Connect with us

Hi, what are you looking for?

Reportage Live

Sono stata al concerto di Coma_Cose e Gazzelle ma ho preferito il cibo

Articolo di Chiara Amendola | Foto di Roberto Finizio

Premessa

Arrivo al Rugby Sound Festival un po’ prevenuta, non amo le location difficilmente raggiungibili a piedi, ma vengo immediatamente conquistata dal posto: l’area concerto è circoscritta ma molto affascinante, immersa nel verde e, attenzione, ben rinfrescata. Inoltre, constatazione più importante, è interamente delimitata da food truck. Un piccolo paradiso senza lunghe code in cui puoi mangiare tutto ciò che desideri, tutto tranne la pizza, ahimè, grande assente della serata. Il cibo mi rassicura, il servizio bar velocissimo ed efficiente mi manda in visibilio. Con queste premesse non può andar male.

Tutto intorno è molto young. Un gruppo di ragazzini cerca di entrare trasportando clandestinamente dell’Aglianico, c’è chi fagocita patatine fritte sull’erba e delle ventenni si fanno scattare foto come se fossero fashion blogger al Coachella, ma invece della ruota panoramica hanno alle spalle bidoni per la differenziata.

Qualcuno ha anche la mia età e lo riconosco perché emana forte sudore di Autan.

Coma_Cose

Fausto e California si esibiscono durante un bellissimo tramonto. Dal palco i fan sembrano tantissimi anche se la platea è immensa e c’è posto per tutti e di più.

Un intro preannuncia il loro ingresso, il concerto parte con Jugoslavia, il pubblico è pronto e canta sventolando bicchieri di birra, l’atmosfera è rilassata e piacevole, non c’è caos. Il flow continua su Granata accolta a gran voce da espressioni felici e divertite.

I Coma_ Cose si distinguono per essere abili nell’incastrare rime in una metrica puramente rap che flirta con l’estetica pop.  Un groove metropolitano che va ascoltato e digerito, senza eccessive lugubrazioni.

Via Gola, ad esempio è una bruciante ballad, una fotografia nitida di disagio, un’umanità narrata con dignità e crudezza che diventa empatica.

Cantautori dello spazio urbano raccontano una città vissuta, che respirano quotidianamente, con una sensibilità d’altri tempi.

Sul palco noto a sorpresa col duo un bravissimo Simone Sproccati, alla tastiera e chitarra, molto più figo che dietro a una consolle.

Anima lattina mette un po’ di malinconia anche a me, è quasi sera, il vento profuma di buono e ritorno bambina, quando ascoltavo in auto Battisti col mio papà.

Mancarsi alimenta il momento nostalgico, un’ode dalle tinte più morbide all’ebrezza di farsi travolgere dagli imprevisti. Un “monito” apprezzatissimo e condiviso da occhi che brillano e sorrisi beati.

Degna chiusura con Post Concerto, sono certa che i ragazzi l’abbiano concepita sperando di suonarla una sera d’estate proprio così, come pezzo finale di un concerto iniziato col sole e terminato sotto le stelle.

Clicca qui per vedere le foto dei Coma Cose a Legnano (o sfoglia la gallery qui sotto)

Coma Cose

Coma_Cose: La scaletta del concerto di Legnano

  1. Intro
  2. Jugoslavia
  3. Granata
  4. Deserto
  5. Via Gola
  6. French fris
  7. Mi Ami
  8. Beach boys distorti
  9. Pakistan
  10. Cannibalismo
  11. Golgota
  12. Drum solo
  13. Scquali
  14. Nudo integrale
  15. Anima lattina
  16. Mancarsi
  17. A lametta
  18. San Sebastiano
  19. Mariachidi
  20. Post concerto

Gazzelle

Sono le 22:30 ed è buio, Gazzelle arriva sul palco eppure non toglie i suoi inseparabili occhiali da sole. Non ha un’espressione decisamente sveglia, ma queste sono solo effimere constatazioni considerando che il pubblico, notevolmente raddoppiato rispetto al live precedente, lo accoglie urlando, diventando quasi ingestibile sul primo pezzo Meglio così.

La Prima fila è dominate da ragazzine, fan scatenate, qualcuna indossa occhiali da sole come lui. È evidente che in Gazzelle ci sia un passato “oasisiano” per conciarsi così.

Flavio saluta, pronuncia qualche frase senza senso, si lamenta degli insetti “Fanculo delle zanzare”, un tipo alle mie spalle commenta “Grande Maestro”, mi sembra leggermente esagerato, ma incasso e continuo ad ascoltare.

Gazzelle è una maschera che ben sa fare il pagliaccio sul palco, a suono di canzoni scanzonate, gin tonic e sigarette, e nonostante ai miei occhi sia forse un po’ costruito, l’esperimento riesce, i giovani pendono dalle sue labbra, lo assecondano e lo accompagnano su ogni brano.

In effetti i suoi testi sono la voce di una generazione dominata dalle incertezze: nostalgia, anti-eroi, sano masochismo sentimentale e amare istantanee di vita quotidiana.

 Non c’è niente ad esempio è una presa di coscienza, una pacca sulla spalla per chi si sente perso nell’apatia, nell’indifferenza. E’ palese che per i presenti rappresenti quasi una rassicurazione.

Il synth di Melting pot e Sayonara apre un momento più romantico, su un’elettronica che lascia muovere il corpo e l’anima a suon di deficit emotivi e malesseri sparsi a caso.

Gazzelle si concede anche un piccolo spazio pubblicitario dedicato alla sponsorizzazione del suo libro di poesie edito da Rizzoli. Inizialmente penso sia uno scherzo, dice ironicamente al pubblico di chiamarlo poeta, ma quando chiede a tutti di acquistarlo mi rendo conto che è serio.

Leggende tramandate dai fan narrano che Flavio Pardini sia diventato Gazzelle nel momento in cui è stato piantato dal suo grande amore.

Mi chiedo dunque se le relazioni tossiche siano direttamente proporzionali a successo e carriera, e in questo caso, che ben vengano.

Gazzelle chiude il concerto tirando prima fuori la chitarra per una versione più soft e intima di Martelli e Quella te e per il finale augura la buonanotte sulle note di Non sei tu.

Riflessioni: non diventerò mai una fan di Gazzelle, nonostante le gratificanti epifanie della serata. Se devo dirla tutta, solo a fine concerto ascolto la prima canzone che mi emoziona veramente, quando, post show, dalle casse risuona All you need is love, scelta un po’ paradossale dopo ciò a cui ho appena assistito, ma sempre meravigliosa

Clicca qui per vedere le foto di Gazzelle a Legnano (o sfoglia la gallery qui sotto)

Gazzelle

Gazzelle: La scaletta del concerto di Legnano

  1. Meglio così
  2. OMG
  3. Non c’è niente
  4. NMRPM
  5. Sbatti
  6. SMPP
  7. Meltin pot
  8. Sayonara
  9. Balena
  10. Coprimi le spalle
  11. Scintille
  12. Punk
  13. Nero
  14. Sopra
  15. Zucchero filato
  16. Polynesia
  17. Tutta la vita
  18. Martelli
  19. Quella te
  20. Non sei tu
Chiara Amendola
Written By

Cinefila e musicofila compulsiva. Quando qualcosa mi interessa non riesco a tacere.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Arte

Il 20 Aprile, presso il Leica Galerie Milano, è stata presentata la mostra fotografica “The Cult of Rifo – A Bloody Beetroots Journey”. Si...

Dischi

Un video, che racconta la loro storia, dà il via alla conferenza stampa che precede l’uscita, domani 16 Aprile, del secondo album dei COMA_COSE:...

Dischi

Si chiamerà Nostralgia ed uscirà il 16 aprile il nuovo album dei Coma_Cose che contiene Fiamme negli occhi, il brano in gara alla settantunesima edizione del Festival di Sanremo, scritto a quattro mani da Fausto...

Playlist

La playlist perfetta per una serata Netflix & Chill, scelta da 12 artisti.Oggi 17 gennaio 2021, è la giornata mondiale della pizza. Sì, esiste...