Connect with us

Hi, what are you looking for?

Italiani

EXALT CYCLE – Evasion Therapy

EXALT CYCLE - Evasion Therapy

EXALT CYCLE - Evasion Therapy

Dopo l’ottimo album di debutto Across the Ashes and the Roots, targato 2007, ed un’intensa attività live che negli ultimi anni li ha portati a suonare praticamente dappertutto (spesso in Italia come supporter agli Exilia) tornano sulla scena alternative italiana i milanesi Exalt Cycle. Il nuovo EP autoprodotto e fresco di stampa, Evasion Therapy, contiene 5 nuovi brani che segnalano una grossa evoluzione rispetto alle sonorità crossover originarie: a partire dalla devastante opener, “Wring my Blood”, un buon mix di metalcore e thrash ci investe le orecchie, rasentando molto da vicino le sonorità di Ill Nino, Hatebreed e Machine Head.

I classici canoni del nu-metal a cui ci aveva abituato la band nostrana vengono progressivamente abbandonati, con le canzoni che appaiono molto più improntate sugli scream rabbiosi del leader vocale Zack, e sui riff taglienti e dissonanti di Wolve (chitarre). Una miscela che genera atmosfere serrate, incisive, soprattutto nei chorus che in diversi casi (“Infected Mind”, “Made to Measure”) ricordano l’apparato armonico della scena moderna americana, su tutti la complessità dei Mudvayne, ma anche le distorsioni armoniche dei più blasonati Stone Sour. Su quest’onda appare anche la funambolica “Candle’s Light”, mentre la quinta track, l’incazzatissima “The Species Fall”, si dimostra come la più sperimentale del disco: la continua alternanza tra dinamiche sincopate e dissonanze genera uno stato micidiale di inquietudine, desolazione, rabbia, rappresentando appieno l’essenza dell’EP.

Il lavoro della sezione ritmica è egregio, ma è bene ricordare che nell’ultimo anno il bassista Andre ha dovuto lasciare il posto a Keine (ex-Beholder), con una notevole influenza sul risultato finale: specialmente nel groove dei pezzi, che all’orecchio appaiono molto meno dinamici rispetto ai lavori precedenti ma che guadagnano decisamente in “spessore sonoro” e incisività.

In sostanza quindi una buona conferma per gli Exalt, e non mi stancherò mai di dire, l’ennesima prova che le band valide, qui in Italia, ce le abbiamo anche noi.

VOTO: 7/10

Written By

1 Comment

1 Comment

  1. Stefano

    17/11/2009 at 11:21

    Bravi ragazzi!!!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...