Connect with us

Hi, what are you looking for?

Concerti

FOUR TET dal vivo per un’unica data il 12 Aprile a Milano

fourtetDopo otto edizioni in continua crescita di presenze e contenuti, il Design Week Festival, curato da elita, torna tra il 9 e il 13 aprile 2014 perfettamente inserito nel programma sempre più ampio e articolato del Fuorisalone, con l’onere di completare la tradizionale offerta della Settimana del Design con una serie organica e ampia di appuntamenti musicali e culturali, con un forte orientamento all’entertainment.

FOUR TET – Live
(unica data italiana)
Sabato 12 Aprile 2014
Teatro Parenti – MILANO

Una rivoluzione gentile: per certi versi si potrebbe riassumere così la parabola di Four Tet (all’anagrafe, Kieran Hebden). Pochi altri artisti hanno infatti lasciato un segno così potente nell’ultimo decennio: anni in cui la bedroom music (ovvero musica che è possibile fare nella propria camera con l’ausilio del proprio laptop e nient’altro: un’attitudine, più ancora che uno stile) è diventata regola diffusa, trovando in Four Tet il più geniale degli innovatori e quello che ha raggiunto i più alti risultati artistici, facendola diventare grande davvero.

[embedvideo id=”Tpe4id7cLnU” website=”youtube”]

Dopo un primo album uscito nel 1999 (“Dialogue”) già interessante ma ancora acerbo, è nel 2001 con “Pause” che Kieran si mette al centro dell’attenzione: la sua capacità di mescolare schegge di hip hop, jazz, folk, indie rock, lavorando col proprio laptop come se fosse un’arma dalle infinite possibilità, è a dir poco sorprendente. Una musica in cui pop e sperimentazione estrema convivono in equilibri affascinanti ed imprevedibili.

Gli album successivi (“Rounds” nel 2003, “Everything Ecstatic” nel 2005, “Ringer” nel 2008) trovano unanimi riscontri di critica e pubblico. Hebden di non delude mai e si rinnova ogni volta, pur mantenendo il proprio inconfondibile marchio decostruttivista. Ci sono poi nel corso degli anni svariati remix (andando da materiale di Steve Reich a quello dei Kings Of Convenience, passando per Badly Drawn Boy, The XX e The Notwist) e una fortunata collaborazione con un maestro della batteria jazz, Steve Reid, che ha dato vita a ben tre lp in meno di due anni. Segno che la bedroom music di Four Tet ha davvero la statura per dialogare con le più alte forme sonore contemporanee.

Per anni artista di punta della Domino (l’etichetta che ha lanciato dal nulla Franz Ferdinand ed Arctic Monkeys), adorato da Thom Yorke e dai Radiohead tutti (più volte lo hanno chiamato come remixer e come compagno di tour, considerandolo un caposcuola assoluto e una grande fonte di ispirazione), da qualche tempo a questa parte Hebden ha scelto la via della completa autonomia (è discografico di se stesso, tramite la label Text) e ha abbracciato con sempre più convinzione gli scenari e gli stilemi della club culture, senza peraltro perdere nulla in classe, ricerca sonora e preziosità di tocco – come del resto dimostrato da “Pink” (2012), il suo ultimo album da studio.

[embedvideo id=”7GT_ABdbqrg” website=”youtube”]

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Festival

Svelata la prima tranche di artisti attesi per la IX edizione di Kappa FuturFestival, tra le più importanti manifestazioni a livello europeo dedicate alla...

Musica

La ventunesima edizione di “Ferrara sotto le Stelle”, presentata nella splendida cornice di Piazza Castello e del Cortile d’Onore del Castello Estense, nel cuore...

Festival

Stelle che guidano verso il futuro, verso nuovi territori da esplorare: è così che a ‪‎FerraraSottoLeStelle‬, il prossimo 16 giugno 2016, “atterra” ‪#‎ASTRO‬. Una giornata...

Festival

#C2C15 è la quindicesima edizione di Club To Club, il più importante Festival di musica e arte in Italia, alla costante ricerca del punto d’incontro perfetto...