Connect with us

Hi, what are you looking for?

Reportage Live

Reportage: TRE ALLEGRI RAGAZZI MORTI in concerto al Tunnel di Milano

Viaggio nel tempo nella serata sold out del 17 aprile al Tunnel di Milano: è il cammino lungo vent’anni de I Tre Allegri Ragazzi Morti che propongono l’esclusivo ed irripetibile tour “Aprile 1994”, un ritorno alle origini, una rimpatriata nei locali che li hanno accolti 20 anni fa.

Ad aprire il concerto è Francesco De Leo, de L’Officina Della Camomilla, che ha accolto il pubblico (o comunque quelle poche persone riuscite a prendersi le prime file, essendo che la sua performance è terminata ancor prima che tutta la gente in fila riuscisse ad entrare nel locale) con la sua chitarra e la sua timidezza.

Si fanno le 22.40, entrano gli Allegri già muniti di maschere, accompagnati da una voce narrante che ci prepara al viaggio temporale, “Grande Giove!” direbbe qualcuno.

Tempo di qualche strimpellata, giusto un paio di pezzi, ed ecco un evento più unico che raro per un live dei TARM: via le maschere, proprio come 20 anni fa! Il pubblico del Tunnel ha potuto assistere ad un fantastico concerto “a nudo”, Davide Toffolo e compagni a volto scoperto sono riusciti a catturarci e inebriarci con pezzi storici: dalle più conosciute “Come Mi Vuoi” e “Quindici Anni Già” alle più rare “Batteri” e “Dinamite”, dopodiché i Ragazzi lasciano il palco.

tarm

Immancabile il “vaffanculo” collettivo per farli tornare, il pubblico non la smette di urlarlo e così, come da programma, i Tre Allegri ritornano sul palco, stavolta mascherati ed intonano “il Mondo Prima”, canzone che con i suoi ritmi fa pogare ancora di più la folla, seguita dalle famose “Il Principe in Bicicletta”, “Occhi Bassi” e “Mio Fratellino ha Scoperto il Rock’n’Roll”; ma è l’ora di un nuovo sound: quello de Il Giardino dei Fantasmi, con “Di Che Cosa Parla Veramente una Canzone?” e la versione acustica di “Alle Anime Perse”.

Insomma, un concerto delle origini, un esperimento alla “1994” ben riuscito, capitanato da quelle canzoni contenute nelle cassette autoprodotte in quel periodo: Mondo Naif, Allegro Pogo Morto e Si Parte che sono state riproposte in vinile a tiratura limitata da La Tempesta Dischi e Tannen Records quest’anno.

Ma non è tutto! Per festeggiare il sold out fatto al Tunnel e per consentire agli sfortunati senza ticket per il concerto un’ultima sorpresa: una live session acustica assolutamente gratuita a notte inoltrata da Supergulp, una delle fumetterie milanesi preferite da Toffolo!

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Musica

Dopo oltre 20 anni dall’inizio della saga, Panini Comics presenta un capitolo inedito dell’opera cult ideata dal maestro della narrazione dell’adolescenza Davide Toffolo Compra...

Reportage Live

Articolo di Serena Lotti | Foto di Giulia Manfieri Io guardo sempre il bicchiere mezzo vuoto, anche se è pieno per tre quarti. Penso...

Dischi

Il progetto nasce dall’agenzia di Los Angeles Activista che ha reinterpretato le copertine di tantissimi dischi, sottolineando l’importanza del distanziamento sociale. In Italia si...

Festival

I TRE ALLEGRI RAGAZZI MORTI portano per la prima volta a Roma la festa dell’etichetta La Tempesta Dischi, da loro fondata. “La Tempesta su...