Connect with us

Hi, what are you looking for?

Tour

GLEN HANSARD: cinque live tra giugno e luglio per il cantautore irlandese

L’irlandese Glen Hansard, già frontman dei Frames, metà degli Swell Season e vincitore di un Oscar per la colonna sonora di ONCE, arriverà in Italia per cinque imperdibili live tra giugno e luglio per presentare oltre all’ultimo acclamato album, Didn’t He Ramble, (candidato ai Grammy) uscito per Anti-Records, i brani che lo hanno reso uno dei musicisti più stimati degli ultimi anni.

GLEN HANSARD

28 Giugno 2016 – Sesto San Giovanni (Mi)
Carroponte
Inizio concerto:21.30 – apertura porte h 20.00
Biglietti: 20 euro + d.p.
Biglietti in vendita a questo link > http://bit.ly/glen2016

29 Giugno 2016 – Ferrara
Cortile Estense
Biglietti: 20 euro + d.p.
Biglietti in vendita a questo link > http://bit.ly/glen2016

4 Luglio 2016 – Sestri Levante (GE)
Mojotic Festival – Teatro della Conchiglia
Biglietti: 18 euro+d.p.
Biglietti in vendita a questo link > http://bit.ly/glen2016

5 Luglio 2016 – Sesto al Reghena (PN)
Sexto’nplugged
apertura ore 20.00 – inizio concerti ore 21.15
Biglietti: 20 euro+d.p.
Biglietti in vendita a questo link > http://bit.ly/glen2016

6 Luglio 2016 – Roma
Postepay Rock In Roma
Inizio concerto 21,45
Biglietti: 20 euro+d.p.
Biglietti in vendita a questo link > http://bit.ly/glen2016

[embedvideo id=”hgG2rljJqH4″ website=”youtube”]

Didn’t He Ramble, seguito dell’acclamato album di debutto solista del 2012 Rhythm and Repose, rappresenta il culmine di due anni di registrazioni tra Chicago, NY e la Francia rurale e invoca le virtù di semplicità e immediatezza. Un album composto da brani che parlano chiaramente, vanno dritti al punto, all’essenza delle cose, senza giri di parole e ambiguità.

Prodotto con l’aiuto di Thomas Bartlett (National, Sufjan Stevens) e del compagno di band nei Frames David Odlum, Didn’t He Rambl vede la partecipazione di diversi ospiti che hanno preso parte alle lavorazioni del disco: da Sam Beam degli Iron and Wine a John Sheahan dei Dubliners, passando per Sam Amidon dei Vermont.

Inoltre, a marzo dello scorso anno Glen ha dato alle stampa ‘It Was Triumph We Once Proposed…Songs of Jason Molina,’ un EP tributo per l’amico e collega Jason Molina, mente del progetto Songs:Ohia, prematuramente scomparso due anni fa. Nel 2014 inoltre Glen è stato scelto da Eddie Vedder come compagno di tour.

Nato a Dublino nel 1970 Hansard è giunto all’attenzione internazionale grazie alla partecipazione al film di Alan Parker “The Commitments”, in cui interpreta la parte del chitarrista Outspan Foster. Ha successivamente fondato la band di culto Frames nel 1990 divenendo uno dei musicisti irlandesi più apprezzati e acclamati a livello internazionale. Nel 2003 è stato il volto del programma televisivo Other Voices: Songs from a Room dedicato alla scoperta di giovani talenti irlandesi.

Nel 2006 insieme alla giovanissima Marketa Irglova, Glen forma gli SWELL SEASON, ed insieme i due musicisti sono i protagonisti del bel film indipendente ONCE, grazie a cui si aggiudicano l’OSCAR per la miglior canzone originale con Falling Slowly. Glen e Marketa hanno inoltre registrato una versione di You Ain’t Goin’ Nowhere di Bob Dylan per il film di Todd Haynes I’m Not There del 2007.

Avatar
Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Reportage Live

Articolo di Serena Lotti | Foto di Claudia Mazza Let me sing the things you bring, and we can go down easy cantava il...

Concerti

Dopo il successo dell’unica data estiva all’Anfiteatro del Vittoriale, Glen Hansard annuncia tre nuovi concerti nel nostro paese in autunno. GLEN HANSARD 11 novembre...

Reportage Live

Ultima stagionale per “Tener-a-mente”, la kermesse musicale tenutasi presso l’Anfiteatro del Vittoriale a Gardone Riviera e si chiude con un grande musicista irlandese come...

Reportage Live

Articolo di Gaia Giovanelli e Davide Merli | foto a cura di Davide Merli THE STRUTS Il nostro terzo giorno di Firenze Rocks comincia...