Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Reportage Live

WARHAUS: reportage, foto e scaletta del concerto di Milano

Articolo di Simona Ventrella | Foto di Lara Bordoni

Dal suo album di debutto del 2016, We Fucked a Flame Into Being, il sound del cantautore belga Warhaus si è annidato nei nebbiosi regni della malinconia romantica. I suoi primi due album, il già citato e il successivo omonimo Warhaus del 2017, sono innegabilmente per i romantici notturni: lenti, sentimentali e cinematografici. Tuttavia, anche se i suoi primi due dischi si crogiolavano nella presenza inebriante dell’amore, la separazione dalla partner Sylvie Kreusch, la cui voce noir ha illuminato i passaggi oscuri dei primi due album come una presenza lunare, ha costretto Maarten a far fronte alla sua assenza, sia emotivamente che musicalmente.  E così nell’ultimo il registro prova a trovare nuove alternative e libertà in cui si insinuano le influenze rock belghe di gruppi come i dEus di cui ritroviamo somiglianze stilistiche sparse qua e là, sia nuove le nuove sonorità che lo stesso Maarten ha scoperto insieme ai Balthazar.

Un percorso articolato che la band ha ben rappresentato sul palco del Circolo Magnolia in una performance irresistibilmente dreamy. Impossibile negare che la sola presenza scenica della band sia improntata ad esaltare questa attitudine glam e una certa sfrontatezza da dandy, che condisce con una giusta carica di sex appeal. La formazione a cinque sul palco determina una ricchezza di suoni che crea una rotondità del suono e il giusto equilibrio tra i brani passati e quelli del presente. La scaletta infatti è un palleggio tra l’omonimo disco del 2017 e il nuovo Ha Ha Heartbreack in una sorta di gioco a due. Control, Love’s a Stranger, Fall In Love With Me sono liriche dolci e melodiche che cullano l’ascoltatore dall’inizio alla fine e che coinvolgono il pubblico in facili ondeggiamenti e grandi abbracci al ritmo incalzante, caldo e avvolgente della sezione ritmica. Le potremmo immaginare come piccole  cattedrali nella nebbia costruite su accordi di chitarra che tracciano il percorso per un’infusione di archi, pianoforte e voci, e soprattutto fiati. Un’enormità di strumenti suonati, non sempre con grande precisione stilistica, e forse a volte anche con qualche sequenza, che però riesce a scaldare il pubblico e infiammare gli animi. D’altronde Marteen sa come giocarsi bene le sue carte in termini di presenza sul palco e come  coinvolgere il pubblico, ammiccando, avvicinandosi e scendendo tra di noi per raccogliere il calore e assorbire le vibrazioni positive che aleggiava in tutto il parterre.

Eravamo in purgatorio, un attimo pronti pronti per la redenzione e il minuto dopo di nuovo peccatori e travolti dalle nuove canzoni e da quel movimento verso un nuovo equilibrio quel senso di transizione ricreato da lunghe code strumentali di Time Bomb o dagli assoli di chitarra sbilenca di Shadow. Un live che si chiude con Open Window e un lungo momento di interazione finale in cui cantare all’unisono il motivo della canzone e chiudere con un culmine di gratitudine e affetto.

Forse non sono la band più precisa e stilisticamente definita, hanno un suono molto omogeneo ma sono riusciti tenere incollate le persone, a farle sentire amate, lasciate, coccolate e a pezzi il tutto con una grande energia sia fisica, che emotiva. 

Aspettiamo con ansia il futuro e le prossime evoluzione di questo piccolo e prezioso gioellino belga.

Clicca qui per vedere le foto dei Warhaus in concerto a Milano o sfoglia la gallery qui sotto

Warhaus

WARHAUS: la scaletta del concerto al Circolo Magnolia di Milano

Control 
Desire – Ha Ha Heartbreak
The Good Lie  
Beaches
When I Am With You 
Love’s a Stranger 
Shadow 
Fall In Love With Me 
Machinery 
Time Bomb 
It Had To Be You 
Mad World 

ENCORE
Best I Ever Had 
Open Window 

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Reportage Live

Foto di Nadia Camilleri Il virtuoso della loop station Marc Rebillet si è scatenato al Circolo Magnolia martedì 16 luglio con uno spettacolo unico...

Reportage Live

Ampio e sentitissimo sold-out per una delle line-up più attese degli I-Days, l’ultima data all’Ippodromo SNAI “San Siro” di via Diomede: Simple Plan, Avril...

Concerti

Foto di Davide Merli Gli Alvvays, la celebre band indie-pop canadese guidata dalla carismatica Molly Rankin, tornano finalmente in Italia per due appuntamenti imperdibili curati da...

Reportage Live

Il temporale sopra l’Ippodromo SNAI San Siro di Milano non ha bloccato le diverse migliaia di fan accorsi per i Bring Me the Horizon,...