Connect with us

Hi, what are you looking for?

Playlist

La playlist invernale di Minaper

Agostoè l’ultimo singolo della cantautrice capitolina MINAPER uscito lo scorso 15 gennaio su tutte le piattaforme digitali.

A dispetto del nome, palesemente evocativo circa la bella stagione e l’estate, è una ballad dai toni e colori invernali riflessivi emersi grazie alla produzione di Francesco Megha e il mastering di Vincenzo Maria Cristi.

Le abbiamo chiesto di comporre una playlist invernale ed eccone il risultato:

Sospesi – Colapesce



Il Natale ogni tanto dovrebbe essere come lo descrive Colapesce in questo pezzo..un universo a parte con solo due abitanti e un tempo sospeso..

Non usciamo – Malika Ayane



Questa canzone è strana, il testo somiglia ad un flusso di pensieri, una sorta di dialogo interiore che riesce a portarti immediatamente nella fotografia che racconta: un rientro a casa in un giorno qualsiasi, dove lentamente tante piccole cose “di cui potermi lamentare” e le tensioni portate da fuori si sciolgono nel classico torpore casalingo e invernale di una coppia che trova la felicità nel mangiare una cena improvvisata decidendo di restare a casa..

Sentimentalist – Sondre Lerche



Sarà che Sondre Lerche me lo immagino sempre e solo nei boschi norvegesi..questa canzone la amo e la metterei anche in una playlist di ferragosto ma palesemente sarebbe fuori luogo. Mi fa venire in mente cose come echi tra i boschi, foschia, freddo ma vedo anche fuoco, dovuto forse ad un filo di rabbia o forse dolore nella voce di Sondre che nei vocalizzi finali letteralmente si sente “bruciare”. Ottima per patimenti d’amore invernali.

Should have known better – Sufjan Stevens



Qua vedo un inverno americano in qualche cittadina sperduta, tanta neve, un caminetto e sento il legno di una chitarra vecchia e solitudine. Difficile spiegare questa canzone. Bastano i primi 10 secondi per capire cosa voglio dire.

Boy with a coin – Iron&Wine



Chitarra acustica e un costante clap che si intrecciano con le voci, il mio cuore si scalda con così poco! Perfetta in macchina tornando a casa al tramonto.

I didn’t know – Skinshape



Limpida mattinata invernale, finestra, tazzona di caffè caldo in mano, la città si sveglia, mi sembra New York ( e invece con Skinshape in realtà siamo a Londra). Metto un maglione caldo e scelgo un libro da leggere.

Moon song – Beabadoobee e Oscar Lang



La giornata è finita, fuori fa un freddo cane ma sei sotto il piumone e questa è la ninna nanna perfetta, un cuscino morbidissimo e profumato.

Avatar
Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...