Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Tour

VILLAGERS in tour per tre date a Dicembre

villagersDopo il successo dello scorso luglio a Sexto’nplugged, Conor O’Brien, alias VILLAGERS, e dopo aver diviso il palco con artisti come Neil Young, Tindersticks e Fleet Foxes torna con la band al completo per un tour invernale che toccherà la nostra penisola per tre spettacoli unici: Milano, Bologna e Roma.

Ad aprire i concerti ci sarà per ogni data una band o artista italiano emergente.

GIOVEDI’ 5 DICEMBRE
TUNNEL CLUB MILANO
Opening Act: THE SLEEPING TREE
Via Sammartini, 30 20125 Milano
www.tunnel-milano.it
biglietta in vendita su ticketone.it

VENERDI’ 6 DICEMBRE
COVO CLUB BOLOGNA
Opening Act: ED
Viale Zagabria, 1, 40127 Bologna
www.covoclub.it

SABATO 7 DICEMBRE
CIRCOLO DEGLI ARTISTI ROMA
Opening Act: LO SPINOSO
Via Casilina Vecchia 42, 00182 Roma
www.ilcircolodegliartisti.it
biglietta in vendita su greenticket.it

[embedvideo id=”4uSTkb3s5Xs” website=”youtube”]

I Villagers nascono nel 2010 dalla mente del musicista e cantautore irlandese Conor O’Brien. Il disco d’esordio, Becoming A Jackal, è senza ombra di dubbio uno dei migliori album pop d’inizio decennio, a fronte di una vera e propria ovazione da parte della critica (nominationa al Mercury Music Prize e premio Ivor Novello). Dopo due anni di tour, che permettono a Conor O’Brien di sperimentare nuovi suoni ed acquisire maggiore dimestichezza e collaborazione con la sua band, è il momento di Awayland, il secondo disco che appare sicuramente e sin dal primo ascolto un album più maturo, denotando l’intenzione ed il bisogno del frontman di evolversi verso un orizzonte più variegato rispetto al primo lavoro e di confrontarsi con gli altri membri della band.

“Abbiamo girato in tour così tanto insieme, che ci è sembrato del tutto naturale registrare l’album assieme. Ho inviato loro i miei demo rifiniti, in modo che tutti inizialmente imparassero le parti, ma dopo che ci siamo riuniti tutti a casa di Tommy, abbiamo stravolto tutto. Mi sentivo veramente bene. Il primo è stato un disco forte, ma quest’ultimo mi ha fatto capire quanto sia stato importante il coinvolgimento della band. L’intero viaggio è stato emozionante, e molto ossessivo. Suppongo che sia per questo che l’album sia uscito due anni e mezzo più tardi” commenta lo stesso O’Brien.

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Dischi

Il nuovo ALBUM per V4V Records disponibile anche in vinile in due colorazioni, oro e nero, in edizione limitata un inno alla disfatta e...

Interviste

Per la prima volta in italia, l’energia post-punk dei DO NOTHING in concerto per tre appuntamenti a novembre per presentare il nuovo album “Snake...

Reportage Live

Foto di Lara Bordoni Egreen torna dal vivo con tre show speciali insieme al leggendario DJ Shocca per presentare il suo ultimo album “NICOLÁS”,...

Tour

Il leggendario Evan Dando, fondatore dei The Lemonheads, una delle band alternative più ispirate e influenti degli anni 90, arriva in Italia per tre...