Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Recensioni

The SADE – II

the-sade-iiGo Down Records

Capitanati da Andrew Pozzy (ex bassista/chitarrista degli OJM), i The Sade pubblicano il loro secondo disco, maggiormente definito, rispetto all’Ep d’esordio e al precedente “Damned love”.

L’elemento più caratterizzante del disco è la voce di Pozzy, che la usa con una tonalità soul-dark, calda, in grado di adattarsi alle varie inclinazioni del trio, vale a dire metal, punk, hard, grunge, country.

I  dieci brani, infatti, spaziano tra questi generi, toccando nei testi tematiche come l’amore e la morte, corredati da lupi mannari, ragni, demoni e gufi.

Se a padroneggiare in gran parte del disco sono l’hard rock di matrice scandinava e americana, colpiscono i riferimenti al grunge targato Soundgarden/Alice In Chains di “Ballad of the black moon” ed il punk-oi-metal.hc di “Before the death”, per non parlare della piacevole cavalcata country di “Devil’s song”. Questo secondo lavoro dei The Sade va assaporato in tutte le sue sfaccettature.

[embedvideo id=”nJ3lnwVcOwg” website=”youtube”]

Written By

Vittorio Lannutti, ricercatore/sociologo delle migrazioni, counsellor, con una grave, cronica ed irreversibile dipendenza da rock.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Dischi

Nocturna è un lavoro crepuscolare, che risente della situazione pandemica degli ultimi due anni e annerisce ulteriormente lo stile già cupo della band italiana....

Recensioni

Go Down Records Gli OJM sono stati uno dei gruppi più autorevoli dello stoner suonato in Italia. Tra la seconda metà degli anni ‘90...

Interviste

Sono in macchina con amici, ma mi accorgo di avere a bordo proprio la nuova line up dei The Sade, casualmente in anteprima. Direzione...

Video

I The Sade sono un power trio attivo dal 2008. Con un ep di debutto e tre album alle spalle hanno condiviso il palco...