Connect with us

Hi, what are you looking for?

Reportage Live

2CELLOS all’Arena di Verona: un ultimo saluto Rock

Articolo di Giulio Taminelli | Foto di Andrea Ripamonti

I 2Cellos scelgono l’Arena di Verona come ultima tappa europea del loro Final Tour, la grande fatica prima del definitivo scioglimento.

Il duo, nato nel 2011 dall’intuizione di Luka Šulić e Stjepan Hauser di portare su Youtube cover di brani rock eseguite al violoncello, dopo oltre un decennio di popolarità a livello mondiale, sei album e collaborazioni con mostri sacri della musica come Elton John, Zucchero e Steve Vai, ha infatti deciso di concludere la propria carriera in grande stile con un lungo tour d’addio.
Insomma: o ora o mai più!
Preparo il fido zainetto da concerto pensando a come ci si debba vestire per un duo d’archi all’Arena, optando alla fine per una sobrissima maglia di Godzilla abbinata a dei calzini con le aragoste.
Fortunatamente, una volta entrato, mi rendo conto dell’assenza di un vero e proprio dress code, con ragazzi in jeans e felpa seduti a fianco di signore attempate con pelliccia e cappellino.
Vengo accompagnato al mio posto e mi fermo ad osservare la folla più variegata che abbia mai visto ad un concerto. Dai dieci agli ottant’anni, dal più elegante a quello appena uscito dal lavoro, tutti uniti dalla volontà di celebrare l’ultimo atto della carriera di due persone che, partendo da internet, sono riuscite a girare il mondo grazie alla loro passione per la musica.

2Cellos in concerto all’Arena di Verona foto di Andrea Ripamonti per www.rockon.it


Si spengono le luci, momento di silenzio.
Le prime note del Benedictus di Jenkins invadono l’arena, mentre luci calde e morbide lentamente illuminano il palco.
La sensazione è piacevolmente calma, quasi ipnotica. Si ha davvero l’impressione di star assistendo ad un concerto classico.

Poi tutto cambia.
L’accompagnamento diventa più ritmato, lo sfondo si schiarisce, le luci diventano più forti e d’improvviso il Benedictus diventa Where the Streets Have No Name degli U2.
Il pubblico a prima vista è ancora immobile, ma le assi di legno del pavimento tremano a tempo, segno che più di qualcuno sta battendo il piede seguendo la musica.

2Cellos in concerto all’Arena di Verona foto di Andrea Ripamonti per www.rockon.it

Le note diventano via via più vivaci, più allegre e, senza quasi rendersene conto, ora è Castle On the Hill di Ed Sheeran a risuonare nel teatro.
Ormai è chiaro, la gente sta apprezzando e si muove sulle sedie. I 2Cellos hanno ottenuto il loro scopo, togliere quel senso di rigidità da “musica da sala” alla situazione e trasformare l’evento in un concerto vero e proprio.
Valore aggiunto: Durante un momento concitato, il jack del violoncello di Luka si stacca.
Il tutto viene recuperato in pochi secondi, con lo stesso Luka che riattacca lo spinotto usando il suono prodotto come parte della ritmica e riprendendo in mano alla grandissima la situazione

Fine brano e applauso del pubblico.

Stjepan prende il microfono e, in un buon inglese interrotto da alcune battute in italiano, fa capire che sarà lui la voce narrante della serata, lasciando a Luka il ruolo del musicista.

2Cellos in concerto all’Arena di Verona foto di Andrea Ripamonti per www.rockon.it

La ripresa è decisamente più moderna con una fantastica Resistance dei Muse ad aprire una seconda fase del concerto che,dopo un ulteriore passaggio dagli U2 con With or Without You abilmente mescolata con il Nessun Dorma della Turandot, omaggia il Re del Pop con Human Nature e Smooth Criminal.
Altro giro di battute e si comincia a fare rumore.
Sul palco viene portata una batteria, le luci diventano decisamente più accese e l’Arena si anima alle prime note di Thunderstruck, canzone cara ai 2Cellos per via della popolarità che la loro versione ha raggiunto in rete.
Da qui, tutta la parte centrale della serata sarà un susseguirsi di pezzi rock ritmati e ballabili al punto che anche i più anziani tra i presenti, spinti dall’entusiasmo, si sono alzati dalle sedie e hanno cominciato a cantare.

2Cellos in concerto all’Arena di Verona foto di Andrea Ripamonti per www.rockon.it

L’intenzione dei due violoncellisti è chiara: “far divertire la gente ha la priorità su tutto” e così Seven Nation Army si fonde con la Lambada, Smell Like Teen Spirit gioca con le luci di fondo, Highway to Hell viene suonata tra il pubblico scimmiottando Angus Young (Ma con un violoncello da otto chili attaccato al busto da un sostegno simile a quello dei cassisti nelle marching band) e Satisfaction degli Stones che funge da finale di blocco con ovazione da parte della platea.
Altro giro di battute da parte di Stjepan, ormai vero mattatore della serata che si diverte a giocare con il pubblico, e si riparte per l’ultimo spezzone prima della chiusura.

Back in Black conclude la linea di cover dedicate agli AC/DC (a mio avviso avrebbero potuto sostituirla con un brano di qualche altro artista, dato che erano già stati eseguiti altri tre pezzi dello stesso gruppo) e si passa a Sweet Child O’ Mine dei Guns N’Roses che, dopo aver scaldato il pubblico, cede il passo ad una sorprendente versione di Livin’ on a Prayer.

L’ultimo “scherzo classico” trasforma il finale dell’Ouverture del Guglielmo Tell, cavalcata in grado di dare energia anche a un morto, in The Trooper degli Iron Maiden, i maestri della cavalcata nella NWOBHM e, come culmine, tutta l’energia accumulata viene sfogata in una contrastante quanto liberatoria Wake Me Up di Avicii, con la folla (ormai non è più del semplice pubblico) che balla, muove la testa e applaude.

2Cellos in concerto all’Arena di Verona foto di Andrea Ripamonti per www.rockon.it

Ultimo giro di battute con le persone che tornano a sedersi e riprendono fiato per gustarsi il finale.
Il batterista saluta, scende dal palco, l’atmosfera torna calma.
Partono le note di Hurt di Johnny Cash, con le luci che si fanno più fioche.
Risvegliatomi per un momento dall’ipnotico giro di archi, mi rendo conto che nonostante tutto l’arena è ancora illuminata e, girandomi verso gli spalti, vedo tantissimi flash di cellulari che creano un’atmosfera surreale.
Lo stesso si ripete, ma con ancor più intensità, durante l’impareggiabile Hallelujah di Leonard Cohen, ultima canzone della serata che, esattamente come il Benedictus ha trasportato i presenti nel “mondo” del concerto, riporta tutti alla realtà.

Anche l’uscita dall’Arena ha un sottofondo “ragionato”, ovvero Tko Sam Ja Da Ti Sudim di Oliver Dragojević, uno dei più grandi cantautori mediterranei del ‘900 e connazionale di Stjepan Hauser (Pezzo che consiglio di ascoltare perché semplicemente meraviglioso).

I 2Cellos ancora una volta (l’ultima) hanno dimostrato la loro bravura e poliedricità, superando il concetto di concerto inteso come mero insieme di canzoni e portandolo a livello di esperienza emozionale, curando ogni momento della serata esattamente come si farebbe in un opera classica ma senza perdere l’animo rock dei gruppi a cui hanno reso omaggio.
Divertire il pubblico divertendosi, emozionare emozionandosi e amare la musica non solo come un professionista ma come un ragazzo che, nella propria cameretta, si diverte a imitare i suoi idoli nel canto e nelle movenze.
Questo ci insegnano Luka e Stjepan.
Sicuramente il futuro riserverà loro altre emozioni (sono entrambi solisti affermati, all’apice della scena musicale classica internazionale) ma, a distanza di undici anni, credo che quei due ragazzi con la telecamera e i violoncelli siano riusciti a dare una scossa al mondo della musica nata dalla rete che difficilmente dimenticheremo.

Clicca qui per vedere le foto dei 2Cellos in concerto all’Arena di Verona o sfoglia la gallery qui sotto

2Cellos

2CELLOS: la scaletta del concerto all’Arena di Verona

Karl Jenkins –Benedictus

U2 – Where the streets have no name

Ed Sheeran – Castle on the Hill

Muse – Resistance

U2 – With or without you

Michael Jackson – Human Nature

Michael Jackson – Smooth Criminal

Ac/Dc – Thunderstruck

White Stripes – Seven Nation Army

Prodigy – Voodoo People

Nirvana – Smell like teen spirt

Ac/Dc – Shook me all night Long

Ac/Dc – Highway to Hell

The Rolling Stones – Satisfaction

Ac/Dc – Back in Black

Guns ‘n Roses – Sweet Child o’ Mine

Bon Jovi – Livin’ on a Paryer

Iron Maiden – The Trooper

Avicii – Wake me Up

Johny Cash – Hurt

Leonard Cohen – Hallelujah

Written By

Prima di tutto fotografo

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Concerti

Dopo l’esperienza con i 2Cellos Hauser torna in Italia con 4 tappe del suo tour mondiale.

Reportage Live

Mika in concerto all'Arena di Verona abbraccia il suo pubblico per una grandiosa festa di fine estate.

Concerti

Friends & Partners comunica che per motivi di carattere organizzativo e di produzione che avrebbero impedito un’adeguata e ottimale messa in scena degli spettacoli, il THE MAGIC PIANO TOUR di MIKA, con show...

Reportage Live

Foto di Cesare Veronesi Chiude in bellezza ieri sera a Verona il tour italiano dei Simple Minds, con il loro “40 Years of Hits Tour”:...