Connect with us

Hi, what are you looking for?

Recensioni

The MONKEY WEATHER – The Hodja’s Hook

monkey-weatherAmmonia Records

Con il secondo disco i piemontesi The Monkey Weather si spostano dai riferimenti al pop-glam-rock dei ’70 inglesi al brit-pop. Insomma il trio resta saldamente ancorato a tutto ciò che di pop è giunto dall’Inghilterra.

Come nel precedente lavoro, il trio ha sempre una impatto frizzante e diretto. Il loro è un rock essenziale, per questo, non di rado sconfina nel punk, soprattutto quando fanno gli isterici (“I hate you”) o lo miscelano con uno strano pop-hc (“Morning”). Il disco è anche carico di abbondanti dosi di funk (“Alcholic tears”) e richiami all’industrial-new wave (“Lies”).

Le dieci canzoni in scaletta non sono effimeri segmenti di un dignitoso percorso musicale. Il titolo del disco, infatti, si riferisce alla storia della luna nel pozzo, che il trio interpreta in chiave presobenistica, vale a dire che per la band è necessario a volte fermarsi a riflettere e a constatare come vanno le cose. Loro lo fanno a suon di rock’n’roll spedito ed essenziale.

Prendete spunto guys!

Written By

Vittorio Lannutti, ricercatore/sociologo delle migrazioni, counsellor, con una grave, cronica ed irreversibile dipendenza da rock.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Recensioni

2015 Ammonia Records Disco grumoso, umido e forsennato questo Houses degli aquilani Coffeeshower, uno schiaffo in pieno mento di punkrock old school con tratteggi...

Recensioni

Quando i The Fire annunciano l’uscita di un EP, c’è sempre da aspettarsi qualcosa di nuovo alle porte. È già successo con Electro Cabaret...

Video

“Let’s Stay Up Tonight” è il primo singolo estratto da “The Hodja‘s Hook”, il secondo disco dei The Monkey Weather: undici canzoni che testimoniano lo stato...

Dischi

Per tagliare il traguardo della centesima produzione qui in Ammonia Records volevamo fare qualcosa di speciale, e niente poteva esserlo di più del tributo alla band...