Connect with us

Hi, what are you looking for?

Reportage Live

MASEGO: guarda le foto e scopri la scaletta del concerto di Milano

Articolo di Alessandro Cebrian Cobos | Foto di Rossella Mele

“Benedizione”: il nome che Micah Davis a.k.a. Masego ha scelto per se stesso ha questo significato nella lingua Tswana del Sudafrica. E di certo il pubblico del suo concerto al Fabrique di Milano del 28 novembre si è sentito benedetto dalla sua presenza magnetica e dal suo stile eclettico.

Le prime note in effetti non sono quelle che ti aspetti: una chitarra distorta riempie il Fabrique come un tuono, ed effettivamente sentiamo anche i suoni di una tempesta in arrivo. Ecco la band: super minimalista, batteria da un lato e basso / tastiere dall’altro, a potenziare le basi dei pezzi, prende posto attraverso le coltri di fumo. Poco dopo emerge un’altra sorpresa: sono le note della strofa di “Michelle” dei Beatles, ma presto si trasformano nel sample iniziale di “Navajo”

Masego in concert at Fabrique in Milan foto di Rossella Mele per www.rockon.it

Ed eccolo: entra di colpo, con impeto, facendo lui stesso un video al pubblico col cellulare che mette via rapidamente per intonare le prime frasi. Domina il palco con uno stile invidiabile: pantaloni skinny grigi, canotta e giacchetta con motivo colorato, al collo un ciondolo a forma di sassofono e sulla faccia occhiali da sole che non toglierà un momento. Inizia a cantare con quel suo flow trap e a muoversi sul palco con la sinuosità di un felino. Ci fa aspettare fino alla fine del secondo pezzo, “Queen Tings”, per tirare fuori il suo sax, con un assolo degno di questa prima parte del concerto, così potente: inizialmente non sembra molto in stile Masego, abituati come siamo a una versione in studio più rilassata, morbida. In realtà ci saranno spesso momenti molto intensi, soprattutto grazie al sound rotondo e potente della batteria, ai giochi di luci e colori, agli acuti del cantante. 

Masego scivola tra questi primi brani lasciando poco spazio per riprendere fiato, abituato com’è a passare dai vocalizzi agli assoli nel giro di un respiro. Scivola metaforicamente: presenta i brani con poche frasi, ogni tanto aggancia il pubblico con un call-and-response ma poi passa in fretta alla canzone successiva.

Masego in concert at Fabrique in Milan foto di Rossella Mele per www.rockon.it

Scivola letteralmente: attraversa il palco, balla, durante “Lady Lady” improvvisa un moonwalk che infiamma la sala. Presenta un nuovo pezzo, “Mullah’s Dream”, dedicato al tema dei soldi, e finalmente fa buon uso del piccolo moog che occupa il centro del palco. Diteggiature rapidissime sul basso, impennate al sassofono, rullate mozzafiato; nel breakdown di “Prone”, Davis si lancia nella citazione della prima strofa di Crazy degli Gnarls Barkley e tutti apprezzano il riferimento cantando insieme a lui. 

“Silver Tongue Devil” inaugura una piccola sezione più vicina ai generi caraibici che Masego ha esplorato nell’ultimo EP “Studying Abroad: Extended Stay”, non per caso viste le origini giamaicane del padre. “Yebo” e “Say You Want Me” fanno ballare tutta la sala su groove afro prima che il remix di “Mystery Lady” ci riporti verso ritmi nuovamente più urban. Ovviamente “Tadow”, il pezzo che l’ha fatto conoscere, viene lasciato per ultimo. Questa versione è ambiziosa: cresce dall’iniziale giro di chitarra in loop, coinvolge tutto il pubblico nei cori, finisce lasciando totale libertà ai musicisti. Che infatti danno tutti se stessi, creando interazioni vorticose tra i tre strumenti, arrivando a picchi di potenza finora mai raggiunti. Micah ci lascia lassù, in cima, e poi esce di scena, salutando con un sorriso furbetto. 

Masego in concert at Fabrique in Milan foto di Rossella Mele per www.rockon.it

Al di là della musica in sé, totalizzante, capace di punte di delicatezza e di grande intensità, e ineludibilmente catchy, l’esibizione rimane a metà tra un concerto rap, tutto focalizzato sulla figura del frontman e la sua energia contagiosa, e un’esibizione di derivazione jazz, con frequenti occasioni, per Masego ma anche per i suoi due compagni di palco, di mostrare il loro talento in assoli davvero esaltanti.

Forse possiamo dispiacerci per la mancanza di una band più fornita, ma d’altra parte ho raramente sentito groove di batteria e basso tanto incollati come quelli di questa sera. Il concerto è durato poco meno di un’ora e mezza, eppure, sarà per lo stile da storyteller di Micah, mi è sembrato molto più lungo.

Il finale esplosivo ma senza bis ci ha lasciati un po’ confusi; ma del resto forse è tempo che finisca l’era dei bis obbligatori e di maniera, come ha suggerito di recente un articolo del Washington Post. Poco male insomma: certamente resta la voglia di accogliere presto di nuovo Masego in Italia, per un’altra esibizione fiammeggiante come questa.

Clicca qui per vedere le foto di Masego in concerto a Milano (o sfoglia la gallery qui sotto)

Masego

MASEGO: la setlist del concerto di Milano

Navajo

Queen Tings

Old Age

Lady Lady

Mystery Lady

Mullah’s Dream

Veg Out

Bye Felicia

Yamz

I’m Scared Of You

Prone

Sides Of Me

Good N Plenty

Bliss Abroad

Silver Tongue Devil

Yebo

Say You Want Me

Mystery Lady Remix

Well Travelled

You’ll Never Visit Me

King’s Rant

Tadow

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social Network

instagram logo
facebook logo
twitter logo
flickr logo
youtube logo

Instagram

Santi Francesi
30 Gen 23
Firenze
Alestorm
1 Feb 23
Milano
Stone
1 Feb 23
Milano
Banco del Mutuo Soccorso
1 Feb 23
Firenze
The Kooks
1 Feb 23
Milano

Scopri anche...

Reportage Live

Foto di Andrea Ripamonti La band di Stoccolma Viagra Boys è tornata in Italia per l’unica data invernale in concerto ieri sera al Fabrique di...

Reportage Live

Foto di Rossella Mele E’ tornata finalmente a Milano la nuova stella dell’hip hop mondiale LITTLE SIMZ, nuova stella dell’hip hop UK che si...

Reportage Live

Ieri 3 dicembre al Fabrique Bonobo, nome d'arte per il produttore Simon Green, insieme all'eterea voce di Nicole Miglis ci ha spiegato come il...

Reportage Live

Foto di Andrea Ripamonti Il suo album “Blue Water Road” è uno dei più acclamati di questo 2022 La nuova star della scena R&B...