Connect with us

Hi, what are you looking for?

Playlist

Gli 8 brani imprescindibili per i Garpets 30k

E’ uscito a giugno il singolo 22 giugno dei Garpets 30k.

Un nuovo atipico singolo estivo che vuole raccontare il rapporto conflittuale che si ha con il proprio compleanno, un brano nostalgico che si muove tra cantautorato e it-pop che sa far ballare, piangere e si prende anche un po’ in giro.

Massimo:

Un Malato di cuore – Fabrizio De Andrè

Francis Turner è una delle lapidi parlanti di “Antologia di Spoon River” di Edgar Lee Masters che racconta del suo cuore di cristallo che lo costringeva a “farsi narrare la vita dagli occhi” senza poter mai giocare con gli amici o semplicemente correre in un prato. Crescendo, Francis scopre l’amore in una ragazza: la prima volta che la vede, sviene dalla troppa emozione da sopportare per il suo cuore fragile. La seconda volta, quando finalmente coronano il loro amore con un bacio il suo cuore “le restò sulle labbra”. Un immagine così forte e così vera da farmi venire i brividi ogni volta.

L’asino e il leone – Brunori Sas

Non tra le più conosciute del cantautore calabrese, ma se lo scopo della musica è quello di ritrovarsi in alcune frasi, questa canzone ci ha preso su ogni parola. Parla di una persona che agli occhi è un leone, forte, spavaldo, ma se lo guardi bene trovi un asino cocciuto e anche un po’ bambino che “non riesce a ragionare ma vuole sempre aver ragione”. Il fatto che non sia così famosa me la fa sentire ancora più mia

Simone: 

I Need Some Sleep – Eels

Scoprii (o meglio dire riscoprii) questo brano ascoltando playlist create da persone sconosciute trovate cercando parole chiave su Spotify… Al primo (ri)ascolto ebbi immediatamente quel senso da Sindrome di Proust. Non solo é un brano scritto per uno dei miei film dell’infanzia preferiti, ma é un brano che nasconde una potenza incredibile: l’utilizzo di effetti sul giro di piano iniziale é semplicemente stupendo, la modulazione vocale di Mark O. Everett (cantante degli Eels) é un vero e proprio racconto, immerso in questo sentimento di pura inadeguatezza, che porta Mark a chiedere aiuto al semplice sonno.

Da quanto sto fantasticando, forse ho bisogno di dormire anche io.

Black – Pearl Jam

Scoprii il grunge durante le medie e me ne innamorai… Nirvana, Soundgarden, Alice in Chains, Pearl Jam. Questi ultimi sono stati la colonna sonora dei miei anni alle superiori e questa canzone é una vera e propria esperienza d’ascolto. La carismatica  ed emotiva voce di Vedder, la chitarra distorta e allo stesso tempo melodica, il sentimento di un amore perduto, trasmesso con un testo diretto ma anche riflessivo.

Stendetevi in un letto, mettetevi delle buone cuffie e preparatevi alla pelle d’oca… Buon ascolto, non ve ne pentirete.

Giacomo:

Octavarium – Dream Theater 

Che dire di Octavarium? Più di essere una canzone è un film (anche di durata). Cinque atti che passano da una intro molto pink floydiana ad intermezzi orchestrali per arrivare ad un crescendo sempre più epico verso l’assolo finale di Petrucci. Il pezzo che mi ha fatto innamorare dei Dream Theater sia come gruppo sia come musicisti individuali che su questo pezzo riescono a tirare fuori le mille facce del loro talento.

The Gate Of Disorder – Gunship 

Questo pezzo è stato un po’ la colonna sonora del mio lockdown, un racconto (almeno per me) di un addio vissuto da vari punti di vista con un arrangiamento in costante evoluzione ed involuzione.  Dal primo ascolto rimasi subito colpito dall’alternanza tra la dolcezza e il sound più cupo, il tutto scandito dall’enorme basso per poi arrivare al finale dove tutto si unisce. Consiglio l’ascolto in macchina con volume sparato al massimo.

Tommaso: 

Hey Jude – The Beatles  

È quella canzone che canti anche se non la sai, ma che in realtà hai sempre conosciuto, pur non conoscendola… È un inno al mondo intero e oltre, capace di riunirci tutti sotto lo stesso coro: chi non si unirebbe a noi, chi non si unirebbe alla Musica? “Naaa na na…”

Don’t Stop Belivien’ – Journey 

Questa canzone mi ha cambiato la vita. Ci incontrammo per la prima volta su “Scrubs” e fu amore a primo ascolto. Fu talmente passionale questo amore che esiste un Tommaso prima è un Tommaso dopo: i Garpets 30k possono confermare!

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...