Connect with us

Hi, what are you looking for?

Playlist

6 ballad da ballare per Alessandro Cenedese

A pochi mesi dall’uscita del suo singolo Out Run, l’artista trevigiano Alessandro Cenedese torna in scena con un nuovo brano, argutamente intitolato Ballad coi lupi. Non compaiono nella canzone Kevin Costner e la sua band Modern West, ma il pezzo è impreziosito da una collaborazione musicalmente molto più prestigiosa: le chitarre sono state infatti registrate da Phil Palmer in persona, già chitarrista di Eric Clapton, Dire Straits e Iggy Pop e uno dei più celebri turnisti internazionali del rock.

Orecchie puntate in particolare sul suo virtuoso assolo in coda al brano. Ballad coi lupi è una dichiarazione d’amore perduto, dove Alessandro Cenedese canta il sentimento strabordante di un orgoglio ferito, di un cuore che necessita di un serio rattoppo: “cosa me ne faccio dell’amore”, si chiede l’artista, se viene a mancare ogni piccola cosa che rendeva piena di significato ogni giornata?

Alessandro Cenedese ci racconta sei ballad da ballare coi lupi in occasione del suo nuovo singolo.

The Rolling Stones – Angie 

Personalmente preferisco i Beatles, ma è importante cambiare punti di vista e comprendere che una cosa non esclude l’altra. Un po’ come Mike Bongiorno e Pippo Baudo. Angie per me è un brano “colonna sonora” tanto quanto Paint It Black.

Red Hot Chili Peppers – Dosed

Una canzone buona la si trova anche in un album che non brilla. Dedichiamo sempre meno tempo all’ascolto, in tutti i sensi, ed è un peccato perché ci perdiamo un sacco di roba e alla fine non ci si affeziona a nulla.

Riccardo Sinigallia – Malamore

Le canzoni possono essere restaurate, e anche i dischi in realtà: vedi Non al denaro non all’amore né al cielo versione Morgan. Durante la scrittura di Ballad coi Lupi avevo per le mani un basso acustico e suonavo spesso il riff di questa canzone; con questa scusa mi ascoltavo l’ultimo disco di Sinigallia che, si sa, è un fuoriclasse.

Franco Battiato – L’ombra della luce

La scomparsa di Franco Battiato mi ha colpito profondamente. È in assoluto l’artista che ho più visto dal vivo e di cui conosco meglio la discografia. Oltre a un’enorme influenza artistica, credo di vederlo come un padre, o uno zio insomma. Una volta l’ho anche conosciuto in un ristorante a Prato. Questa canzone è stata la prima che ho ascoltato dopo il suo passaggio e mi commuove nel profondo.

Deep Purple – Soldier of Fortune

Ho scoperto questo brano alle superiori grazie ad Alessandro Benetton, che più tardi sarebbe diventato il bassista della mia ex band, i L.ego. Eravamo in autogestione, chitarra alla mano, ricordo ancora quel “profumo di incanto”, è tutt’ora la canzone che preferisco cantare in modalità “mercenario”.

Alessandro Cenedese – Ballad coi lupi

La mia personale versione di una ballad da ballare con i lupi… a partire dal titolo!

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...