Connect with us

Hi, what are you looking for?

Libri

Rock is Dead, il libro nero del Rock

Prima di dormire molti di noi hanno l’abitudine di leggere. La lettura notturna non solo stimola il nostro cervello e tiene allenato il nostro sistema cognitivo, ma aiuta anche nella gestione delle nostre emozioni.
Leggere infatti ci consola se abbiamo avuto una brutta giornata e se stiamo vivendo un periodo critico. Allo stesso modo, se stiamo godendo di un momento felice il nostro libro è li, a condividere con noi le energie positive.
Ognuno di noi si appassiona ad un certo genere letterario: anche chi spazia molto ha il suo ambito preferito.
Romanzi Gialli, Thriller, Libri Rosa, Avventura e via dicendo.
Ma cosa leggono gli appassionati di musica? Sicuramente il lettore amante della musica legge molti saggi sull’evoluzione e la nascita di alcuni generi per poi soffermarsi in maniera anche sviscerale su Biografie e Autobiografie dell’artista o band che gli fa battere il cuore.
Questo tipo di lettore legge e praticamente studia il suo idolo, oppure va semplicemente ad approfondire la storia di una band che sta ascoltando sovente in un determinate periodo.
Fin qui forse tutto fin troppo ovvio, ma poi arriva lui: “Rock is Dead”.
Rock is Dead (come urlava Jim Morrison) è il progetto editoriale di F.T. Sandman (Federico Traversa) e Episch Porzioni i quali si son posti l’obbiettivo di raccontare nel loro libro gli aspetti misteriosi della scena musicale. Definito “libro nero”, Rock is Dead può avere un ruolo cruciale per gli appassionati di musica che amano leggere.
Tantissimi che hanno letto questo libro lo hanno fatto con questa modalità: vai a letto, apri il libro, leggi un riassunto breve ma incisivo sulla storia di Kurt Cobain, leggi che è morto, riscopri le emozioni di dispiacere che a distanza di anni non spariscono e poi ti lasci accompagnare dai due autori nel territorio del mistero che fluttua intorno alla morte dell’artista. Vai a dormire, l’indomani ci penserai, dubbi infondati o verità nascoste, non importa. Ci penserai e magari avrai voglia di ascoltare un po di Nirvana mentre vai a lavoro, o a scuola.
Arriva di nuovo la notte, apri il libro e leggi la storia e la morte di Aaliyah e che il processo abbia di nuovo inizio.
Per quanto sia difficile fermarsi ad una storia al giorno (una tira l’altra), questo è stato per molti il modo giusto di approcciarsi a questo libro. Per tanti di noi è stato importante leggere una pillola al giorno perchè i due autori hanno egregiamente raccontato le storie di artisti conosciuti e ormai divenuti idoli e questo ha permesso di rispolverare con piacere il background musicale di ognuno di noi.
Federico Traversa e Episch Porzioni hanno un altro merito: I due, nel loro libro, hanno anche raccontato le storie di artisti meno conosciuti al grande pubblico. Questa scelta stuzzica la curiosità del lettore, il quale non può non informarsi su un artista morto in circostanze misteriose e del quale sa ancora poco.
Dal libro è tratta l’omonima trasmissione in onda su Radio Popolare e da qualche mese Radio Rock 106.6 manda in onda le pillole di Rock is Dead.
Questo libro è perfetto se sei un “Music Addicted”, se la tua vita è musica, sarai infatti perfettamente a tuo agio con questo progetto.
Proverai (o riproverai) rabbia per ciò che è stato fatto a John Lennon, toccherai l’assurdo con la storia di Elvis, sentirai nostalgia pensando a Bon Scott, in questo libro è raccontata anche la storia di Mia Martini.
Il Rock morirà più e più volte.
Sarà una lunga sfilata di emozioni e non mancherà la curiosità quando e se troverai davanti a te un nome sconosciuto.
Per chi non l’avesse ancora fatto, il consiglio è solo uno: leggetelo.

Compra il libro su Amazon > https://amzn.to/34ikI5Z

Articolo di Stefania Courson
https://www.instagram.com/stefania_tempesta_elettrica/

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...