Connect with us

Hi, what are you looking for?

Recensioni

Clowns From Other Space – Zeng

clowns-from-other-space2016 Udedi Musica & Cultura

L’Abruzzo continua in maniera fruttuosa a sfornare proposte alternative interessantissime, un “full” che scaraventa formazioni su formazioni negli orecchi di masse insaziabili di cibarie sonore underground.

Una band a caso? Questi Clowns From Other Space,  quintetto di Teramo che esordisce con l’official  Zeng,  nove sostanziali brani innamorati pazzamente di echi U2,  certi Kula Shaker Shifted e che sognano attraverso l’occhio semiaperto di Tom Yorke Wall of tzu, In the presence of the lady truth, How to become a foll.

Un disco che appena gira ti accompagna nel proprio mondo agrodolce, dentro i suoi sfondi grigiastri, attraverso le condense che questa musica fa salire tra elettricità e concezioni poetiche nervose, disilluse, tracce che non passano inosservate, ma che stazionano – gravitando – in quei pertugi d’anima complessa che non si arrende alla faciloneria modaiola che tanto infetta ovunque. Non di certo un lavoro che fa gridare al miracolo, ma di una futura aria di “santità” quella si, specialmente quando la scorribanda epica di Scenes arriva e taglia in due  ogni dubbio precostituito.

[embedvideo id=”Gm_zepgGdhQ” website=”youtube”]

Avatar
Written By

Giornalista che crede che la musica sia la via maestra di tutto per arrivare al tutto.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...