Connect with us

Hi, what are you looking for?

Reportage Live

Reportage: VINICIO CAPOSSELA e la Banda della Posta

Vinicio-Capossela-presenta-La-Banda-della-Posta-Carroponte
Foto di Roberto Finizio | Articolo di Stefania Clerici

Dicono che il matrimonio sia la tomba dell’amore. Sicuramente non è la tomba della musica, ma la culla, visto lo “sposalizio” consumatosi martedi sera al Carroponte tra Capossela, la Banda della Posta e l’amato pubblico partecipante, in prima fila per festeggiare in bellezza la chiusura estiva dei concerti dell’ex area industriale.

Vestito a festa, con ghirlande di luce sugli alti pali, atmosfera molto simile alla sagra di un paese irpino – visti anche i protagonisti sul palco – il Carroponte ha salutato l’estate con un grande habitué del suo palco, Vinicio, anche lui elegante in giacca e panciotto bianco, come vuole che la tradizione meridionale sia vestito lo sposo (che all’evenienza ieri si è trasformato in cerimoniere e in caporeparto).

Accompagnato nei suoi balli ora da una scopa, ora dalla chitarra, la festa è stata animata da mazurke, polke, quadriglie, paso doble, foxtrot, twist e tango, le musiche della tradizione popolare italiana, spagnola e sudamericana:  canzoni di Nicola di Bari, Rocco Granata, Adriano Celentano, insieme a quelle di Capossela, riarrangiate per l’occasione, con un Che cos’è l’amore e una Pena dell’alma, tra le altre, suonate per mettere in moto il corpo, non solo lo spirito e la mente, stimolando la dimensione collettiva e comunitaria della danza.

Clicca qui per vedere tutte le foto di Vinicio Capossela

Capossela ha voluto recuperare e riunire queste melodie in “Primo ballo”, il disco della Banda della Posta uscito lo scorso giugno, con (per la prima volta) lo stesso artista nei panni di produttore, e la festa di ieri sera ne è stato un buon assaggio. In una recente intervista Vinicio ha affermato: «Questo genere di brani regala un senso gioioso, rallegra, fa venire voglia di baldoria, si mette al servizio di una festosità che in passato affiorava soprattutto durante i cosiddetti sposalizi, quando il ballo rendeva le persone meno rigide, meno spigolose, le portava a inzupparsi di sudore e di vita e le faceva “sponzare».

Altri tempi, altre usanze, sì, ma ieri al Carroponte ci siamo davvero “sponzati” in un’atmosfera magica, fatta di racconti in musica, balli  cic’ tu cic’, quadriglie e cinquiglie, fino all’incontrè. Con i compagni di sempre Asso e Glauco, insieme ai new entry Tottacreta, Matalena, il Cinese, Parrucca e i fratelli Briuolo della Banda della Posta, con Capossela si è saltato e danzato, abbandonandosi alla fisicità di gruppo divertente, naturale che unisce e rinfranca l’anima.

Un gran finale di Gioia con L’Uomo Vivo e il Ballo di San Vito hanno chiuso il concerto a mezzanotte, prima di un desiderato bis che ha regalato Capossela con Ovunque Proteggi, in un abbraccio collettivo di corpi e cuori insieme ad un organetto, una chitarra, violini e fisarmoniche. Chiusura di show a mezzanotte e un quarto, anche se la tradizione del Sud vorrebbe che si andasse avanti a cantare fino all’alba… ma siamo a Milano e, pur conservando i ritmi antichi e locali in cuore, siamo costretti a fare i conti con la realtà dei tempi meneghini.

Vinicio-Capossela-presenta-La-Banda-della-Posta-Carroponte2

Written By

Milanese, classe 1983, sono appassionata di musica, cinema e cultura pop. Adoro viaggiare, mangiare, dormire, viaggiare, ballare, sorridere e fare l'amore. Oltre a scrivere di musica su Rockon sono digital producer per il tuo canale tv preferito. Amo il rock in tutte le sue forme, i gatti, fotografare il cibo che mangio (e lo faccio da anni, non per moda social) e perdermi per le vie delle città che non conosco. Bulimica di serie tv, collezionatrice di vestiti, scarpe, borse e tutto ciò che può entrare in una grossa cabina armadio puoi chiedermi di tutto e ti darò la risposta che cerchi (altro che Google e il libro delle risposte!), basta non domandarmi: “qual è il tuo artista preferito?”.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Reportage Live

di Stefania Clerici “È arrivato il nostro dicembre di luci e di attese, di comignoli e calze appese in una stazione ovattata di neve.”...

Reportage Live

Vinicio Capossela ha fatto tappa ad Ancona all’interno de La Mia Generazione Festival, alla sua terza edizione, il cui direttore artistico è Ermanno Giovanardi....

Concerti

Dopo un anno di rappresentazioni live legate al suo ultimo album “Ballate per uomini e bestie” (La Cùpa/Warner Music, Targa Tenco 2019 come miglior...

Concerti

Dopo il SOLD OUT a Bay Fest 2019, le incendiarie quattro performance del biennio 2017-2018 e l’indimenticabile show di Market Sound 2016 con oltre...