Connect with us

Hi, what are you looking for?

Reportage Live

BANDITOS + DANIELE TENCA TRIO: guarda le foto e scopri la scaletta del concerto di Milano

Banditos in concerto al Serraglio di Milano foto di Claudia Mazza per www.rockon.it

Articolo e foto di Claudia Mazza

E’ venerdì sera ed al Serraglio di Milano dove si respira un’aria di casa ed i fan di nicchia si aggirano nel locale in attesa di vedere esibirsi il sestetto di Birmingham, Alabama, i Banditos.
Questa band, che tende a considerarsi una “gang”, con il loro disco d’esordio dal titolo omonimo (pubblicato da Bloodshot Records) è stato un fulmine a ciel sereno, e per molti i Banditos si sono rivelati un’enorme sorpresa.

Alle 22.30 puntualissimi i Banditos fanno il loro ingresso sul palco, li guardi e si percepisce subito l’energia che vogliono trasmettere: chitarra elettrica, batteria, banjo e tamburello gli strumenti ad accompagnarli. Mary Beth Richardson  (voce e tamburello) non delude, con il suo fervore e la presenza scenica di cui è nota attrae le attenzioni di tutti.
A dispetto di un look che potrebbe far pensare ad una Southern rock band, ai Banditos piace scavare indietro nel tempo facendo partire ogni cosa dal vecchio rock’n’roll ’50 aggiungendo di volta in volta qualcosa di diverso: dal vigore del boogie/blues di The Breeze al fervore rockabilly/garage di Still Sober, all’ hillybilly di Waitin‘. Nel primo disco tutto parla l’antica lingua della tradizione americana e Selter il chitarrista afferma “La maggior parte dell’album è stata registrata dal vivo e l’energia si sente sicuramente”.
Il loro secondo lavoro, “Visionland”, gioca più con la psichedelia e col pop, e spazza un po’ via quell’immagine de “l’ennesima band sudista” che i meno attenti avevano incollato addosso alla band.

Arrivano per la prima volta in Italia, pronti a far divertire e sognare il pubblico.

Banditos

Banditos – la scaletta del concerto di Milano

Strange Heart
Fine Fine Day
Visionland
No Good
Can’t Get Away
Midnight Special
Fun All Night
Healin Slow
Thick & Thin
Still and Quiet
Golden Grease
Waitin
Crybaby Cry
Still Sober
The Breeze
Old Ways

Written By

"Il miglior modo di fare bene qualcosa è di amare quello che fai" Con questa frase raccolgo ciò che mi caratterizza: la passione. E ne sono piena. Con la fotografia ho un rapporto particolarmente stretto da che ho ricordi. Sarà per il fatto che amo osservare, sarà perchè una foto è eterna, i momenti invece sono attimi impercettibili e se li catturi cambi il loro stato nel tempo. E la musica? la musica è la costante. Dalla mattina appena sveglia alla sera prima di addormentarmi. La musica è lo sfondo della tua vita, la carica o la dolcezza, la rabbia o l'allegria. Il connubio di queste due cose è per me come sbagliare strada e incontrare un paradiso terreno, non sai dove stai andando ma sai che ti piacerà da morire.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Arte

La nuova mostra “Apparizioni” di Guido Harari. Ritratti di rockstar, non solo musicali.

Arte

Il 20 Aprile, presso il Leica Galerie Milano, è stata presentata la mostra fotografica “The Cult of Rifo – A Bloody Beetroots Journey”. Si...

Reportage Live

Foto di Andrea Ripamonti Riconosciuto come il più importante batterista jazz-fusion per la sua potenza e tecnica percussiva, ha raggiunto l’apice della fama a...

Musica

Articolo e foto di Claudia Mazza E’ iniziato Settembre da poco, è inizio un Lunedì fresco che non ci aspettavamo con una temperatura piacevole...