Connect with us

Hi, what are you looking for?

Recensioni

HORRIBILE PORNO STUNTUMEN – Horrible Porno Stuntmen

Go Down Records
Ecco l’ennesimo gruppo dedito al punkabilly più frizzante e frenetico. È vero di questi gruppi ne escono a bizzeffe ed il genere suonato da questo trio: un’esplosiva miscela di beat, punk, rock’n’roll, swing, ska e garage non è nuovo, ma vi assicuro che la carica di questi pornofili non è seconda a quella di nessun altro e con queste dodici canzoni, sono in grado di scuotere anche il culo delle mummie. Il disco scorre che è una meraviglia e scorre con vibranti punk’n’roll. Tra due cover ben riuscite, si tratta di una “Psychokiller” dei Talking Heads accelerata e di “London’s burning” dei Clash abbastanza vicina all’originale, il disco emana good vibrations, basti ascoltare i primissimi secondi del punk’n’roll frenetico di “Porno bop” o le derive hardcore di “Coffee is god”, per rendersi conto che con questo trio non si scherza. Questo lavoro per Flamin Felipe Ortega (chitarra e voce), Huber The Stomper (batteria) e Miss Frantik Fran al contrabbasso, la femme fatal d’acciaio dello slappin’ è l’esordio, registrato nei famosi Henson studios di Hollywood, ma vi assicuro che il tiro dei brani giunge direttamente dai frenetici anni ’50.

Vittorio Lannutti

Avatar
Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Interviste

di Stefania Clerici Marta Tenaglia è una cantautrice milanese che esordisce oggi con il suo primo singolo Bonsai, pubblicato da Costello’s Records, distribuito da...

Anteprima

Drive e’ il nuovo video di The Wild Scream, un semplice racconto “on the road” dei 3 giorni di registrazioni passati alle Officine Underground...

Concorsi

La Go Down Records festeggerà sabato 12 dicembre 2015 i suoi 12 anni di attività al Bloom. Sul palco del famoso live club di Mezzago...

Metal

Forse in pochi ricorderanno l’ormai lontano progetto veneziano degli Euthanesia e non a tutti sarà capitato di vivere l’esperienza dei live fulminei e violentissimi...