Connect with us

Hi, what are you looking for?

Recensioni

Mattia Carlesso – Torto o Ragione

di Thanks For Choosing

La grande discriminante che separa un artista dalla massa è la capacità di rielaborare quelle che sembrano tematiche fin troppo frequenti. La malinconia, la tristezza sono oggetti semplici per la musica e la poesia, ma in questo suo primo EP Mattia Carlesso riesce ad elaborarli con una sensibilità intellettuale e musicale che entrano tranquillamente nella scia del vero cantautorato italiano. Non è un caso del resto che l’artista veronese citi alcuni dei grandi nomi della musica italiana come Lucio Battisti e Lucio Dalla fra le ispirazioni che sin da piccolo l’hanno portato sulla strada della composizione artistica e di conseguenza del cantautorato.

In “Torto o Ragione” la sua voce cristallina si sposa perfettamente con delle sonorità in cui il pianoforte la fa da padrone, fatta eccezione per Orbite Geostazionarie, qui presentato in versione acustica, scindendolo dagli altri tre brani e caricandolo di una sincerità più spontanea e quotidiana. È forse su Tracce sul Mio Viso però che l’artista raggiunge l’apice espressivo e qualitativo dell’EP; una canzone estremamente delicata, quasi notturna, da ascoltare con le luci soffuse e il volume non troppo alto per non rischiare di rompere la magia del brano. Un piglio più deciso lo presenta invece Torto o Ragione, title track del disco, che è caratterizzata da un deciso cambio di passo in corrispondenza del ritornello a darle un ritmo incalzante, per quanto sempre in continuità con l’atmosfera evocativa del lavoro. Buon compromesso fra questi due brani è invece la traccia di apertura, Occhi, che è per inciso anche la più breve del disco concludendosi appena sotto il traguardo dei tre minuti di durata.

L’introspezione diventa elemento portante di queste quattro tracce, che si bilanciano perfettamente in un prodotto struggente, intimo e completo dal punto di vista sia melodico che testuale. Compatto e conciso ma non per questo rimaneggiato, “Torto o Ragione” può essere considerato come un viaggio nella fragilità di quei sentimenti autentici ma spesso sottovalutati, che inneggia alla sincerità delle piccole cose, e delle sensazioni, nel bene e nel male, scontrandosi con la durezza della realtà. Un EP che va a risvegliare aspetti del nostro io che tendiamo a dimenticare sotto una dura scorza di cui troppo spesso ci rivestiamo per difenderci dalle sofferenze della vita.

Avatar
Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...