Connect with us

Hi, what are you looking for?

Musica

72° Edizione del Festival di Sanremo: il pagellone sulla serata delle cover

Aspettavamo l’arrivo della quarta puntata di questa edizione del Festival di Sanremo sin dall’inizio: si sa, la serata delle cover, con l’aggiunta degli ospiti, riserva sempre molte sorprese, e ha un effetto rinfrescante, sia per gli addetti ai lavori che per il pubblico, all’Ariston e a casa.

Questa verità viene supportata maggiormente quest’anno, il motivo è l’inserimento, all’interno del repertorio da cui gli artisti possono attingere, di brani internazionali – scelta storica alla Kermesse – il che rende il tutto più televisivo, e può valorizzare gli stili di alcuni artisti in gara – ad esempio Noemi ed Elisa.

Ma sarà stata la scelta giusta? Con questa novità, Amadeus ha fatto titubare un po’ tutti: da un lato l’ammissione di certi brani “mostri sacri” della musica internazionale (vedi Your Song, My Way e What a feeling) ha aggiunto pepe alla serata, ma dall’altro potrebbe aver disturbato la natura del Festival stesso.

Tornando a noi, la serata ha mantenuto il suo classico effetto rigenerante, contornato dall’eccezionale superospite Jovanotti, che ha cantato a sorpresa un Medley con Gianni Morandi – scelta fortunata – e dalla strepitosa co-conduttrice Maria Chiara Giannetta.

Eccoci arrivati al nostro pagellone, tenetevi forte:

Noemi – (You Make Me Feel Like) a Natural Woman di Aretha Franklin: Noemi porta a Sanremo un pezzo che la fa rendere al meglio, accompagnandosi al piano e mostrandoci sia una voce pazzesca, che un’esibizione potente. Tuttavia, non ha brillato di originalità.
Voto: 7

Giovanni Truppi con Vinicio Capossela e Mauro PaganiNella mia ora di libertà di Fabrizio De André: il pezzo sarebbe è azzeccato per Truppi, che chiede a Capossela di essere sé stesso (com’è giusto che sia) e a Pagani di richiamare ad un mood folk americano. Tutto molto bello, soprattutto le vibes tra i musicisti, tuttavia il mix convince ma non entusiasma.
Voto: 7

Yuman con Rita Marcotulli My Way di Frank Sinatra: un pezzo intramontabile che però non è stato valorizzato al meglio da Yuman, che al posto di regalarci una versione nuova (vedi Sid Vicious), canta come tutti farebbero, pur avendo una bella voce e un gran potenziale, interpretando il brano senza troppa convinzione. Tanto di cappello per l’arrangiamento di Rita Marcotulli. 
Voto: 6

Le Vibrazioni con Sophie and the Giants e Beppe VessicchioLive and Let Die dei Wings: una delle cose più apprezzate di questa esibizione, è stato sicuramente il ritorno di Beppe Vessicchio sul palco dell’Ariston. Il resto sembra una cover in cui si forza l’effetto Guns N’ Roses, e in cui Sarcina non rende quanto avrebbe voluto, diversamente da Sophie.
Voto: 6

Sangiovanni con Fiorella MannoiaA muso duro di Pierangelo Bertoli: bello spaccato generazionale, dove inizia la lode ai giovani cantanti che scelgono pezzi italiani storici (com’è normale che sia). Buona la sintonia.
Voto: 7

Emma con Francesca MichielinBaby one more time di Britney Spears: Francesca Michielin torna nel ruolo di cantante ed accompagna Emma nell’interpretazione di un pezzo must listen dei 90’s. Vanno troppo convinte e mostrano un pop americano italianizzato – con annessa la tipica espressione “It’s Britney, bitch”. Non ci ha convinto.
Voto: 6

Gianni Morandi e Jovanotti – RaiPlay

Gianni Morandi con Jovanotti e Mousse TMedley dei loro pezzi storici: a sorpresa arriva l’assurda accoppiata, tutto ciò che serviva alla quarta serata per rendere tutti contenti. Spaziano fra Occhi di ragazza, Un mondo d’amore, Ragazzo fortunato e Penso positivo, creando un medley ricco di storia e mostrando una genuinità unica. Vittoria della serata meritata.
Voto: 9

Elisa con Elena D’AmarioWhat a feeling di Irene Cara (Flashdance): arrangiamento moderno e super, Elena D’Amario balla, ricreando il mood del film, ed Elisa ci mostra ancora una volta chi è – un’artista chiaramente eccezionale.
Voto: 9

Achille Lauro con Loredana BertèSei Bellissima: Loredana e il SUO pezzo, Lauro lascia la scena totalmente a lei – com’è giusto che sia. Dedica finale in ginocchio alla Bertè in cui si mette nei panni del protagonista della canzone.
Voto: 7

Matteo Romano con Malika AyaneYour Song di Elton John: esibizione emozionante ed intensa, ricca di sguardi e voci commosse ma decise, interpretazione top.
Voto: 8

Irama e Gianluca GrignaniLa mia storia tra le dita di Gianluca Grignani: performance dubbia, non tanto per il pezzo ma piuttosto per come si è sviluppata. Diventa un delirio con Grignani che cerca di prendersi la scena ed Irama che prova a stargli dietro. Per fortuna la voce di Irama è una sicurezza.
Voto: 6

Ditonellapiaga e RettoreNessuno mi può giudicare di Caterina Caselli: brano sensuale ed estroverso, come le loro interpreti in questa serata, con un focus sul significato del pezzo. Le sosteniamo in questa edizione della Kermesse.
Voto: 8

Iva ZanicchiCanzone di Milva: l’immagine di Milva che canta è una citazione bellissima, ma il tutto poi si trasforma in un rock Zanicchiano, bello ma non troppo.
Voto: 6

Ana Mena con Rocco HuntMedley (Jimmy Fontana, Alan Sorrenti, Julio Iglesias): Tutti ballano, Rocco Hunt un po’ nelle vesti di animatore, Ana Mena sembra una diva della high-school. Ma almeno si balla.
Voto: 7

La Rappresentante di Lista, Ginevra e Margherita Vicario – RaiPlay

La Rappresentante di Lista con Cosmo, Ginevra e Margherita VicarioBe my baby Ronettes: che dire, sembra una reunion del Miami Festival, Veronica è una marziana sia vocalmente che nell’outfit, mentre Ginevra e la Vicario indossano le vesti di coriste. Cosmo alla consolle ci è piaciuto molto. Bello, bello, belo.
Voto: 8

Massimo Ranieri con NekAnna verrà di Pino Daniele: pezzo storico di un grande artista, ma diciamocelo – i due artisti insieme non ci hanno convinto. In ogni caso, il brano fa la sua figura.
Voto: 7

Michele BraviIo vorrei… non vorrei… ma se vuoi di Lucio Battisti: arrangiamento suggestivo e interpretazione molto originale, a tratti – sia fisicamente che vocalmente – ricorda le interpretazioni di  David Bowie. Molto bello.
Voto: 8

Mahmood e BlancoIl cielo in una stanza di Gino Paoli: simpatico il piccolo siparietto in cui i due artisti si appoggiano sulle spalle di Amadeus (spontaneità e leggerezza). Poi, il brano inizia: eleganza e rispetto li contraddistinguono. Interpretazione mozzafiato. Il voto dice tutto.
Voto: 9

Rkomi con Calibro 35Medley di Vasco Rossi: il voto si alza grazie ai Calibro 35, la voce di Rkomi è stata un po’ ballerina. L’interpretazione non ci ha fatto saltare dalla sedia. 
Voto: 7

Aka 7even con ArisaCambiare di Alex Baroni: la coppia convince, soprattutto grazie ad Arisa. Fra i due abbiamo notato una buona chimica, l’accoppiata funziona.
Voto: 8

Highsnob e Hu con Mr RainMi sono innamorato di te di Luigi Tenco: Mr. Rain canta intro e outro: da fuori sembra il narratore di una storia di amore. Highsnob e Hu sono i protagonisti e l’orchestra fa un arrangiamento perfetto e decadente.
Voto: 7

Dargen D’amicoLa bambola di Patty Pravo: sveglia un po’ tutti, si balla molto, e ci sembra di assistere ad una nottata in discoteca. Il suo mood porta stravaganza, abbiamo apprezzato l’allegria.
Voto: 7

Giusy Ferreri con Andy Io vivrò senza te di Lucio Battisti: canzone bellissima, arrangiamento pure ma purtroppo convince poco nell’interpretazione. Poteva fare di più.
Voto: 6

Gianluca Grignani e Irama – RaiPlay

Fabrizio MoroUomini soli dei Pooh: rende sua la canzone, ma non la migliora. Diventa un pezzo troppo arrabbiato, e purtroppo lontano dal significato originale.
Voto: 5

Tananai con Rosa ChemicalA far l’amore comincia tu di Raffaella Carrà: il duo conclude la serata con un pizzico di energia e malizia. L’interpretazione rientra nella sufficienza piena, anche se nella classifica generale Tananai rimane in una posizione bassa.
Voto: 7

di Manuel Di Luca

Futura 1993 è il primo network creativo gestito da una redazione indipendente. Cerca i nostri contenuti sui magazine partner e seguici su Instagram e Facebook!

Written By

Futura 1993 è il primo network creativo gestito da una redazione indipendente. Cerca i nostri contenuti sui magazine partner e seguici su Instagram e Facebook!

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Reportage Live

Il ritorno del cantautore monzese nella città dei fiori per ricordare il grande cantautorato ligure nella rinnovata location sanremese.

Reportage Live

Foto di Virginia Bettoja | Articolo di Chiara Amendola Adorabile, irriverente, figo, scanzonato – tutti aggettivi che il giudizio nazionalpopolare associa di comune accordo...

Musica

Presentato sul palco più prestigioso d’Italia con un’esibizione straordinaria, il brano è il più ascoltato di sempre in un giorno su Spotify Italia con 3.384.192...

Musica

Rivedere il pubblico presente, al Teatro dell’Ariston, per la 72° Edizione del Festival di Sanremo ci ha emozionato, facendoci dimenticare, anche se per un...