Connect with us

Hi, what are you looking for?

Recensioni

MADE – Is it different?

Area Pirata
Ancora sulla breccia e sulla scia del mod e del beat gli spezzini Made ci regalano un altro disco di guitar pop ben assestato e ottimamente prodotto. Resta immutata la loro fede a tutto ciò che ruota attorno al mod, vale a dire garage, punk, british pop e power pop.
A tre anni dal precedente “They don’t understand” in questo lavoro il gruppo ligure si è dedicato meno a ripercorrere il tragitto su cui si sono adagiati Blur e Oasis, per guardarsi maggiormente alle spalle, in particolare a quegli anni ’60 fatti di psichedelia, beat e rock’n’roll. Questa commistione emerge in particolare in brani come “Through your eyes” e in “She’s gone”. Eccitanti sono le rasoiate soniche di “SF”, come anche i riff di chitarra circolari che dominano in “To be”, per non parlare del rock’n’roll frizzante di “Nowegian blue”.
Essenziali come era di moda nei ruggenti anni ’60, in trentasei minuti i Made ci regalano dieci perle da ballare con un pizzico di malinconia.

Vittorio Lannutti

Avatar
Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Interviste

di Stefania Clerici Marta Tenaglia è una cantautrice milanese che esordisce oggi con il suo primo singolo Bonsai, pubblicato da Costello’s Records, distribuito da...

Metal

Forse in pochi ricorderanno l’ormai lontano progetto veneziano degli Euthanesia e non a tutti sarà capitato di vivere l’esperienza dei live fulminei e violentissimi...

Recensioni

2015 Vox Recording Studio Da Reggio Emilia grandi inalate d’America per mano/suono/vita dei Four Tramps, una formazione che non fa altro che “rientrare” –...

Recensioni

Area Pirata / White Zoo / DIY Sfrontati ed immediati The secret tape, riprendono il garage’n’roll degli anni ’60 sporcandolo di irruenza punk, allo...