Connect with us

Hi, what are you looking for?

Video

KӔRY ANN: guarda in anteprima il video “Imaginary Room”

Kӕry Ann nasce come solista componendo brani dalle melodie scure e dai testi introspettivi e simbolici, interpretati inizialmente in modo essenziale con chitarra e voce e rivisitati in seguito con la band, che ha apportato un contributo fondamentale in termini di arrangiamento esaltandone l’impatto e il carattere.

Luce e oscurità si alternano nelle melodie come nei testi, rievocando velatamente memorie ed esperienze del proprio vissuto reale e onirico da cui emergono inquietudine, analisi interiore e ricerca di equilibrio. Il contrasto è accentuato grazie a linee vocali dream-pop che si fondono ad atmosfere noise, psych e grunge.

Il primo disco, registrato e mixato da Andrea Volpato al Fox Studio Venice, sarà pubblicato il 27 gennaio 2023 per l’etichetta berlinese Anomic Record.

L’artista italiana Kӕry Ann ha svelato il suo quarto singolo Imaginary Room, estratto dal suo album di debutto Songs of Grace and Ruin, che è stato registrato e mixato da Andrea Volpato e sarà pubblicato in formato digitale e fisico il 27 gennaio tramite Anomic Records.

Il brano, con sonorità influenzate da neo-psichedelia e shoegaze, è accompagnato da un video in stile vintage bianco e nero, l’ultimo della trilogia dopo i singoli Blue Eyes e Desert Song nella quale l’artista interpreta dapprima un personaggio etereo che vive in natura, per poi progressivamente calarsi in un dimensione più umana.

La storia si sviluppa su diversi livelli di realtà: il sonno conduce Erika nella dimensione onirica dove Francesca (bassista che supporta Erika nel progetto) appare per la prima volta incarnando il lato oscuro, l’ombra inquietante che si nasconde nei corridoi della mente. Trovando una chiave nascosta da questa figura sfuggente, Erika riesce a calarsi ancora più a fondo nell’inconscio, in un ulteriore sogno racchiuso nel primo. Anche se a momenti le due identità arrivano a scontrarsi e sovrapporsi, Erika insegue senza sosta questa entità misteriosa cercando di stabilire un contatto, senza mai riuscirci.

Il testo della canzone parla della percezione del tempo e di come esso appaia distorto in particolari contesti e situazioni, mentre il vinile che gira rappresenta l’elemento materiale, l’oggetto fisico che ci tiene ancorati all’oggettività e alla realtà.

Erika rivela che la seconda strofa di questa canzone proviene da una poesia che ha scritto durante la sua adolescenza. “Spesso inserisco brevi poesie nei miei testi ed è strano rendersi conto di come, leggendo versi e note scritte a quell’età, questi sentimenti e sensazioni siano ancora presenti. Sembra che, nonostante tutti i cambiamenti in atto durante l’esistenza di ognuno, qualcosa dentro di noi rimanga immutato e costante nel tempo. Mi piace l’idea di riportare questi pensieri dal passato e dare loro una nuova forma con la musica”.

https://www.facebook.com/kaeryann
https://www.instagram.com/kaery.ann/

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social Network

instagram logo
facebook logo
twitter logo
flickr logo
youtube logo

Instagram

Nessun Inchino Finale Festival
28 Gen 23
Segrate
Galeffi
28 Gen 23
Bologna
Hot Chip (djset)
28 Gen 23
Bologna
La SAD
28 Gen 23
Nonantola
Santi Francesi
28 Gen 23
Pozzuoli

Scopri anche...