Connect with us

Hi, what are you looking for?

Interviste

Intervista agli IYEARA

Venerdì e sabato arriva a Bologna il festival Europavox, tappa annuale del Festival internazionale “senza confini”, dedicato alla diversità musicale europea. Conosciamo meglio i britannici IYEARA, che porteranno la loro darkwave sul palco del Teatro Comunale nella serata di venerdì.

Come si sono formati gli IYEARA e quando è iniziato il progetto?
Penso che sia davvero iniziato con la necessità per tutti noi di fare qualcosa di diverso da quello a cui eravamo abituati. Come musicisti è abbastanza difficile trovare persone con cui lavorare che condividano le tue opinioni e ti consentano di esprimerle in un modo che ritieni opportuno. È sempre stato interessante lavorare insieme come IYEARA perché non sempre parliamo la stessa lingua musicalmente parlando, quindi siamo costretti a cercare di esprimerci in un modo diverso. Ciò significa che dobbiamo abbassare molto la guardia ed essere aperti a guardare o ascoltare le cose in modo diverso. A volte può renderlo una lotta, ma quando ci troviamo insieme sulla stessa strada è spesso molto singolare e qualcosa che nessuno di noi pensava che sarebbe stato.

Come descriveresti IYEARA a chi non vi conosce ancora?
È sicuramente il suono di tre elementi in collisione chiusi in una stanza. Abbiamo tutti un così grande apprezzamento della musica e ciò che troviamo sempre interessante è che non sono i nostri gusti in comune a creare il suono IYEARA. Anzi spesso è il contrario, è la musica che facciamo conoscere l’un l’altro ad ispirare il nostro sound, la nostra creatività.
Questa cosa allarga davvero il nostro suono e lo rende difficile da definire o da classificare. Per questo motivo, è diverso per ognuno di noi e, si spera, diverso per chiunque ci ascolta.

Potete descrivere il vostro EP Consequences in due frasi?
“Consequences” è stato un buon modo per unire insieme le 4 tracce. EXHALE / SHOUT / HUMAN / SILVER & GOLD avevano in comune tutte la narrazione di “azioni” e delle conseguenze di quelle azioni.
Anche il video di “EXHALE” di Sam Dixon tratta tre azioni con le loro relative conseguenze, il che è grandioso, e lo hanno reso perfetto come video principale di questo EP, una vera finestra sul nostro processo creativo.

Di quale remix siete più orgogliosi? Quale vi ha dato più soddisfazione?
Abbiamo fatto un remix per The Prodigy, che è stato davvero emozionante e incredibilmente soddisfacente. Siamo davvero entusiasti di lavorare al momento su un intero album di remix per Mark Lanegan, il che è una vera gioia ed è emozionante mettere le mani in qualcosa di più grande di un singolo remix.

Quali sono i vostri artisti e musicisti preferiti in questo momento?
Yves Tumor, Holy Fuck, AaRon, Young Fathers, The Cure (ancora!), Ex:Re, Massive Attack, Depeche Mode

L’ultimo concerto che avete visto?
The Cure e JoyCut al Meltdown Festival ed Ex:Re a Londra.

Un concerto che vorreste vedere?
Thom Yorke ma in qualche luogo mistico, come le pianure vulcaniche della Finlandia.

Piano B. Se non fossi un musicista, cosa avresti fatto?
Sicuramente qualcosa legato all’ARTE. Per me una delle cose più grandi della musica è che puoi scolpire un suono in qualcosa di davvero irriconoscibile, quasi facendo una magia. Quindi immagino che essere uno scultore sarebbe un’ottima alternativa.

L’ultima domanda è per vostri fan. Quali sono il vostro / tuo libro, attore e film preferito?
Libro: “Hunger” di Knut Hamsun

Attore: È difficile perché dipende dal ruolo. Una delle mie esibizioni preferite è Matthew McConaughey in True Detective. Ma nel complesso è difficile discutere con Daniel Day-Lewis mentre sceglie i suoi ruoli così attentamente

Film: BladeRunner

*** ENGLISH VERSION ***

How did IYEARA get together and when did the project start?
I think really it started out with a need for all of us to do something different to what we were used to. As musicians it’s quite hard to find people to work with that share your views and allow you to express them in a way that you find comfortable. It’s always been interesting working with each other as IYEARA because we don’t always talk the same language musically speaking, so we are forced to try and express ourselves in a different way. This means we have to let our guard down a lot more and be open to looking or listening to things in a different way. It can make it a struggle sometimes, but when we do find ourselves together on the same path it’s often very unique and not something any of us thought it would be.

How would you describe IYEARA to those who don’t know you yet?
It’s definitely the sound of three colliding elements locked in a room. We’ve all got such a wide appreciation of music between us and what we always find interesting is that it’s not always the areas where we have common ground that pins the IYEARA sound down…..it tends to be music that we introduce each other to that inspires the sound. I feel that really widens our sound and makes it difficult to pin down or categorise our sound. Because of that, it’s different to each of us and hopefully different for anyone that listens to us as well.

What can you tell us about your latest EP Consequences in two sentences?
“Consequences” was a good way to tie the 4 tracks together. EXHALE/SHOUT/HUMAN/SILVER&GOLD all had a narrative of “actions” and the consequences of those actions. What was great about the video for “EXHALE” by Sam Dixon was it actually dealt with three actions of consequences, which made it perfect as the lead video, a real window into thought process for us.

Which remix are you most proud of? Which gave you the most satisfaction?
We did a remix for The Prodigy, which was really exciting and incredibly satisfying. We’re super excited to be currently working on a whole album of remixes for Mark Lanegan at the moment, which is a real joy and it’s exciting to get our teeth into something bigger than one off remixes.

What are your favourite artists and musicians in this moment?
Yves Tumor, Holy Fuck, AaRon, Young Fathers, The Cure (still!), Ex:Re, Massive Attack, Depeche Mode

Last concert you saw?
The Cure and JoyCut at Meltdown and Ex:Re in London.

A concert you would like to see?
Thom Yorke but somewhere mystical like the volcanic plains of Finland.

Plan B. If you weren‘t a musician, what would you have done?
It would have to be ART related. One of the greatest thing for me about music is how you can sculpt a sound into something really unrecognisable which is magical. So I guess a sculptor would be good.

The last question is for your fans. What are your favourite book, actor and movie?
Book; “Hunger” Knut Hamsun

Actor; That’s a difficult one as it’s so dependant on the role. One of my favourite performances is Matthew McConaughey in True Detective. But overall it’s hard to argue with Daniel Day-Lewis as he chooses his roles so carefully

Movie; “BladeRunner”

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Festival

6 e 7 dicembre 2019: torna Europavox Bologna, ultima tappa annuale del Festival internazionale “senza confini”, dedicato alla diversità musicale europea. Con centinaia di...

Festival

Estragon Club presenta a Bologna in esclusiva per l’Italia e per il terzo anno consecutivo EUROPAVOX, il Festival che dal 2006 a Clermont-Ferrand, Francia, promuove e celebra...