Connect with us

Hi, what are you looking for?

Reportage Live

Reportage Live: The NATIONAL in concerto a Milano

thenational-milano1

Articolo di Luca Doldi | Foto di Giorgio De Cicco

Sono passati tre anni dall’ultimo live dei The National in Italia, e allora li avevo appena scoperti. Ancora ieri prima dell’inizio del concerto ripensando a quella data all’Alcatraz, non mi capacitavo della bellezza di quel concerto, talmente grande che mi ci sono voluti due giorni per metabolizzarla. Mentre, due giorni dopo, ero al concerto degli Interpol al defunto Mazda Palace (stiamo ancora aspetttando un spazio adeguato che compensi la sua chiusura) non facevo altro che pensare “Che concerto i The National”.

Detto questo, potete comprendere le aspettative che avevo per questa data all’ippodromo di Milano.

La serata è aperta dal grande Johnny Marr (prima ancora c’era Colapesce, ma per me era troppo presto), il quale regala un’ora di stile, di rock, e di gran professionismo. Esiste poca gente al mondo che ha “quella roba lì” e lui fa parte di quelli.

Il suo set si è diviso equamente fra alcuni vecchi pezzi degli Smiths come “Stop me if you think..” e “Bigmouth Strikes Again”, è scontato dire che siano i pezzi con più riscontro da parte del pubblico, altri degli Electronic, e suoi brani più recenti, comunque molto apprezzati.

Alla fine del suo live si ha la sensazione  (e la soddisfazione) di aver assistito ad un vero e proprio concerto, non a uno delle tante esibizioni monche da guest sacrificato a cui ci si trova spesso di fronte, e ci mancherebbe, è Johnny Marr!  Non si poteva chiedere di meglio come apertura. E anche i National diranno poi di essere onorati di aver condiviso il palco con lui.

thenational-milano2I National arrivano puntuali alle nove e mezza, e attaccano col primo pezzo dell’ultimo album, come da tradizione rock, che è anche un pezzo perfetto per iniziare il concerto “I Should Live in Salt” accompagna per mano tutto il pubblico e con il suo incedere lento e cadenzato è un vero e proprio invito a rilassarsi e a lasciare fuori dall’arena la vita di tutti i giorni e lasciarsi andare alle emozioni e il pubblico non si fa pregare.

La tensione sale in fretta e senza neanche accorgercene siamo già nel pieno del concerto, non esiste riscaldamento per i National, già dalla prima nota si ha subito la sensazione di essere subito nel vivo, non c’è bisogno di quei due pezzi che di solito passano prima che tutto sia perfetto, e che la band ingrani al massimo, loro sono già al massimo fin dalla prima nota.

Con il secondo pezzo, “Swallow the Cap”, il pubblico è già caldissimo e nonostante sia anche questo un brano dell’ultimo disco, viene accolto come un grande classico, e a ragione perché dal vivo ha una resa incredibile. Il suo ritmo veloce ma sommesso crea una tensione emotiva che è lì pronta per esplodere e per aiutarci a sfogarla arriva “Bloodbuzz Ohio”.

Da qui in poi  è una doccia di emozioni, come quella che si è fatto “qualcuno” prima del concerto con i getti d’acqua dell’ippodromo.

E’ incredibile quello che riesce a trasmettere dal vivo questo gruppo.

Non è solo musica, non è solo un concerto, quando questa band si ritrova insieme su un palco sprigiona un’energia che va al di là della musica che fanno.

La musica e gli arrangiamenti sempre misurati, mai eccessivi, minimali, la batteria di Bryan sempre a charleston chiuso, serrata, compressa, piena di colpi spostati e di infinite sfumature sui tom, la voce di Matt Berninger sempre molto bassa, profonda, posata, espressiva ed emozionante come poche al mondo, le chitarre caldissime e arrangiate magnificamente lasciando sempre il giusto spazio alla voce.

In mezzo a tutto questo e grazie a tutto questo scorre un fiume, una colata lavica di tensione emotiva, che arriva al pubblico lentamente ma costantemente  e ogni nuova ondata si somma alla precedente, l’energia che arriva dal palco è così tanta che non si avverte subito la sua potenza, ma continua a sprigionarsi anche nei giorni successivi.

thenational-milano3

Anche la voce di Matt, molte volte non riesce a contenere questa enorme forza propulsiva, e si lacera in parti urlate che stridono con il suo apparente aplomb.  Si avverte anche nei suoi movimenti. Essendo il terminale comunicativo del gruppo è quello che più avverte cosa sta passando fra loro e il pubblico. Il suo camminare nervosamente a destra e a sinistra in ogni parte strumentale e fra un pezzo è l’altro è sintomatico di questa incredibile tensione emotiva che attraversa anche lui. Tensione che lo porta poi nel finale ad azioni “sconsiderate”.

La tripletta centrale “I’m Afraid of Everyone”, “Conversation 16” e “Squalor Victoria” è da infarto. Da qui in poi sono sopraffatto, non riesco più a cantare, a muovermi , rimango lì immobile a farmi investire da questa scarica incredibile.

Subito dopo ci regalano un momento intenso con “I Need My Girl” annunciata come la canzone meno arrabbiata di tutte. Inutile dire che il pezzo è toccante e alla fine il boato del pubblico è grandissimo.

Questo, quando si poteva fumare nei locali e quando i fumatori erano molti di più, sarebbe stato il classico pezzo da “sigaretta”, ovvero il momento in cui c’è il “lentone” che allenta la tensione del concerto e tutti si concedono un momento di relax e di chiacchera (fastidiosissima e maleducata). Con i National questo non succede mai, perché non c’è mai un momento in cui la tensione scende.

thenational-milano5

Il finale della prima parte di concerto, come da copione, è affidato a “Fake Empire”. Quando la canzone parte, Matt inizia a cantare insieme al pubblico che, come un’unica voce, canta a memoria le parole. Lui si ferma dopo poco, sinceramente non ho capito se ha mancato l’attacco, o se si è dimenticato le parole. Dovete sapere che il cantante dei National si è portato sul palco una bottiglia di vino bianco, tenendola sempre in fresco in un secchiello porta ghiaccio. Per tutta la durata del concerto non ha fatto altro che fare piccoli sorsi e versarsi il vino in un elegante calice fino a che la bottiglia non ha visto il fondo… che stile.

Dopo una bottiglia di bianco quindi può capitare di sbagliare o di dimenticarsi le parole. Però se vogliamo pensarla bene, possiamo pensare che sia stato colto dall’emozione si sia voluto godere quel fantastico coro.
In poche occasioni nella mia vita mi è capitato di sentire il pubblico cantare in quel modo, fra l’altro è un pezzo che non è fra i più facili e immediati da capire e cantare.

Prima di arrivare alla fine della prima parte, i nostri hanno pescano, oltre ad alcuni bellissimi pezzi dal ultimo disco come “this is the Last Time”, “All the Wine” da Cherry Tree (giusto per stare in tema),  una commovente “England” da High Violet,  ancora da Cherry Tree “About Today”. Il tutto per un’ora e mezza di musica e una scaletta che rasenta la perfezione.

thenational-milano4Ma non è ancora finita, anzi il meglio deve ancora arrivare.
Infatti i ragazzi di Brooklyn al rientro, insieme a una nuova boccia di vino (stavolta rosso) portata da Matt, ci fanno un regalo speciale che non fanno spesso:  “Runaway” è il definitivo colpo al cuore,  è la resa incondizionata, in quel momento la band avrebbe potuto dire o fare qualunque cosa e il pubblico li avrebbe seguiti ovunque. Non mi capita mai, ma mi ritrovo con gli occhi lucidi senza un vero motivo se non l’intensità con cui è suonata (e soprattutto cantata) la canzone.

Siamo alle battute finali, e ancora l’emozione cresce, “Mr. Novembre” è un delirio, Matt non ce la fa più a contenersi e com’era accaduto all’Alcatraz e come fa spesso, scende dal palco e si butta in mezzo al pubblico continuando a cantare, io non perdo l’occasione e lo raggiungo. Lui nonostante la pressione della gente intorno a lui sia forte, si lascia trasportare dal flusso tranquillamente continuando a cantare e lasciandosi toccare da tutti, si fa sollevare sopra le nostre testa e poi risale sul palco, ma dopo poco, non contento si rituffa in mezzo, stavolta dalla parte opposta.
C’è ancora tempo per una “Terrible Love” per la quale ho esaurito gli aggettivi entusiasti e no so più come definire, e infine il regalo più grande. Si posizionano tutti sul fronte del palco, e con due chitarre acustiche, tromba e trombone ed eseguono “Vanderlyle Crybaby Geeks” senza amplificazione. Solo con una leggera ripresa panoramica dell’audio (altrimenti nonostante il silenzio del pubblico sarebbe stato impossibile sentirli in tutta l’area). Matt ancora non resiste e torna sotto il palco a cercare il contatto con il pubblico.

Alla fine sono due ore di musica, due ore di un concerto che rimarrà fra i migliori (insieme a quello di tre anni fa) mai vissuti (non visti,
vissuti) della mia vita.

Ci tengo a precisare che questo non è il punto di vista di un fan accanito, ma il racconto di quello che sono capaci di fare dal vivo e dell’effetto che hanno sul pubblico, e quindi anche su di me che ero lì in mezzo.
Quando un gruppo ti da così tanto è veramente difficile rimanere “imparziali” e preferisco far capire le sensazioni e le (tante) emozioni piuttosto che fare una semplice cronaca del concerto.

Clicca qui per vedere tutte le foto dei THE NATIONAL o guarda lo slideshow qui sotto.

Written By

Luca Doldi, vive a Milano ed è una firma storica di Rockon, pubblicitario per lavoro e musicista di lungo corso, ha militato in diverse band e tutt’ora è impegnato in vari progetti musicali. Da circa tre anni ha aperto un blog (www.ildolditoriale.com) tramite il quale prosegue la sua collaborazione con questo sito, oltre alla musica si occupa anche di altri temi come attualità, arte, tecnologia, sport. Segue da vicino gli eventi della sua città, soprattutto i concerti, di cui è assiduo frequentatore e reporter. Oltre ai classici report di concerti e recensioni di dischi, scrive articoli di analisi, opinione e editoriali sul mondo musicale. Riserva un occhio di riguardo per la musica dal vivo, tema al quale si è dedicato spesso, analizzandone problemi, dinamiche e intervistando addetti ai lavori (suo l’articolo più visto di Rockon dedicato ai gestori dei locali).

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Dischi

Serpentine Prison, l’album di debutto solista di Matt Berninger – frontman dell’acclamata band The National – esce il 02 ottobre. L’album è stato prodotto...

Dischi

The National annunciano la pubblicazione di un’edizione speciale per il decimo anniversario del loro acclamato album High Violet, in uscita il 19 giugno su...

Festival

È naturale che vent’anni di musica stiano così bene in un unico cartellone. E non solo. Oggi il Primavera Sound Barcellona 2020 presenta il...

Reportage Live

Articolo e Foto di Roberto Finizio Ricca seconda giornata sabato scorso al Lowlands Festival 2019, ventisettesima edizione della rassegna del nord dei Paesi Bassi,...