Connect with us

Hi, what are you looking for?

Recensioni

How much wood would a woodchuck chuck if a woodchuck could chuck wood?

Boring Machines / Avant!

Come tutti i lavori pubblicati dalla Boring Machines, anche questo Lp, è molto particolare e soprattutto greve. Si tratta dell’esordio di un trio torinese dedito ad un blues umbratile e spettrale con tratti folk e psichedelici, che li rendono accostabili ai Neurosis e agli Swans.
Il trio piemontese in quasi trentacinque minuti ha messo su disco ben sei brani, tirati, dilatati, evocativi e spesso inquietanti. Il trio suona chitarre, bassi, nastri, utilizza reverberi, con chitarre arpeggiate in maniera cristallina, che si contrappongono a vocalizzi femminili, che sembrano arrivino dall’oltretomba, dato il fare spettrale e il modo con cui questi sono stati registrati.
Il trio in passato ha collaborato con Father Murphy, e da questo ha tratto come insegnamento il confronto e la voglia di affrontare le parti più maledette e diaboliche dell’inconscio, ma andando troppo in profondità forse il tiro è riuscito a spaventare anche sé stesso.

Vittorio Lannutti

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Reportage Live

Ieri sera al Carroponte è stata una serata all’insegna del metal più sludge/doom che si possa desiderare, oserei dire che è stata azzeccata alla...

Concerti

Neurosis: i paladini della musica pesante d’avanguardia tornano dal vivo in Italia per due imperdibili date. La band guidata da Scott Kelly tornerà in...

Concerti

I Converge vantano un fedele seguito, quasi paragonabile a quello che potrebbe avere un culto religioso. La band è una pietra miliare del panorama...

Concerti

Hellfire Booking & Zona Roveri Music Factory sono lieti di annunciare non un concerto, ma un evento dalla portata catastrofica: un evento che entrerà...