Connect with us

Hi, what are you looking for?

Playlist

I 5 brani preferiti di Argo

E’ uscito a settembre “Mi hanno detto che”, il primo singolo di Argo, prodotto da Trem, dopo più di un anno senza alcuna pubblicazione. Il singolo in questione rappresenta una frattura di un equilibrio fittizio che l’artista si era creato in successione ad alcune difficoltà personali che affronta nel testo, come disturbi d’ansia e dipendenza.

Argo compromette la propria “stabilità di facciata” accettando l’irruenza di un periodo passato che continua a pesare e a condizionare le sue aspettative e la sua concezione di sé. Il brano, accompagnato esclusivamente da alcune note di pianoforte e violino curate da Trem, trascina un’atmosfera soffocante ma anche consapevole. 

E come sempre, per l’occasione, gli abbiamo chiesto i suoi cinque brani preferiti. 

Rino Gaetano – Mio fratello è figlio unico

Rino Gaetano mi ha spinto, prima di qualunque altro artista, a provare a scrivere qualcosa di mio. Questa traccia è un insieme di riferimenti ed esempi scollegati che, in qualche modo misterioso, mi sono sempre arrivati come un’unica immagine. E’ soprattutto questa la caratteristica di Rino Gaetano che mi ha sempre affascinato oltre all’attualità dei testi nonostante siano stati scritti in contesti ormai passati. Ammiro una lettura così sofisticata della gente e penso che, date tutte queste premesse, sia inevitabile che continui ad emozionarmi.

Mezzosangue – Never Mind

Il rap è stato il primo genere che ho approfondito soprattutto per l’interessante cultura dell’Hip-Hop. Mezzosangue mi ha sempre dato l’impressione di sentirsi “solo contro il mondo” e in molti momenti ho avuto proprio questa percezione in prima persona. Ascoltarlo mi è stato molto utile per due ragioni: la scrittura incisiva e lo sfogo. Questa canzone è in assoluto il pezzo che più mi ha insegnato l’importanza di questi due aspetti.

Vasco Rossi – Vita spericolata

Ok, scontatissima. Questa canzone l’ho scoperta che ancora vivevo a Brescia, facevo le tag nei bagni della mia scuola, in quel periodo. Guardando un film sui graffiti, dato che veniva cantata dai protagonisti, mi sono incuriosito particolarmente, il testo l’ho subito percepito come “iconico” e quindi ho iniziato ad ascoltarla tutti i giorni, almeno per un paio di mesi. Capita spesso di strillarla in macchina con mio padre, per quanto mio padre non sia affatto spericolato, ma questo è un altro discorso.

Bob Marley & The Wailers – Redemption Song

Questa traccia non mi è mai piaciuta particolarmente, non era “abbastanza reggae” quando l’ho scoperta ascoltando tutta la discografia di Bob Marley in cameretta con gli occhi arrossati.

L’ho rivalutata qualche anno dopo, guardando un film al quale sono molto legato (The beach). In una scena molto toccante alcuni personaggi cantano questa canzone e solo a pensarci mi viene la pelle d’oca. Forse ero io che avevo gli occhi troppo rossi per apprezzarla.

Jack Kays, Travis Barker – OUTRUN MYSELF

Non è una traccia con la quale sono cresciuto, è uscita recentemente, ma senz’altro è una traccia per cui sono andato, come si dice a Roma, “in fissa”. L’energia di questo ragazzo mi ha travolto da subito e reputo questo tipo di pezzi molto d’ispirazione per quello che voglio fare.

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social Network

instagram logo
facebook logo
twitter logo
flickr logo
youtube logo

Instagram

Caterina
27 Gen 23
Milano
Galeffi
27 Gen 23
Brescia
La SAD
27 Gen 23
Firenze
Nessun Inchino Finale Festival
28 Gen 23
Segrate
Galeffi
28 Gen 23
Bologna

Scopri anche...

Video

E’ uscito ad Ottobre “Un giorno”, il nuovo EP di Argo, al quale lavora dall’autunno del 2020. All’interno troviamo tre produzioni di Trem, due di Lomi, una co-produzione...