Connect with us

Hi, what are you looking for?

Libri

Dust N’ Bones – La strana storia di Izzy Stradlin

L’Italia il mese scorso ha visto l’ uscita di un libro che ogni persona che cerca, brama e insegue la libertà dovrebbe assolutamente leggere. Il 19 Maggio 2021 è infatti stata pubblicata l’ unica biografia di Izzy Stradlin, il chitarrista fondatore dei Guns N’ Roses.

Nel mondo della musica militano alcuni personaggi enigmatici, misteriosi, schivi e quasi inavvicinabili. Con “Dust N’ Bones – La strana Storia di Izzy Stradlin”, abbiamo la fortuna di scoprire il viaggio di un uomo ermetico, un uomo tra i più affascinanti della storia del Rock.
Il biografo musicale Jake Brown ci accompagna in questo viaggio: la biografia di Izzy da lui raccontata è caratterizzata da una corposa quantità di interviste tramite le quali l’ autore da voce al protagonista e a tutte le persone che hanno avuto modo di passare del tempo con lui. Con questa scelta spesso il lettore resta incantato a leggere Izzy che si racconta in prima persona, le sue parole hanno sempre un impatto emotivo molto forte e quando sono i suoi amici e compagni di viaggio a parlare ci si rende conto di quanto anche chi ha passato molto tempo con Izzy in realtà spesso faccia fatica ad afferrarlo a pieno.
Quella di Izzy è una strana storia come ci suggerisce il titolo del libro. Come definire un uomo che crea una band che poi abbandona non appena riesce a farle raggiungere il successo planetario?

I fans dei Guns N’ Roses sanno perfettamente che Stradlin è stato il fondatore e cuore pulsante della band, tutti i brani che son divenuti celebri hanno dentro se un pezzo dell’ anima di Izzy Stradlin. E’ inevitabile parlare di Izzy e raccontare anche la storia dei Guns N’ Roses, è impossibile non scrivere del problematico rapporto che si è creato tra e Axl e Stradlin una volta che quest’ ultimo ha divorziato dalla band.

La battaglia mediatica tra Axl e Izzy è riportata minuziosamente in “Dust N’ Bones” al punto che ogni tanto rischiamo di pensare che l’ unico motivo che ha portato il chitarrista a lasciare la band siano stati i noti e numerosi atteggiamenti da “prima donna” del famoso frontman. In realtà questo è stato uno dei motivi, forse il più fastidioso, ma non l’ unico. A dimostrazione di questo possiamo dire che Izzy Stradlin lascia gli “Ju Ju Hounds” con i quali aveva inciso il suo primo album solista e girato il mondo per suonare. A raccontarci di lui in questa fase post Guns abbiamo il suo bassista dell’ epoca, Jimmy Ashhurst, per il quale a tratti proviamo un filo di invidia se pensiamo a quanto tempo i due abbiano trascorso insieme. Eppure, anche Ashhurst vede improvvisamente il suo compagno di avventure sparire. Con la sua nuova band Izzy si era liberato degli atteggiamenti di Axl e non era circondato da musicisti che passavano il tempo a distruggersi con l’ abuso di sostanze stupefacenti ma fa quello che ha sempre fatto: sparisce.
Questo libro sorprende perché in realtà Izzy Stradlin ha raccontato tanto della sua persona ed è per questo che sappiamo che andò a Los Angeles per avere più opportunità, che riuscì a combattere i demoni della sua tossicodipendenza in totale autonomia ma ci sono altri aspetti del suo essere che rendono “strana” la sua storia e questo è altrettanto sorprendente.
La libertà è da sempre cantata nelle canzoni e nelle poesie, è fortemente desiderata da ogni generazione e c’è chi ancora mette in gioco la propria vita in nome della libertà.
Riflettendo bene, durante la nostra esistenza ci proclamiamo liberi svariate volte.
Ci sentiamo liberi per esempio quando la giornata lavorativa volge al termine, alcune volte proviamo un senso di libertà anche quando portiamo i figli a scuola, ci definiamo liberi ogni volta che terminiamo di fare tutte quelle cose che proprio siamo obbligati a eseguire. Quando leggiamo la storia di Izzy la cataloghiamo come “strana” ma in realtà è una storia che ci costringe a riflettere fino a farci ammettere che spesso ci illudiamo di esser liberi, ma non lo siamo fino in fondo. Forse la stranezza di Izzy Stradlin sta nel fatto che è sempre stato davvero un uomo libero?

Izzy Stradlin fonda una band ritenuta il punto d’arrivo perfetto nello scenario musicale della fine degli anni ’80 e spiazza tutti andandosene via. Probabilmente il chitarrista sapeva che non si poteva andare avanti in eterno e sopratutto soffriva del fatto che i Guns N’ Roses si stavano trasformando in qualcosa di diverso e Izzy aveva bisogno di restare fedele a se stesso.
Izzy Stradlin ha sempre dimostrato di non avere il bisogno di stare al centro dell’attenzione e negli anni ha dimostrato di nutrire estremo rispetto nei confronti della musica che ama. Ascoltando i suoi lavori da solista è semplice scorgere le sue influenze musicali ed è altrettanto facile capire che non è attirato da fronzoli ma dalla musica diretta: il suo stile di vita è la semplicità.
La musica e i continui viaggi sono lo specchio del suo modo di affrontare l’esistenza.
Per lunghi periodi ci si può chiedere “Dov’è Izzy”?
Izzy Stradlin infatti cambia spesso dimora ma è li da qualche parte, in moto, con una chitarra, pronto ad appuntare i suoi pensieri senza dover vivere lo stress di dover comporre un disco che funzioni a livello commerciale.
Izzy compone musica perchè vuole farlo e lo fa come meglio crede, senza cedere alle regole del mercato e senza interessarsi alla fama.


I fans di Izzy Stradlin più orgogliosi al momento sono sicuramente quelli italiani: “Dust N’ Bones – La strana Storia di Izzy Stradlin” è infatti l’unica biografia aggiornata dell’artista e a renderla possibile è stata la collaborazione nata tra l’autore Jake Brown, il Castello editore e Federico Traversa, direttore della collana Chinaski.
Anche se una parte di Izzy resterà avvolta nel mistero, possiamo dire che è stato qui in Italia che è stato concluso il suo ritratto e basta leggere l’introduzione per capire quanta ammirazione e riconoscimento provino per lui gli amanti dei Guns N’ Roses.
In conclusione, ancora una volta la storia di una Rock Star è una storia che dovrebbe leggere chiunque, anche chi non è interessato alla musica, perchè quella di Izzy è forse, semplicemente, la storia di un uomo libero.

Compra il libro su Amazon > https://amzn.to/3xEkrXq

Articolo di Stefania Courson
https://www.facebook.com/profile.php?id=100009102828543

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Festival

La band dell’ex-Guns N’ Roses Duff McKagan è pronta a tornare on the road sui palchi di tutta Europa la prossima estate per promuovere...