Connect with us

Hi, what are you looking for?

Musica

COLAPESCE: al via da Palermo il tour di “Egomostro”

“Egomostro”, il nuovo album di Colapesce (Lorenzo Urciullo) è arrivato come un fulmine a ciel sereno tre anni dopo il fortunato esordio di “Un meraviglioso declino” (Targa Tenco 2012 per la migliore opera prima), ribaltando le certezze di chi aveva frettolosamente incasellato il trentunenne musicista siciliano nel cantautorato italiano di nuova generazione.

COLAPESCE – Egomostro Tour 2015

20 febbraio – Palermo – I Candelai
21 febbraio – Catania – Ma
27 febbraio – Bologna – Locomotiv
28 febbraio – Livorno – The Cage Theatre
5 marzo – Cosenza – Auditorium Unical
6 marzo – Pulsano (TA) – Villanova
13 marzo – Torino – Hiroshima Mon Amour
20 marzo – Arezzo – Karemaski
22 marzo – Milano – Teatro Franco Parenti (DOPPIO SHOW ACUSTICO ED ELETTRICO)
27 marzo – Roma – Teatro Quirinetta
28 marzo – Perugia – Urban Club
10 aprile – Bari – Demodé
11 aprile – Napoli – Lanificio 25
24 aprile – Carpi (MO) MATTATOIO CULTURE CLUB (NUOVA DATA)
25 aprile – Firenze – Viper Club
02 maggio – Brescia – LATTERIA MOLLOY (NUOVA DATA)

A Lorenzo non interessa essere un cantautore, vuole attraversare i generi, muoversi tra le epoche, pescare a piene mani dalla tradizione mediterranea (quella della Sicilia, la terra da cui proviene, ma anche l’Africa dei Tinariwen e Bombino e la Siria di Omar Souleyman), filtrarla attraverso un gusto che guarda al pop edulcorato di Damon Albarn, David Byrne e Mark Hollis (i Talk Talk sono esplicitamente citati nel testo e nel titolo di uno dei brani del disco, Dopo il diluvio), senza dimenticare le ovvie influenze di Lucio Battisti (quello del periodo con Pasquale Panella) e Franco Battiato.

Quello di “Egomostro” è un universo complesso, denso, volutamente disomogeneo nei suoni e nella produzione (curata dallo stesso Lorenzo con l’apporto di Mario Conte) ma compatto e personale nei testi e nelle suggestioni. Colapesce si guarda allo specchio per scavarsi dentro, mettendosi in gioco come essere umano prima ancora che autore di canzoni.
L’album è stato accolto dal plauso unanime della critica e del pubblico, ottenendo riscontri interessanti anche dal punto di vista numerico (il disco è stato a lungo numero uno della classifica alternative iTunes) ed è subito diventato uno degli album italiani più importanti della stagione appena cominciata.

È finalmente arrivato il momento di tornare sul palco dopo una lunga pausa (l’ultimo concerto ufficiale di Colapesce risale all’ottobre 2013, se si esclude un’apparizione al Festival Maggio di Parigi durante la primavera del 2014), con una band rinnovata negli elementi e nelle sonorità.

Con Lorenzo sul palco ci saranno Mario Conte alle tastiere e al programming, Alfredo Maddaluno (Fitness Forever, Erlend Oye) alla batteria acustica ed elettronica, moog e seconde voci, Giorgi Maccarinelli (Joycut e Low Frequency Club) al basso e ai cori, per uno spettacolo che si presenta elettrico e sorprendente. Non mancheranno i colpi di scena, i recuperi dal passato più o meno recente della carriera di Colapesce, e le cover che da sempre sono un punto di forza del musicista siciliano. Prendere canzoni di altri e trasformarle in brani di Colapesce è da sempre una delle peculiarità di Lorenzo, aspettatevi quindi di restare spiazzati.

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Reportage Live

COLAPESCE & DIMARTINO in concerto all'Estate Sforzesca di Milano

Concerti

Colapesce e Dimartino, la coppia di cantautori rivelazione dell’anno, tornano con un nuovo sorprendente brano dal titolo “Toy Boy” (42 Records/Numero Uno) insieme a due icone...

Festival

In occasione della sesta edizione di Marostica Summer Festival, in programma dall’8 al 16 luglio, Piazza degli Scacchi potrà ospitare 2.200 persone. È arrivata da...

Tour

Lo avevano dichiarato già durante la settimana del Festival: “Per noi suonare è la cosa più importante e non vediamo l’ora di tornare a farlo, soprattutto...