Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Reportage Live

L’eterea LANA DEL REY: sogno di una notte di (non ancora iniziata) estate

Dopo il successo di Barcellona al Primavera Sound, la cantante statunitense infiamma Milano per la seconda data degli I-days.

Lana Del Rey foto di Andrea Ripamonti / Rockon.it
Lana Del Rey foto di Andrea Ripamonti / Rockon.it

Articolo di Stefania Clerici | foto di Andrea Ripamonti

La grande stagione dei concerti internazionali ha finalmente preso il via e Milano si conferma grande protagonista della scena musicale con artisti di gran calibro ospiti al Festival degli I-days: se lo scorso mercoledì con i Metallica ci siamo divertiti ad headbangare forte, la serata di ieri all’ippodromo La Maura ci ha portato tutt’altra musica sulle vette sognanti del vintage sound di Lana Del Rey.

67 mila presenze al pari dei cugini metal della settimana passata, per uno spettacolo tutto dream&pop, con una sola grande protagonista a riempire il palco.

Clara in concerto agli I DAYS 2024 di Milano foto di Andrea Ripamonti

Anche se il pomeriggio di musica inizia con gli opening act della giovane Clara e del geniale e poliedrico Dardust, tutto il pubblico è lì per lei e lo si vede bene al colpo d’occhio che mi circonda: qualche gruppo di amici, molti stranieri, molta fluidità ma sopratutto tante, tante, tante ragazze con coroncine di fiori in testa, abiti di pizzo bianco, pezzi vintage addosso, tutto molto bohemien, che prendono a modello lo stile della loro idola a breve on stage. Qualche genitore 1-2 (più mamme, diciamolo) che le accompagna, ma saranno in tantissim* fuori in auto con le doppie frecce (Buongiorno Milano, Buongiorno Sindaco Sala) ad attendere le figlie a fine live.

L’inizio del concerto è spettacolare e ci fa entrare (letteramente) nel giardino incantato di Lana Del Rey, tra gazebo e pergolati, come se fossimo in uno dei suoi videoclip. L’atmosfera rarefatta e sognante si accresce con il contributo dei visual a fondo e lato palco, ma è con l’ingresso onstage di Lana che lo show prende il via: un look vintage un po’ lolita anni ‘60, con una pettinatura tutta cotonata e luccicanti stivali ai piedi incorniciano l’artista, circondata da un corpo di ballerine professioniste che su Without You iniziano la loro danza. Su West Coast parte subito il primo coro del pubblico che però non smuove Lana, concentrata nella sua performance e sul personaggio, dal quale non uscirà mai per tutta l’ora e mezza di concerto.

Dardust in concerto agli I DAYS 2024 di Milano foto di Andrea Ripamonti

Sì perchè la perfezione ci piace, ma già dai primi pezzi si ha l’impressione di essere dentro il (bellissimo) film di Lana Del Ray, in un non-presente che ti catapulta nelle atmosfere calde dell’Arizona di Doin’ Time o Summertime Sadness, o sulle coste del mare californiano di Pretty When You Cry, o ancora in un viaggio on the road nel deserto rosso di Ride, in poetici sogni ma… molto lontani dalla realtà e di quell’esperienza vera che un concerto ti dovrebbe far vivere.

Su Born to Die tutti i telefonini sono alzati per riprendere la performance e immortalare il momento in un ricordo che sa già di evanescente: due lunghi interludi su Bartender e Burnt Norton con videoclip dal sapore vintage ci portano verso la seconda parte del live, molto incentrata sulla performance e il connubio piano e voce, in cui Lana Del Rey dà il suo meglio in potenza vocale ed interpretazione.

Le bravissime ballerine e le coriste portano lo show più vicino e a portata del pubblico, l’intro gospel di The Grants è pura emozione, scivolando poi sui toni ballad di Did you know that there’s a tunnel under Ocean Blvd Lana accenna un’inaspettata pole dance, preferendo poi la comodità di una sedia per una cantata più intima. Non bastano i cori dal pubblico che chiedono “Salvatore” (che non arriverà) o intonano “Sei bellissima” a distrarre l’artista, che con le sorprese nella setlist italiana di Norman fucking Rockwell e Arcadia, ci regala l’acclamatissima Video Games.

Lana Del Rey in concerto agli I DAYS 2024 di Milano foto di Andrea Ripamonti

Il palco si fa buio e con gran stupore un’intro piano-solo proietta un simil-ologramma di Lana Del Rey a centro palco, che gira in tondo come in un vortice: un cambio d’abito lungo, tutto una pailletes di scintille. Come una moderna Principessa Leila arriva Hope is a dangerous thing for a woman like me to have – but I have it che lascia tutto il parterre con LA domanda: ma chi abbiamo visto, la vera Lana o un video? Il gran finale è un crescendo, prima con A&W e poi con la poetica Young and Beautiful che chiudono il live.

Manca solo la caduta del sipario per siglarne la conclusione, ma forse ci basta la caduta del velo del vestito di Lana che copre palco e ballerine per la sua ultima performance per destarci dal sogno. Tra atmosfere oniriche e un viaggio più che oltre oceano che ci hanno accompagnato per un’ora e mezza, si torna alla realtà e a farcelo capire sono proprio i “titoli di coda” di It’s just a burning memory che a tutto volume ci indirizza verso l’uscita dall’Ippodromo: me ne vado con un ritratto in chiaroscuro dell’artista che non mi ha lasciata indifferente vuoi per la sua unica voce, vuoi anche per la sua artefatta bellezza, ma l’amaro in bocca un po’ mi resta e sinceramente penso che avrei voluto un po’ più sentimento e verità da questo show, pur perdendo in ricercatezza e perfezione.

Clicca qui o guarda le foto di Lana Del Rey in concerto a Milano o sfoglia la gallery qui sotto

Lana Del Rey

LANA DEL REY – la scaletta del concerto di Milano – 4 Giugno 2024

Without You
West Coast
Doin’ Time
Summertime Sadness
Cherry
Pretty When You Cry
Ride
Born to Die
Bartender (interludio)
Bartender
Burnt Norton (Interludio)
Chemtrails Over the Country Club
The Grants
Tunnel (Interludio)
Did you know that there’s a tunnel under Ocean Blvd
Norman fucking Rockwell
Arcadia
Video Games
Hope is a dangerous thing for a woman like me to have – but I have it
A&W
Young and Beautiful
It’s just a burning memory (The Caretaker song recorded)

Written By

Milanese, classe 1983, sono appassionata di musica, cinema e cultura pop. Adoro viaggiare, mangiare, dormire, viaggiare, ballare, sorridere e fare l'amore. Oltre a scrivere di musica su Rockon sono digital producer per il tuo canale tv preferito. Amo il rock in tutte le sue forme, i gatti, fotografare il cibo che mangio (e lo faccio da anni, non per moda social) e perdermi per le vie delle città che non conosco. Bulimica di serie tv, collezionatrice di vestiti, scarpe, borse e tutto ciò che può entrare in una grossa cabina armadio puoi chiedermi di tutto e ti darò la risposta che cerchi (altro che Google e il libro delle risposte!), basta non domandarmi: “qual è il tuo artista preferito?”.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Reportage Live

Perfetti interepreti di un punk faceto e cazzone, Billie Joe e soci ci hanno scaraventato addosso, con grandissima ironia, tutta la loro storia di...

Concerti

A un mese dall’inizio degli I-Days Milano Coca Cola altri nomi della musica rock internazionale e italiana si aggiungono all’elenco degli artisti che sabato 6...

Festival

Mentre l’edizione 2024 degli I-Days Milano Coca Cola si candida per battere il record dell’anno precedente, gli I-Days Milano torneranno nel 2025 con una...

Musica

BEST 5 ALBUM OF 2023: la classifica dei redattori e fotografi di Rockon.