Connect with us

Hi, what are you looking for?

Reportage Live

Reportage: VINICIO CAPOSSELA e la Banda della Posta

Vinicio-Capossela-presenta-La-Banda-della-Posta-Carroponte
Foto di Roberto Finizio | Articolo di Stefania Clerici

Dicono che il matrimonio sia la tomba dell’amore. Sicuramente non è la tomba della musica, ma la culla, visto lo “sposalizio” consumatosi martedi sera al Carroponte tra Capossela, la Banda della Posta e l’amato pubblico partecipante, in prima fila per festeggiare in bellezza la chiusura estiva dei concerti dell’ex area industriale.

Vestito a festa, con ghirlande di luce sugli alti pali, atmosfera molto simile alla sagra di un paese irpino – visti anche i protagonisti sul palco – il Carroponte ha salutato l’estate con un grande habitué del suo palco, Vinicio, anche lui elegante in giacca e panciotto bianco, come vuole che la tradizione meridionale sia vestito lo sposo (che all’evenienza ieri si è trasformato in cerimoniere e in caporeparto).

Accompagnato nei suoi balli ora da una scopa, ora dalla chitarra, la festa è stata animata da mazurke, polke, quadriglie, paso doble, foxtrot, twist e tango, le musiche della tradizione popolare italiana, spagnola e sudamericana:  canzoni di Nicola di Bari, Rocco Granata, Adriano Celentano, insieme a quelle di Capossela, riarrangiate per l’occasione, con un Che cos’è l’amore e una Pena dell’alma, tra le altre, suonate per mettere in moto il corpo, non solo lo spirito e la mente, stimolando la dimensione collettiva e comunitaria della danza.

Clicca qui per vedere tutte le foto di Vinicio Capossela

Capossela ha voluto recuperare e riunire queste melodie in “Primo ballo”, il disco della Banda della Posta uscito lo scorso giugno, con (per la prima volta) lo stesso artista nei panni di produttore, e la festa di ieri sera ne è stato un buon assaggio. In una recente intervista Vinicio ha affermato: «Questo genere di brani regala un senso gioioso, rallegra, fa venire voglia di baldoria, si mette al servizio di una festosità che in passato affiorava soprattutto durante i cosiddetti sposalizi, quando il ballo rendeva le persone meno rigide, meno spigolose, le portava a inzupparsi di sudore e di vita e le faceva “sponzare».

Altri tempi, altre usanze, sì, ma ieri al Carroponte ci siamo davvero “sponzati” in un’atmosfera magica, fatta di racconti in musica, balli  cic’ tu cic’, quadriglie e cinquiglie, fino all’incontrè. Con i compagni di sempre Asso e Glauco, insieme ai new entry Tottacreta, Matalena, il Cinese, Parrucca e i fratelli Briuolo della Banda della Posta, con Capossela si è saltato e danzato, abbandonandosi alla fisicità di gruppo divertente, naturale che unisce e rinfranca l’anima.

Un gran finale di Gioia con L’Uomo Vivo e il Ballo di San Vito hanno chiuso il concerto a mezzanotte, prima di un desiderato bis che ha regalato Capossela con Ovunque Proteggi, in un abbraccio collettivo di corpi e cuori insieme ad un organetto, una chitarra, violini e fisarmoniche. Chiusura di show a mezzanotte e un quarto, anche se la tradizione del Sud vorrebbe che si andasse avanti a cantare fino all’alba… ma siamo a Milano e, pur conservando i ritmi antichi e locali in cuore, siamo costretti a fare i conti con la realtà dei tempi meneghini.

Vinicio-Capossela-presenta-La-Banda-della-Posta-Carroponte2

Written By

Milanese, classe 1983, sono appassionata di musica, cinema e cultura pop. Adoro viaggiare, mangiare, dormire, viaggiare, ballare, sorridere e fare l'amore. Oltre a scrivere di musica su Rockon sono digital producer per il tuo canale tv preferito. Amo il rock in tutte le sue forme, i gatti, fotografare il cibo che mangio (e lo faccio da anni, non per moda social) e perdermi per le vie delle città che non conosco. Bulimica di serie tv, collezionatrice di vestiti, scarpe, borse e tutto ciò che può entrare in una grossa cabina armadio puoi chiedermi di tutto e ti darò la risposta che cerchi (altro che Google e il libro delle risposte!), basta non domandarmi: “qual è il tuo artista preferito?”.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Arte

“Il più forte” è la mostra fotografica dedicata ad Adriano Celentano che si terrà all’Archivio Fotografico Storico Ferraina di Milano dal 7 Gennaio al...

Concerti

I Gogol Bordello scalpitano per tornare a suonare dal vivo e annunciano oggi una lunga serie di concerti estivi nel 2022: l’Italia sarà presente per tre date: 8...

Reportage Live

Vinicio Capossela in concerto al Blue Note di Milano

Reportage Live

Foto di Roberto Finizio Finalmente è tornata dal vivo nella sua Milano, M¥SS KETA la Regina di Porta Venezia.Dopo oltre un anno mezzo dal...