Connect with us

Hi, what are you looking for?

Reportage Live

SUPERORGANISM: Reportage, foto e scaletta del concerto di Milano

Foto di Elisa Hassert | Articolo di Andrea Forti

La strada che conduce verso il Magnolia è, per chi non la conoscesse o fosse di fuori Milano, un sentiero buio che d’inverno fa un po’ paura, soprattutto se devi utilizzare i mezzi e recarti all’aeroporto di Linate per prendere la 73 che ti riporta in città. È questo il luogo scelto per l’esibizione del gruppo globale Superorganism, in aperto contrasto con la loro essenza colorata e caleidoscopica, una scelta certamente non voluta ma dall’effetto certamente d’impatto.
Arriviamo nella sede coi francesi Pi Ja Ma a fine set, per i quali ci rimangono impressi i loro indumenti stravaganti e la bizzarra cover di Je T’aime… Moi Non Plus in chiusura, e non ce la sentiamo di dare un giudizio con così poco materiale osservato.

Quello che non ci aspettavamo è il fatto che ciò che avevamo solo intravisto fosse un piccolo eccentrico antipasto del live dell’ottetto nippo-australo-anglo-statunitene di stanza a Londra, che fa il suo ingresso sul palco a mò di processione interstellare, tutti avvolti da mantelli glitterati in stile elfico-glam: tre coristi a fronte palco, quattro musicisti dietro. Ultima ad arrivare è la solista Orono Noguchi, giapponese ma dalla perfetta dizione inglese d’America, eccezionalmente più parca negli indumenti rispetto al resto della ciurma: mantella verde scuro sopra ad abiti “borghesi” ed un’attitudine stilistica che risulta un mix tra il finto offeso, lo schivo (è pur sempre nipponica) e lo spocchioso, nascosta da un paio di occhiali che verranno cambiati nel corso della serata.
L’iniziale SPRORGNSM dà inizio a questo rituale psichedelico officiato da tutta la band, che manipola strane sfere luminescenti e scopre il volto solo a brano terminato. Addosso a loro si notano per tutto il tempo proiezioni e visual tra psichedelica ed estetica da retrogaming, in tutto e per tutto simili a quelle che potete trovare ascoltando il loro omonimo disco su Spotify mobile a schermo intero (un’esperienza che vi consigliamo di fare).
Il pubblico è istantaneamente coinvolto, si muove e risponde ai cori come e più (parole loro) di quanto è accaduto nelle loro precedenti esibizioni in Germania e nella recentissima data bolognese. È palese che il loro divertirsi, e il fatto che sia l’ultima esibizione di quel tour pare li stia galvanizzando: anche Orono è aperta al dialogo e propone un paio di battute su una persona del pubblico a suo dire onnipresente nei loro live.
Per tutta la durata dell’esibizione ci assale un po’ di nostalgia delle impressioni live osservate in band come Arcade Fire ed MGMT, qui tirate a lucido, trasposte su un palco ridotto e personalizzate col loro tocco che ha climax in brani come Nobody Cares, tra i singalong della folla, e Relax dove la richiesta di accovacciarsi per poi saltare all’unisono pre-ritornello finale è accettata e ben eseguita dagli astanti.
Il set si conclude con la festa di Something For Your M.I.N.D., con l’aggiunta dei Pi Ja Ma sul palco ad ampliare il parco musicisti, che dà il commiato ad una esibizione dove il messaggio principale perfettamente andato a segno è stato: divertitevi, chillatevi un po’ lasciando alle spalle le inquietudini della vita borghese, che non fa mai male se fatto con la giusta dose di autoironia e positività.

Superorganism

SUPERORGANISM – La scaletta del concerto di Milano

SPRORGNSM
Night Time
It’s All Good
Nai’s March
Nobody Cares
Reflections on the Screen
The Prawn Song
Everybody Wants to Be Famous
Relax

Encore:
Something for Your M.I.N.D.

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Musica

Articolo e foto di Claudia Mazza E’ iniziato Settembre da poco, è inizio un Lunedì fresco che non ci aspettavamo con una temperatura piacevole...

Reportage Live

In una Milano che si sta ripopolando, la stagione musicale dell’Idroscalo, bruscamente interrotta se non adirittura non propriamente iniziata in questo strambo 2020 causa...

Musica

La musica dal vivo è stata una delle prime ‘vittime’ dell’emergenza virus. A partire da domenica 23 febbraio, infatti, a cascata, sono stati annullati...

Reportage Live

Articolo di Stefania Clerici | foto di Davide Merli Bianco e nero, buio e luce, presente e passato. Una dicotomia di contrasti che ben...