Connect with us

Hi, what are you looking for?

Playlist

I 5 brani preferiti de La Belle Epoque

Esce giovedì 9 settembre 2021 il nuovo singolo della band lombarda La Bella Epoque dal titolo Tutto quello che saremo. La Belle Epoque ritorna dopo qualche anno di silenzio con una nuova maturità sonora, un singolo di rottura che mette (temporaneamente) da parte chitarre e distorsioni per lasciare spazio ad un dialogo incalzante tra sezione ritmica e tastiere. Parole potenti, come una pietra in faccia.

Per l’occasione abbiamo chiesto loro i 5 brani fondamentali che non possono mai mancare nei loro ascolti. Ecco cosa ci hanno scelto!

2000 Light Years From Home – The Rolling Stones

Sin dall’inizio della loro carriera le ‘pietre rotolanti’ hanno tenuto le loro radici musicali ben salde nel rock’n’roll and nel rhythm & blues americano a parte dei momenti sporadici dove si sono sbizzarriti a fare qualcosa di diverso. Un esempio convincente è proprio questa canzone del 1967 tratta da ‘Their Satanic Majesties Request’, definito dalla critica una specie di risposta (brutta) al famoso ‘Sgt. Pepper’ dei Beatles. Qui la psichedelia prende il sopravvento negli arrangiamenti. Gli archi suonati da Jones con il Mellotron hanno un tocco alquanto spettrale e conturbante. La voce di Jagger e i cori riverberati fanno viaggiare in questo spazio siderale dove tutto è misterioso. Onde radio disturbate si scontrano con le distorsioni della chitarra di Richards. La sezione ritmica di Watts e Wyman martella costante creando la base per una canzone cosmica. L’ascoltatore non si accorge di essere soltanto a 2000 anni luce da casa. (Dario)

Space Oddity – David Bowie

Mille ed una interpretazioni per un brano che riesce ancora ad estraniarmi ad ogni ascolto. La timida chitarra acustica che introduce il pezzo ed il conto alla rovescia che accompagnano il nostro Major Tom verso le stelle in un crescendo di melodie fantascientifiche che esplodono in un ritornello liberatorio. Bowie maestro del mettersi in gioco e protagonista assoluto, per sempre azzarderei. Chissà cosa vedrebbe oggi il nostro Major Tom da lassù? (Luca)   

Sangue Impazzito – Timoria 

Molto difficile scegliere un brano solo! Fondamentale per la mia crescita musicale (e non solo) è sicuramente “Sangue Impazzito” dei Timoria. È stato il brano che mi ha fatto scoprire l’esistenza di ben altra musica rispetto a quella passata in radio, che mi ha fatto scoprire una scena italiana di cui non solo ignoravo l’esistenza, ma che faceva qualcosa che sentivo decisamente più mio. Interessante, ricercata, stimolante, un concentrato di curiosità e creatività. Tralascio il fortissimo aspetto emozionale ed affettivo che mi lega a questa canzone, ma posso solo dire che a distanza di 25 anni ogni volta fa venire ancora la pelle d’oca. (Aronne)

A Perfect Day Elise – PJ Harvey

Un brano molto evocativo nel testo e nel video che lo accompagna. Mi piace il fatto che racconti una storia solo con piccoli lampi suggestivi. L’arrangiamento è un colpo al cuore in continuo dialogo tra il cantato e il suonato. La scelta dei suoni della sezione ritmica è pazzesca. (Daniele)

Amarsi un Po’ – Lucio Battisti

Siamo tutti molto legati all’intera produzione di Lucio Battisti, ma abbiamo sempre trovato “Amarsi un Po’” in particolare estremamente stimolante ed incredibilmente attuale. Un arrangiamento che non ha bisogno di commenti, un concatenarsi di suoni e strumenti che vanno a sommarsi piano lungo il brano, una continua scalata verso la vetta più alta. Abbiamo riproposto questo brano in una versione tutta nostra durante il tour del disco precedente e questo ci lega ancora di più all’impatto emotivo che riesce a suscitare nell’ascoltatore. (Luca, Dario, Daniele, Aronne)   

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Video

E’ uscito il 9 settembre 2021 il nuovo singolo della band lombarda La Bella Epoque dal titolo Tutto quello che saremo. La Belle Epoque ritorna dopo qualche anno...