Connect with us

Hi, what are you looking for?

Recensioni

SLEEPMAKESWAVES – Love of Cartography

sleepmakeswavesBird’s Robe

La cartografia musicale che ci propinano i quattro australiani è densa, piena di luci e di cavalcate epiche. Non distante dai lavori precedenti, quest’ultima fatica del quartetto ha il piglio del post rock tirato e largo. L’unica differenza notevole, dal punto di vista stilistico è che per certi versi in queste dieci tracce il sound si avvicina al progressive. Tuttavia, in maniera blanda, perché i cambi di ritmica fanno in modo che il sound sia ben levigato, ma anche impuro e contaminato.

Certo che gli australiani si sono lasciati prendere la mano dalla voglia di essere epici. Le cavalcate roboanti e maestose di “How we built the ocean” e “Something like avalanches”, infatti, testimoniano in maniera eloquente questa loro esigenza espressiva. Intriga ed affascina anche il riferimento all’epica cureiana di “The stars are stigmata”, dato, che come nei lavori precedenti, emerge in maniera forte la loro emotività, che non poteva non incontrarsi con lo stile della band di Robert Smith.

Gli Sleepmakeswaves sono anche in grado di spezzettare il ritmo e di renderlo esplosivo come i fanno in maniera efficace in “Great Northern”, che mantiene tuttavia la prerogativa di una dialettica coinvolgente. “Love of cartography” è un disco che lascia l’ascoltatore soddisfatto, per la densità del sound.

Written By

Vittorio Lannutti, ricercatore/sociologo delle migrazioni, counsellor, con una grave, cronica ed irreversibile dipendenza da rock.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Recensioni

Monotreme Inizialmente pubblicato prevalentemente in digitale, dato che erano pochi i cd pubblicati per essere esportati fuori dell’Australia, l’ultimo lavoro dei Sleepmakeswaves, trova nuova...