Le notti magiche dell’estate del 1990

Di notti magiche il calcio italiano ne ha vissute parecchie, alcune da dimenticare perchè decisamente poco fortunate per gli Azzurri, mentre altre da ricordare perché particolarmente ricche di belle emozioni, come le notti che hanno animato quello scorcio d’estate del 1990, anno dei Mondiali di calcio in Italia. A fare da sottofondo al quello storico evento sportivo fu la canzone “Un’Estate Italiana”, composta da Giorgio Moroder e cantata da duetto Bennato – Nannini per celebrare quell’edizione del Campionato Mondiale di calcio.

In origine la canzone presentava un testo straniero scritto da Tom Whitlock, ma successivamente fu rielaborato e riscritto in lingua italiana dagli stessi interpreti. Il brano “Un’Estate Italiana” esordì nel giorno dei sorteggi dei gironi della fase finale, precisamente nel dicembre del 1989 e nel giugno del 1990 fu eseguito durante la cerimonia di inaugurazione del Mondiale, che iniziò con la partita Argentina – Camerun giocatasi a Milano e finita con il risultato di 0-1 per gli africani, ma che se ai tempi fosse esistito un sito come https://www.bwin.it/ avrebbe visto gli argentini di Maradona nettamente favoriti.

Il successo della versione italiana del brano non si fece attendere, tanto che nel giro di pochi giorni si ritrovò in vetta alle classifiche dei brani più ascoltati e dei singoli in 45 giri più venduti di quell’estate. La colonna sonora dei Mondiali 1990 riscosse ampi consensi anche a livello internazionale, infatti il suo successo varcò i confini italiani tanto che il brano si piazzò alla prima posizione hit parade in Svizzera, alla quarta in Norvegia e alla settima in Svezia.

Il disco che conteneva il pezzo “Un’Estate Italiana” fu confezionato tra gli studi discografici di Hollywood e quelli milanesi e mixato nel Baby Studios di Milano. Ancora oggi, a distanza di più di vent’anni, il pezzo di Nannini e Bennato è particolarmente apprezzato dai tifosi, che lo cantano dagli spalti in occasione delle partite della Nazionale italiana di calcio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.