Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Festival

Primavera Sound 2024: la 22° edizione del festival dal 29 maggio al 2 giugno a Barcellona

Il festival, che torna al suo format “weekend a Barcellona”, si terrà dal 30 maggio al 1° giugno al Parc del Fòrum

Lana del Rey, SZA, Pulp, VAMPIRE WEEKEND, Mitski, Charli XCX, Justice, PJ Harvey, The National, FKA twigs, Bikini Kill, Deftones e Troye Sivan sono i protagonisti della 22ª edizione del Primavera Sound.

This Is Love. La lineup del Primavera Sound 2024 è svelata, mentre l’amore per il festival si diffonde in tutte le direzioni. Can’t you feel it? L’amore per la propria storia si riflette nella grafica retrò che accompagna l’annuncio, diretta discendente della locandina su cui sono state evocate per la prima volta le due parole magiche: Primavera Sound. Era il 1994, a sette anni da quella che sarà la prima edizione ufficiale del festival, in occasione di una serie di concerti nel locale KGB di Barcellona. L’amore per Barcellona stessa, dove tutto è iniziato e dove tutto ritorna, è il protagonista assoluto del video nel quale viene presentata la lineup. Guardarlo significa iniziare a conoscere i 150 nomi annunciati, ma anche fare una passeggiata in alcuni dei luoghi più iconici della città. E naturalmente significa amore per la comunità del Primavera Sound, perché questa lineup è innegabilmente un regalo per i fan del festival. È stata annunciata ora, ma prima di goderne, abbiamo ancora sei mesi davanti per iniziare a immaginare tutto ciò che accadrà dal 29 maggio al 2 giugno al Primavera Sound Barcelona 2024.

La ventiduesima edizione del festival ripropone il formato del fine settimana con sede a Barcellona, ancora una volta con un’offerta musicale esplosiva. Ogni artista, ogni band è importante, ma lo è anche la somma collettiva di tutti. È quindi tanto stimolante esaminare da vicino ogni dettaglio e particolarità di questa line-up eterogenea e inclusiva, quanto fare un passo indietro per avere una prospettiva. Zoom in, zoom out. Abbiamo detto che questa lineup è un regalo? Ebbene, scartiamolo e scopriamo che, in sostanza, si tratta di amore per la musica.

Girls to the front! Il fatto che l’eccezionale sia diventato normale al Primavera Sound non significa che non si debba continuare a mettere in evidenza qualcosa che a livello globale è un’anomalia. La lineup della prossima edizione del Primavera Sound ci mette ancora una volta di fronte all’impegno per l’uguaglianza (42,36% di donne, 42,36% di uomini e 15,28% di progetti misti), un segno distintivo del festival fin dalla storica edizione del 2019, che per la prima volta ha bilanciato la gender distribution. Un precedente che ci conduce qui: Lana del Rey e SZA saranno headliner del Primavera Sound 2024. La prima, saldamente affermata come grande cronista della musica americana di questo secolo; la seconda, un talento generazionale che ha superato i limiti dell’R&B, offrirà il suo primo show in Spagna. “Girls to the front!”, come invocava Kathleen Hanna all’inizio degli anni ’90 durante suoi concerti. Anche Hanna e la sua band, le Bikini Kill, saranno presenti al Primavera Sound 2024 per continuare a mostrarci come si fa.

Say Yes to Heaven – gli hashtag si usano ancora nel 2023? Perché #bestfestivalever è più attuale che mai. I Pulp torneranno al festival preferito di Jarvis Cocker con la loro collezione di inni atipici, i VAMPIRE WEEKEND si riuniranno al pubblico con cui sono cresciuti sedici anni dopo la loro prima e unica esibizione al Parc del Fòrum, i The National apriranno le porte di quella parte della loro discografia che ci fa sentire totalmente a casa, Mitski dimostrerà di essere molto più di una cantautrice di culto, PJ Harvey si dividerà in tutte le diverse PJ Harvey che nasconde al suo interno, i Justice infonderanno nel loro party l’inconfondibile tocco francese, FKA twigs mostrerà al mondo i passi delle sue nuove coreografie, i Deftones accenderanno la loro miccia nu metal, Charli XCX presenterà la sua nuova era e Troye Sivan porterà la sua esplosione pop per trasformare Barcellona nella capitale mondiale della musica per qualche giorno. Ritorni attesi da tempo, desideri che si avverano, beniamini del pubblico e conti in sospeso: insomma, come abbiamo già detto, una chicca per i fan.

You Can Have It All. Al Primavera Sound 2024, suoni di ogni tipo e natura, provenienti da ogni direzione, coesisteranno come se fossero la stessa cosa. Dal pop vintage dei The Lemon Twigs o il black metal estremo dei Wiegedood al jazz versatile dei BADBADNOTGOOD. E ancora il reggaeton delle origini di DJ Playero, passando per l’instancabile post-hardcore dei Lisabö, l’hip-hop controcorrente di Billy Woods e la dance giamaicana di Channel One. Un festival che anche quest’anno sarà come una matrioska: al suo interno ci sono altri festival che aspettano di essere scoperti. Così, ogni revisione della line-up rivela nuovi impossibili contrasti che sono immaginabili solo qui. La nostalgia del futuro di A. G. Cook e lo sguardo al passato di Ángeles, Víctor, Gloria & Javier, l’istinto primordiale di La Zowi e la precisione cerebrale di Monolake, il divertimento coscienzioso e cinguettante di F.R.A.C. e la solennità di American Football, gli eccessi di Arca e l’austerità di Jessica Pratt, il frastuono di The Armed e l’immobilità di Nala Sinephro, le bizzarrie di YOVNGCHIMI e l’unicità di Peggy Gou, il luccichio di Hannah Diamond e le sfumature di Chelsea Wolfe. Non si può avere tutto in questa vita, ma forse è possibile, dopo tutto, quando si legge questa lineup.

Do You Remember the First Time? Non importa a quante edizioni del festival abbiate già partecipato o se eravate presenti ai concerti del 1994 al KGB, perché comunque sia, il Primavera Sound 2024 sarà pieno di prime volte anche per voi. Qui sta la forza di una lineup che ha momenti unici, per definizione, nascosti in ogni angolo: rarità, progetti di ritorno, cose mai viste prima in Spagna. Come i Clipse, l’amatissimo progetto di Pusha T e Malice, che per il loro ritorno hanno scelto il Primavera Sound come unico show europeo, per rendere ancora più grande la loro leggenda. O l’inafferrabile Jai Paul, animale mitologico della blogosfera, che si unisce alla lineup con soli dieci concerti in carriera e molti enigmi ancora da risolvere. O l’italiano Liberato, un altro amico del mistero che non si rivela quasi mai sul palco. O i Dogstar, la rock band di un certo Keanu Reeves (sì, avete letto bene, quel Keanu Reeves). Oppure “An Intimate Piano Performance” di LAMBCHOP, un approccio unico al già inconfondibile catalogo di Kurt Wagner. O i Duster, recentemente rinati come nuovi eroi slowcore. O gli Stella Maris, la superband pop cristiana inventata dai Los Javis per la serie La Mesías, che ha fatto il salto dalla TV al festival. Altre occasioni speciali? Freddie Gibbs & Madlib commemoreranno il decimo anniversario di Piñata, Mica Levi decifrerà il suo linguaggio musicale non negoziabile in un DJ set in cui tutto può accadere, Beth Gibbons dividerà le acque per farci attraversare con lei fino all’altra sponda, Roc Marciano emergerà dall’underground del rap per dichiararsi il padre di un’intera generazione di MC e William Basinski eseguirà i suoi Disintegration Loops, qualcosa che si potrebbe definire l’alfabeto dell’ambient moderna. Ci sono molte ragioni per sapere che un Primavera Sound unico nel suo genere è dietro l’angolo.

We Are Your Friends. Shellac e gli altri 149. L’immortale trio di Chicago, che non suona ai festival, ma che l’anno prossimo farà un’eccezione al Primavera Sound, incarna perfettamente il DNA del Primavera. Poi i Yo La Tengo e dagli Arab Strap, altre due band strettamente legate alla storia del festival fin dall’edizione del 2003, quando ancora si teneva al Poble Espanyol. Entrambi si esibiranno al Primavera Sound 2024 quasi come band ospitanti, anche se questo onore può essere rivendicato anche dal esploratore metafisico Ferran Palau, dagli idoli locali Mujeres e da El Mató a un Policía Motorizado, che ancora una volta faranno cantare tutta Barcellona con accento argentino. Fortunatamente, anno dopo anno, festival dopo festival, il club di amici del Primavera Sound si espande e si rigenera naturalmente: Shabaka, nella sua veste più introspettiva dopo averci mostrato in precedenza tutti i volti del jazz con i suoi altri progetti, Romy, che abbiamo visto crescere dopo le sue visite con i The xx, i fratelli Disclosure, esperti nel trasformare il Parc del Fòrum in un club, e Guillem Gisbert, ora solista dopo essere diventato la colonna sonora delle nostre vite con Manel, contribuiranno a salvaguardare lo spirito di un festival che conoscono perfettamente.

How i’m feeling now. La line-up del festival è molte cose allo stesso tempo, ma soprattutto è ancora una volta una fotografia che cattura questo preciso momento della musica contemporanea. Un presente che si concretizza nell’emergere di giovani talenti come Omar Apollo, Ethel Cain, Milo j, Mushkaa, Dillom, MJ Nebreda, Depresión Sonora e The Last Dinner Party. Un presente che suona inevitabilmente come il songwriting di Julie Byrne, il rock tagliente di Water From Your Eyes, l’ennesima sublimazione pop di Róisín Murphy, il folk celtico di Lankum, il volto più umano di Yeule, i refrain globali di Amaarae, l’hardcore senza dogmi di Militarie Gun, le ballate sconclusionate di Joanna Sternberg e l’hip-hop da club di HiTech. Tutti loro sono nella cornice perché i loro album hanno segnato questo 2023 che sta già volgendo al termine: Il Primavera Sound si svolgerà tra sei mesi, ma in un certo senso sta già accadendo.

When a Fire Starts to Burn. Con il programma parallelo di Primavera a la Ciutat (di prossima pubblicazione), che coinvolgerà ancora una volta diverse sedi di Barcellona in linea con il tradizionale carattere urbano del festival, la giornata di benvenuto di mercoledì 29 maggio è già segnata sul calendario come primo contatto con il Parc del Fòrum. Un’altra chicca per gli appassionati, letteralmente: una giornata di concerti gratuiti guidati dagli immancabili Phoenix, la band pop veni, vidi, vici. Il gruppo francese, mix ideale di festa e raffinatezza per una giornata del genere, sarà affiancata da Tropical Fuck Storm, Ratboys, Maria Jaume e Stella Maris (nella prima delle loro due esibizioni al Primavera Sound 2024) per completare un’apertura ufficiale del festival molto speciale. E poiché tutto è bene quel che finisce bene, il Brunch Electronik party chiuderà il Primavera Sound 2024 domenica 2 giugno con i set di ANOTR, The Blessed Madonna, Chloé Caillet e Mochakk.

Il Primavera Sound Barcelona 2024 ha il sostegno di Estrella Damm, Cupra, Pull&Bear e Santander come partner strategici fondamentali: il loro impegno permette di continuare a migliorare il festival in cui crediamo sia dal punto di vista musicale che per tutto ciò che lo circonda. A loro si aggiungono Aperol, Adidas, Maybelline, Organics by Red Bull, SEAT MÓ e Plenitude. Grazie a tutti voi per la vostra fiducia nel Primavera Sound.

A partire dalla pubblicazione della line-up del Primavera Sound Barcelona 2024 e fino al 22 novembre alle 23:59 CET, sul sito del Primavera Sound sarà disponibile un modulo di registrazione per la fan sale: il biglietto generale per l’intero festival costerà 265 € (più booking fee) e il biglietto VIP per l’intero festival costerà 495 € (più booking fee) fino all’esaurimento dei biglietti.

Il 23 novembre gli utenti registrati riceveranno un’e-mail con le istruzioni per accedere alla fan sale, che sarà attiva su DICE dalle 11:00 CET per 24 ore o fino all’esaurimento dei biglietti.

La vendita generale dei biglietti aprirà il 24 novembre alle 11:00h CET su DICE.

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Musica

BEST 5 ALBUM OF 2023: la classifica dei redattori e fotografi di Rockon.

Concerti

L’iconica band francese è il primo dei due headliner che animeranno la prima domenica del festival. Il secondo headliner verrà svelato a gennaio.

Concerti

La cantautrice candidata a cinque statuette ai prossimi Grammy Awards, con l'’unica occasione per vedere dal vivo in Italia il suo show dall’inconfondibile stile...

Video

The National presentano il video ufficiale del brano che dà il titolo all’album uscito a sorpresa a metà settembre, “Laugh Track“ feat. Phoebe Bridgers. Il video è...