Connect with us

Hi, what are you looking for?

Recensioni

Human Progression Machine – Kosmos

human-progression-machine-kosmos2016 Beta Produzioni

Due artisti del cosidetto “mondo di sotto”(leggasi underground), uniscono le proprie energie estetiche per suggellare un sodalizio che – disegnando un mondo di mezzo metafisicamente sonico – si rivela dannatamente suggestivo. Gli HPM (Human Progression Machine) – Laurence Cucchiara violino e Alessandro Graziani batteria esordiscono con Kosmos, una irrealtà galleggiante, un mimetico andirivieni di arcani, poesia, archi, barocchismi, sperimentazioni, respiri solenni e fuochi sacri di melodia che,  sparsi  in cinque tracce di “infinito indefinito”,  tramandano un senso sussurrato d’ipnosi e incanto seriale di non poco conto.

Un prolifico talento creativo che non arresta mail tiro durante l’ascolto, una formula sonora che tra violino, loop station, Octapad, gingilli vari e pelli conferisce un carico di straordinaria portata, quasi un must che nelle dune di Le danse du feu, negli echi world Fire flowers, nell’incupirsi di Philae e nei colori marroni che tinteggiano Orion nebula trasporta quell’ombra solitaria e straordinariamente “sperduta” di un vagare anarchico e contemplativo. Poi alla brezza spumosa di Perpetual bliss il compito di chiudere questa piccola perfezione vibratile. Human Progression Machine, un’intesa artistica che andava fatta!

[embedvideo id=”ES3QEmogNDU” website=”youtube”]

Avatar
Written By

Giornalista che crede che la musica sia la via maestra di tutto per arrivare al tutto.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...