nuovo disco, scritta originariamente per Lucio Dalla, grande amico e sostenitore dei Marta, da lui definiti “la migliore live band italiana”.

Ecco che su “L’Unica Cosa” il rock scatena tutto l’Alcatraz, altalenandosi però a ballad e rock spinto, in una scaletta sapientemente composta che smuove il pubblico da un lato, ma che porta anche riflessione e poesia tra tutti i partecipanti. Su “Polvere Sui Maiali”, cantata da Pipitone, Gulino scende dal palco, per tornare accompagnato da un’intera band di eccellenti fiati, i Banda Cadabra, che introducono “Dominique” e poi “Cromatica” (dell’encore).
Tra brani nuovi – di cui anche uno in inglese (Vagabonde Home) – e vecchi successi, come “Cristiana” e “L’Abbandono”, il concerto volge al termine, concludendosi con un carichissimo encore di una triade perfetta di “Vorrei” (il brano portato a Sanremo), “Cromatica” e “Cinestetica”.
Dopo questa prima data il gruppo sarà stasera a Bologna all’ “Estragon”, il 6 a Firenze all’ “Auditorium Flog”, il 12 aprile a Napoli al “Teatro Trianon”, il 18 a Roma all’”Ausgang @ Black Out”, il 19 a Perugia all’”Afterlife”, il 20 a Ravenna al”Bronson” e il 30 a Teramo. Ultime date a Roncade (TV) il 3 maggio e a Brescia il 4 maggio.

Track List
IL PRIMO VOLO
DISPARI
I NOSTRI SEGRETI
L’UNICA COSA
LA SPESA
IL COLLEZIONISTA
MALEDETTAMENTE BENE
GRANDINE
DI VINO
POLVERE SUI MAIALI
DOMINIQUE
LA LADRA
VAGABONDE HOME
CRISTIANA
TRE
L’ABBANDONO
(Encore)
VORREI
CROMATICA
CINESTETICA

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Interviste

Urlo Gigante è il disco di esordio da solista di Giovanni Gulino, storica voce dei Marta sui Tubi. L’album, uscito il 6 marzo per Woodworm/Universal, è il risultato e...

Reportage Live

Dopo il loro ampio tour americano in compagnia di Shinedown, i Papa Roach tornano in tour in Europa dove i loro fan li attendono...

Reportage Live

Foto di Giorgia De Dato Dopo la data allo Sherwood Festival di Padova il 19 Giugno, sono tornati in Italia i Dropkick Murphys, una delle...

Reportage Live

Articolo di Chiara Amendola | Foto di Marco Arici Sono stata un adolescente borderline e incompresa. Nel mio slang poco cool, i capelli spettinati...