Connect with us

Hi, what are you looking for?

Recensioni

SEA WOLF – Old World Romance

Label: Dangerbird Records

HO TROVATO UN SEA WOLF IN MEZZO ALLA NEVE

Oggi a Milano ha nevicato.
Mi è capitato per le mani Old World Romance di Sea Wolf, e non potevo trovare una colonna sonora migliore per un lunedì imbiancato, mentre stai andando al lavoro e i fiocchi si stendono sulla strada davanti ai tuoi piedi.

O forse ancora meglio sarebbe per una domenica innevata. Quando sei chiuso in casa e hai evidentemente bisogno di recuperare del sonno arretrato. Questo disco sa di casa. Sa di un posto sicuro in cui puoi esprimere liberamente la tua passione e le tue idee.
Si sente nei suoni, nella pacatezza della voce, nell’uso della batteria che sembra quasi buttata lì a caso (o magari è stata buttata a caso davvero e ha funzionato). Ha quel sound fatto di idee fresche e sincere, non strutturate, non iper prodotte, che ti dice “questo è quello che sono e va bene così”.

In questa sua dimensione mi ricorda i Pinback, da una parte un po’ low-fi e grezzo, dall’altra invece molto curato, ispirato e arrangiato alla perfezione. In realtà non c’entra quasi nulla con i Pinback, anche se in “Changing Seasons” “Miracle Cure” “In Nothing”, i pezzi più rock di tutto il disco, la ritmica e le chitarre nelle strofe rimanda ai loro lavori.
Qui siamo più sul cantautorato indie. Indie nel suo significato primario, non il quasi dispregiativo che è diventato oggi. O se vogliamo usare una connotazione più di moda in questo periodo, parlerei di indie-folk, anche se guardando bene fra le pieghe, ha più influenze rock che folk.

La cosa che mi stupisce è come si riesca a rendere perfettamente quell’idea di “casalingo” che oggi è molto difficile sentire in un disco, spesso slavata via da produzioni ultra ripulite. Sembra quasi una produzione di fine anni ’90 inizio ’00, ma nonostante rimandi a quel periodo, nello stesso tempo il disco ha i piedi ben piantati nei nostri giorni.

Non serve che mi metta a descrivere pezzo per pezzo: questo è un disco sincero, scalda, ispira e apre la mente. Bisogna ascoltarlo e scoprire se anche a voi darà le stesse sensazioni.
Quindi mettetevi sul divano e schiacciate playd.

di Luca Doldi

Avatar
Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Recensioni

California, le spiagge, i belloni, The O.C, i telefilm che passavano su Italia Uno e ovviamente i surfisti. Ora che ci siamo, facciamo un...

Interviste

Intervista via mail di Luca Doldi (www.ildolditoriale.com) Ho inviato ad Alex Brown Church qualche domanda per capire qualcosa di più sul suo disco e...